1 Febbraio 2010

Foibe? Il 57% degli italiani non sa cosa siano

Il significato della parola “Foibe” è conosciuto con esattezza dal 38% della popolazione italiana: il 3% in meno rispetto al 2008.
Il dato emerge dal nuovo sondaggio commissionato dall’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia alla Ferrari Nasi Ricerche alla vigilia del Giorno del Ricordo. Si tratta di un campione rappresentativo di tutto il territorio nazionale – spiega l’Anvgd -, al quale è stato chiesto il grado di conoscenza della parola “Foibe” ed “Esodo giuliano-dalmata”. Ebbene il significato della parola “Foibe” è conosciuto con esattezza dal 38% della popolazione. Il sondaggista Arnaldo Ferrari Nasi considera tale diminuzione all’interno di una possibile “fluttuazione statistica”.
Ben più significativa è invece la “perdita di memoria” degli italiani sull’Esodo giuliano-dalmata, conosciuto dal 16% della popolazione, con un arretramento di ben 7 punti percentuali rispetto a due anni fa.
Qui i risultati completi del sondaggio.

Leggi anche: Foibe, il Pdl si scatena contro Pirjevec: “Subito una commissione d’inchiesta”

Tag: , , .

25 commenti a Foibe? Il 57% degli italiani non sa cosa siano

  1. Avatar cagoia

    ma cossa volè che ghe freghi ai tagliani

  2. Avatar effebi

    il 38% percento a me sembra un percentuale altissima

    in ogni caso non si morì solo di “foiba”

    e non so quanti di quel 38% lo sa

  3. Avatar ciccio beppe

    58% praticamente tutti quei che sbava per Silvio (secondo lui)

  4. Avatar santacruz

    Se xe per questo noi sa nianche niente de:

    – Banco Ambrosiano
    – Pizza Connection
    – Conto Protezione
    – All Iberian
    – …
    – …

    🙂

  5. La cosa non deve sorprendere, se consideriamo che una percentuale sorprendentemente alta (se non ricordo male, circa il 35%) non sa spiegare il concetto di “Olocausto”.

    La cosa però dovrebbe tranquillizzare i nostri amici sloveni e croati: agli italiani non interessa un fico secco di andare a “riprendersi l’Istria e la Dalmazia”, come spesso scrivono o insinuano alcuni nella stampa di quei paesi.

    Nonostante giorni del ricordo, cuori nel pozzo o cose del genere.

    Luigi (veneziano)

  6. Avatar santacruz

    Vero… infatti interessa di più trovare il modo di “disfarsi di Sicilia, Calabria e Campania”, come spesso scrivono o insinuano alcuni nella stampa di una parte del nostro paese!

    🙂

  7. Avatar MARISA

    http://www.ilgazzettino.it/articolo.php?id=88340

    Una curiosità: c’era questa notizia sul Piccolo di Trieste?

  8. Avatar effebi

    c’era persino sul sito dell’A.N.V.G.D.

  9. Avatar MARISA

    Effebi, riscrivo la domanda:

    Sul Piccolo di Trieste era riportata la notizia che la Cassazione ha confermato la condanna per diffamazione?

    Che fosse sul sito dell’A.N.V.G.D. è del tutto irrilevante. E’ il sito degli esuli.

    Il Piccolo è il quotidiano più letto dai triestini…

  10. Avatar matteo

    storia vecchia che non interessa al vivere comune della gente

  11. Avatar MARISA

    Peccato non interessi!

  12. Avatar effebi

    non leggo il piccolo…
    almeno non regolarmente , quindi non saprei.
    non capisco la tua curiosità, cmq credo che il sito del piccolo abbia un archivio

  13. Avatar MARISA

    @ luigi

    Tante sono le cose che non sanno gli italiani….e questa è sola une delle tante!

    Italiani brava gente? Il risultato della non conoscenza della propria storia…

  14. Avatar rivka

    CRNA LEGIJA:EVO ZORE DANA EVO EVO JURE I BOBAN.HRABRE USTASE I BALIJE-POGLEDAJTE ISTINU! Su YOU TUBE si trova di tutto anche vecchie conoscenze

  15. Avatar rivka

    Italiani e sloveni hanno spesso combattuto assieme,non solo come partigiani,vedere Waffen-Gebirgs-Division der SS

  16. Avatar effebi

    marisa…
    ma tu come hai saputo quella notizia ? da una fonte clandestina ? da una radio straniera ?

    madonna mia ! sembra che per 60 anni in italia si sia tenuto nascosto il fascismo e i suoi danni… orsù ! orsuvvia !

  17. Avatar effebi

    non so se oltre confine per 60 anni c’è stata la stessa possibilità di essere informati

  18. Avatar MARISA

    @ Effebi – commento 16 –

    la notizia della sentenza della Cassazione è stata pubblicata pochi giorni fa sia sul Gazzettino che sul Messaggero Veneto. C’era sul Piccolo?

    Pirina aveva fatto ricorso contro la condanna per diffamazione (tribunale di Trieste 2004) e la sentenza della Cassazione che conferma la condanna del 2004 “è di questi giorni”.

    Come vedi…..”non è roba vecchia”! Ma al contrario una notizia molto recente.

  19. Avatar effebi

    ma sai quante cose che il piccolo non pubblica, di “questo o di quello”

    mi vorresti dire che il piccolo è un giornalaccio di destra fascistoide che copre le notizie su questi problemi ??

    ma dddddddai ! e forse magari anche c’era ma non ce ne siamo accorti…

  20. Avatar MARISA

    Se fosse stata confermata dalla Cassazione la condanna per diffamazione di qualche storico non allineato con l’interpretazione sulle foibe delle associazioni degli esuli…..secondo te, la notizia sarebbe sarebbe stata pubblicata o ignorata dal Piccolo?

    Mi piacerebbe conoscere la tua opinione…..

  21. Avatar effebi

    credo a caratteri cubitali per una settimana

  22. Avatar effebi

    (ma, marisa, che giornale pensi sia il quotidiano di trieste ? schierato a ds ? quello di alessi ? …la cittadella non è più un suo allegato da tempo. forse ti confondi)

  23. Avatar MARISA

    @ EFFEBI

    Concordo con te…..

  24. Pingback: A TOLMEZZO UN MONUMENTO PER LE VITTIME DELLE FOIBE « TOLMEZZO NEWS

  25. Avatar Pasquino

    E’ vero… sono tanti coloro che non conoscono il significato della parola “foiba” … e tra questi tanti vi ero anch’io fino a quando sono arrivato in Friuli.
    Non me ne sono fatto una colpa… non lo sapevo e basta!
    Sono stato a scuola per diversi anni ma non ricordo un solo insegnante che abbia fatto cenno e/o approfondimenti alla parola “foiba”….
    Non dobbiamo dimenticare e al tempo stesso non dobbiamo alimentare polemiche ….. quello che serve è avere rispetto per entrambi gli “schieramenti” di allora e soprattutto memoria e rispetto per quanti hanno dato la vita per questa nostra straordinaria terra chiamata ITALIA.
    Dio abbia misericordia di tutti loro innocenti e colpevoli, vinti e vincitori.
    Un soldato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.