21 Marzo 2016

Mulo a Trieste: l’etimologia della parola

el sunto Nereo Zeper, autore della grammatica del dialetto triestino, spiega l'etimologia della parola mulo.

L’etimologia della parola “mulo”, usata a Trieste per indicare i ragazzi, è probabilmente una delle cose che desta maggior curiosità alle persone che arrivano nel capoluogo.
E forse anche agli stessi muli, mule, muleti, mulete, muloni e mulone.
Nereo Zeper, l’autore della grammatica del dialetto triestino, svela il mistero in questo video registrato presso la libreria Lovat.

El mulo Nereo Zeper collabora inoltre con Bora.La con una rubrica settimanale di approfondimento sulla corretta grafia del dialetto triestino.

A proposito, una serata interamente dedicata al dialetto triestino, con i libri “Le disgrazie del tran de Opcina” e “I soliti veceti“, rispettivamente di Diego Manna e di Raimondo Cappai e Paolo Stanese, editi da White Cocal Press, è organizzata mercoledì 15 luglio 2020 alle 18 presso il ristorante San Mauro a Sistiana 122, per il Duino&Book festival.

LE DISGRAZIE DEL TRAN DE OPCINA
tran de opcinaTrieste, 2052. La zità xe controlada dal COFE, Centro Operativo per la Friulana Egemonia, che pian pianin ga conquistado un poco tuta la region. Una dele prime robe che el ga fato xe stà vietar el capo in b, el spritz bianco, el teran e adiritura proibirghe ai fioi de parlar in triestin. El tran de Opcina, un tempo tanto cocolado, xe stado inveze trasformado in un barachin per petessoni al’Obelisco.L’unico in grado de tegnirghe testa al COFE saria el MONA, el Movimento Organizzato per la Nazione Alabardata, ma de tanti ani ormai no se sa più niente de lui.Ma propio quando tuti par ormai gaver perso le speranze, e el Podestà Furio Teimbiavo e la sua vice Chanel Nacici xe adiritura colaborazionisti dei furlani, eco che salta fora l’inimaginabile.Zinque muleti dela Scola Elementare James Joyce, durante l’ora de frico e cotecio, i scoprirà un’antica profezia che li catapulterà in una corsa incredibile contro el tempo, tra sfingi ciacolone, ristoranti McFrico’s de lusso, clanfe moleste e una zaia de veci insempiadi. Inseguidi dai maestri Loris Mandi e Gianni Bastonich, dai agenti Copotutti e Xeciodi e dal Podestà e la sua vice in persona, i doverà adiritura passar per l’inferno triestin, coi sui temibili gironi dela bora, dele bobe e dele comesse ranzide. Ghe la farà i nostri zinque eroi a ristabilir l’equilibrio nel’eterna sfida tra MONA e COFE?

I SOLITI VECETI
vecetiTrieste, primi ani Domila. Intanto che la polizia va in zerca de chi ga svodà la Banca d’Italia, le vite e le storie de zinque veceti carighi de morbin e de un giovine mazocà de la sfiga se incrosa in giro pei buffet dela cità.Tra un otavo, una polpeta e una maldobria, pian pianin el mulo comincia a farse domande: cossa xe la fortuna? I veceti ghe sta scondendo qualche segreto? E… contarse le storie dei ani boni passai, che scopo ga?

I libri si trova in tutte le librerie di Trieste nonché online su amazon anche in formato ebook a questi link:
LE DISGRAZIE DEL TRAN DE OPCINA
I SOLITI VECETI

 

Tag: , , , .

Un commento a Mulo a Trieste: l’etimologia della parola

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.