25 Febbraio 2008

“Xe pol far” – dice, sbagliando, il Pd

“Si può fare.” Lo slogan che ha scelto il Partito Democratico per la campagna elettorale che precede le imminenti elezioni è semplice e diretto.

La trovata propagandistica è stata quella di tradurre la frase nei diversi dialetti italiani, su e giù per lo stivale, per arrivare proprio al cuore di tutti. In ciascuna regione, città, contrada “Si può fare” si è trasformato nella parlata locale.

Anche a Trieste. Lo slogan è diventato “Xe pol far.” Peccato che la traduzione, tre parole appena, sia clamorosamente sbagliata. La versione corretta sarebbe “Se pol far”: il “si” impersonale dell’italiano diventa “se” in triestino, non “xe”, terza persona singolare dell’indicativo presente del verbo essere.

Lettera diversa e suono diverso. Esse sorda quella di “se”, esse sonora quella di “xe”. Insomma l’errore è abbastanza grossolano e direi imperdonabile: su tre parole sbagliarne una non mi sembra un buon inizio. Il verbo essere poi…

Chissà di chi è la colpa? Da pignolo, forse per deformazione professionale, mi stupisco sempre quando trovo una parola straniera (un nome, una località, un titolo) trascritta in maniera errata. Possibile che non ci sia nessuno a cui chiedere conferma? Possibile che non si controlli prima di mandare in stampa?

Certo oggi c’è il correttore automatico che spesso modifica e “corregge” anche quello che non vorremmo. E poi i responsabili della promozione elettorale del PD non saranno triestini, non avranno avuto un dizionario a portata di mano e hanno trovato più esotica la “x”.

La frase incriminata è stata riportata sulla maglietta lanciata in questi giorni in tutta Italia. Adesso sul sito del PD la frase è corretta: probabilmente perché è scritta in veneziano, che poi in questo caso è come la grafia triestina. Correggeranno anche le magliette?

Mah. A tutti quelli che non si sono accorti dell’errore consiglio le registrazioni della trasmissione radiofonica “Non è mai troppo tardi… nemmeno per il triestino!” di Alessandro Fullin ed Emanuela Grimalda, andata in onda su Radio Rai regionale fino a dicembre. In maniera ironica, e a volte surreale, si può imparare e ripassare il nostro amato dialetto.

Tag: , , , , .

4 commenti a “Xe pol far” – dice, sbagliando, il Pd

  1. arlon ha detto:

    ma varda sti qua che zurli… Cmq, ste registrazioni, se le trova de qualche parte sul web?

  2. maria ha detto:

    sia sulle magliette che sul sito ci sono sempre state le due versioni. Una triestina e una veneta. Se le tue osservazioni si basano su quello che ha scritto il Piccolo, vedi di informarti meglio la prossima volta…

  3. arlon ha detto:

    e alora xe sbaglià doprar quela veneta.. :-S

  4. valerio ha detto:

    Giorni dopo, su NetMonitor ( che mi pare sia da seguire, per chi è interessato alla politica sulla Rete ), …

    http://netmonitor.blogautore.repubblica.it/2008/03/01/xe-pol-far-walterloo-e-monty-python-la-satira-dei-blog-ne-ha-per-tutti/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.