27 Marzo 2007

Nuova destinazione per le strutture confinarie

Casa_rossa Trovare una nuova destinazione a strutture e infrastrutture sul confine in vista dell’ingresso della Slovenia nell’area Schengen. E’ il compito che si è data la nuova comissione operativa transfrontaliera creata dalle giunta comunali di Gorizia, Nova Gorica e San Pietro-Vertojba. I sindaci hanno infatti deciso di creare due nuovi organismi che si occuperanno uno della promozione turistica del Goriziano, l’altro, appunto, della trasformazione delle strutture a cavallo del confine. Le commissioni sono composte da cinque membri ciascuna, scelti tra il personale e gli amministratori dei tre Enti: per la commissione per l’analisi della destinazione turistica del Goriziano sono stati nominati per il Comune di Gorizia gli assessori Primosig e Cressati, per il Comune di Nova Gorica i responsabili Dejana Baša e Matej Jakin e per il Comune di San Pietro-Vertoiba il segretario generale Dušan Bremec, mentre per la commissione per l’uso delle strutture sul confine sono stati nominati gli assessori Primosig e Cressati, per il Comune di Nova Gorica il capo di gabinetto Bogdan Žižmond Kofol e il dirigente dell’urbanistica Niko Jurca e per il Comune di Šempeter-Vrtojba il vicesindaco Zvonko Mavri?. Quest’ultima avrà anche il compito di programmare le manifestazioni per l’ingresso della Slovenia in area Schengen.

Un commento a Nuova destinazione per le strutture confinarie

  1. gilbone ha detto:

    altra perdita di tempo: fra due mesi non ci saranno più quelli della parte italiana, sia che vinca Brancati, che vinca Brandolin e certamente se vincesse Romoli…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *