4 Novembre 2010

L’ingrifone, uccello silvicolo endemico di Villa Certosa che pratica il bunga-bunga

Seconda anteprima tradotta in triestin del zooillogic canton del Tre Volte Monon Behavior, dal 20 novembre in libreria.
Questa volta i bravissimi zoologi del Monon Behavior Research Department hanno scoperto un’incredibile nuova specie di uccello, l’ingrifone, endemico di Villa Certosa ma che spesso si vede anche dalle parti di Hardcore. Pupolo di Erika Ronchin.

L’INGRIFONE
Gyps fulvus burlasconis Luxur

L’ingrifone xe un usel la cui esistenza xe ‘ssai messa in discussion, infati qualchidun disi che no el xe reale, ma che se trata solo de una creatura mitologica propio come el grifone dele legende mesopotamiche, quel mezo leon e mezo aquila.
Comunque par che dei coragiosi zoologi, che lavora ogni giorno in mezo ala natura più selvagia, i gabi visto sto famoso ingrifone in Sardegna. Questo usel silvicolo par endemico de una picia zona vicin Vila Certosa e par che el gabi el corpo ‘ssai simile ai grifoni (quei veri, quei del lago de Cornino dei per capirse, no quei mitologici), mentre la testa ghe somiglia ‘ssai a quela de un famoso politico italian, solo un poco più spelaciada perchè no se ga ancora mai operà, e quindi sto usel de solito ga indosso una bandana per sconder le calvizie. El naso de sto ingrifone xe ‘ssai longo, perchè el conta un mucion de monade. El conta anca ‘ssai barzelete e par che el sia de otima compagnia in osmiza.
La biologia de sto usel xe particolare: in ogni popolazion esisti un solo mas’cio che xe sempre ‘ssai ingrifà e che xe un gran cotoler. Tute le femine, più bele che inteligenti, fa parte del suo harem e le ricevi un’orchidea come dono nuziale durante el rito de acopiamento, che se ciama bunga-bunga, e che ragiungi el culmine quando l’ingrifone mas’cio canta “meio mona che recion, viva la f. e po’ bon!”.
Quando l’ingrifone mas’cio diventa vecio e sta per andar in asedo, el genera un clone, che diventerà el novo paron dispotico de tuto l’harem e el ciclo ricomincia.
Sto ingrifone ga un’altra carateristica ‘ssai curiosa: i suoi artigli se ga pian pian evoludo in penarei, che l’usa per andar in giro a tirar una riga in tuti i posti che el visita.

Quel dela Quela on Facebook

Tag: , , .

26 commenti a L’ingrifone, uccello silvicolo endemico di Villa Certosa che pratica il bunga-bunga

  1. susta ha detto:

    Bravissimiii!! 🙂
    E ‘sto ingrifon imbandanà… mama mia che inquietante: meno mal che nela realtà no esisti gnente del genere!

  2. Flores ha detto:

    … Bela muli! Eco cos’ che intendevo mi auspicando una scherzosa replica de Vendola ala sortida del satiro de Arcore.
    Una risata vi sepelirà…e con farina del proprio saco! altro che seriosi fervorini,forzosi colegamenti, sciarade e citazioni copia/incola…
    Fortissimamente Viva l’A., Diego & Erika.

  3. susta ha detto:

    C’è chi è incline ad infilare dappertutto giustificazioni rapide e indolori per dire che tutto va ben, madama la marchesa, e chi invece sceglie di andare un po’ più a fondo nell’interpretazione della realtà, a partire dalla sua percezione, come fa Chinaski nei suoi commenti al post sul bunga bunga (con i quali concordo). Riprendere il Gadda citato dalla De Gregorio mi è sembrato tra l’altro, oltre che un apprezzabile segno di umiltà, un bel modo di dare alla questione il respiro storico-culturale che, ahimè, merita.
    Ma, ribadisco: il mondo è bello perchè vario.

  4. Bibliotopa ha detto:

    me preoccupa la generazion del clone..

  5. Flores ha detto:

    ..c’è chi è incline a dare alle battute ,ma soprattutto agli autori delle medesime, il peso che tali esternazioni e tali autori si meritano, replicando con sfottò agli sfottò.
    Pagare con oro “mutuato” Gadda della paccottiglia by Silvio, non mi appare essere più bravi ad “andare a fondo alla realtà e dare respiro socio culturale” alla questione. E’ solo enfatizzare la pagliuzza facendola passare per trave.
    Altre sono le “travi” ed è meno superficiale fare un distinguo che processare “a pacchetto”.
    Condivido che il mondo è bello perché è vario, pertanto mi permetto di aggiungere che per me la persona seria non è quella che non ride mai!
    Ovviamente non alludo alla becera uscita macho oldstyle in esame, ma alle reazioni di chi la legge.

  6. chinaski ha detto:

    berlusconi NON FA ridere. berlusconi fa paura. e’ come il joker di batman. e’ come il commissario di polizia che ti interroga dopo averti fatto fare tre giorni di isolamento, e tu non sei piu’ tanto sicuro della tua innocenza, e ti aspetti che ti prenda per il collo, che ti minacci, e invece lui comincia a raccontare barzellette, e tu non sai cosa fare, perche’ sei pur sempre in questura, ma forse lui vuole proprio che tu rida, e allora tu provi a ridere, e anche lui ride, poi smette di colpo, e la sua faccia diventa minacciosa, e a quel punto sei fregato, perche’ non hai piu’ difese. ho reso l’ idea?

  7. Bibliotopa ha detto:

    a me fanno paura ancora di più altri..

  8. massimiliano ha detto:

    più che paura, fa schifo, umanamente, fisicamente, culturalmente (ammesso che sia valutabile).
    lui e la sua pattuglia sono destinati a sciogliersi nel (de)comporsi di un orrendo Golem.
    questo vale anche per i suoi seguaci locali, destinati all’oblio, perchè sono oblio.

  9. capitan alcol ha detto:

    A me fa paura un ordinamento istituzionale che come ai tempi del corvo bianco etilista al cremlino (con tanto di accesso alla valigetta dei codici di lancio) non riesca a prendere provvedimenti in caso di conclamata malattia dei suoi maggiori vertici.
    Questo un po’ mi spaventa.

  10. massimiliano ha detto:

    è malato, va sollevato da incarichi istituzionali.

  11. capitan alcol ha detto:

    Non si può finchè un medico non rivela la diagnosi.
    Ma chi è il medico che dovrebbe farlo? Uno dei suoi?

  12. massimiliano ha detto:

    vedrai che prima o poi ci si arriva. non sto scherzando. la sua ex moglie lo ha detto un anno fa, se ben ricordi.

  13. Flores ha detto:

    il fatto che tutti e noi per primi, si possa lapidare e ri-lapidare a piacimento e più o meno a proposito l’ occhiuto nanetto senza finire in un gulag, non vi sembra già un bel distinguo con “l’etilista del Cremlino”?
    Quanto a sollevare dall’incarico l’erotomane, avvenga per motivi attinenti all’incarico e a norma di legge.
    Il resto attiene al privato,ai punti di vista e alle antipatie di ciascuno.
    Nè i primi, né le seconde sono quotati in borsa né hanno rilevanza giuridica.

  14. massimiliano ha detto:

    di fatti e atti che hanno rilevanza giuridica ce ne sono a bizzeffe.
    basta saper attendere.
    e comunque esiste un aspetto morale che non può essere scisso dalla vita di chi rappresenta le istituzioni.
    non abituiamoci allo schifo, per cortesia. quando e dove c’è, lo si denuncia e si fa in modo di rimuoverlo.

  15. Tergestin ha detto:

    Bisogna valutar el contesto.
    De capi de stato maschilisti, omofobi, ostentatamente sessuomani, pacchiani e arricchidi, pieni de lacche’ pronti a servirli nei modi piu’ imbarazzanti, con in man tutti i media o quasi del paese piu’ un carico de processi e pendenze penali da far invidia alla banda Vallanzasca, ne esisti?

    Certo. Ma non in paesi cosiddetti “occidentali”. Berlusconi xe molto piu’ simile a Zuma che a Brown, molto piu’ somigliante con Thaksin (ex premier thailandese) che con la Merkel e molto piu’ amico de Putin che de Obama.
    Quel che dovessimo domandarse xe: ma come mai el popolo italian riva a cascar cussi’ in basso?

  16. capitan alcol ha detto:

    Le lapidazioni lasciamole perdere, l’attualità ce ne notifica già troppe e di fin troppo reali per essere tirate in ballo.
    Con l’etilista del Cremlino il distinguo è doveroso fintanto che qualcuno non ci tiri in mezzo a paludi per la semplice ricattabilità di un ipotetico incapace mentale.
    Il privato non è nemmeno un sancta sanctorum. Con queste premesse nessun crimine entro mura domestiche potrebbe avere persecuzione.

  17. Flores ha detto:

    Di quali ” crimini entro le mura domestiche” si sarebbe macchiato Berlusconi? o forse alludi a Michele Misseri ?
    Se i difensori d’ufficio dei gay sono i loro peggiori nemici, i detrattori d’ufficio del Cavaliere paradossalmente finiscono per esserne i migliori amici …

  18. capitan alcol ha detto:

    L’adescamento e il sesso con minorenni non consenzienti è punibile dalla legge.
    La falsa testimonianza a pubblico ufficiale (Do you remember Mubarak?) è altresì punibile.
    Ma io lascerei che a parlare sia chi di dovere.

  19. chinaski ha detto:

    privato? guarda flores che berlusconi oggi ha detto che tutto l’ affaire ruby e’ opera della mafia. quindi secondo berlusconi siamo di fronte a un progetto eversivo. e quindi tutta questa storia non e’ affatto privata. ma questo lo sapevamo gia’.

  20. chinaski ha detto:

    e poi e’ sconcertante l’ idea che si debba parlare solo di atti giudiziari o di quotazioni in borsa. esiste anche il giudizio politico, e oltre a questo persino il discorso sul potere, sui miti e sull’ immaginario su cui si fonda, ecc.

  21. santacruz ha detto:

    Macchè pubblica… xe privata!

    Il nano ga appena dito che i attacchi a lui xe una vendetta della mafia… niente de pezo de un’amante tradida!

    E cossa xe de più privato de un’amante? 😉

  22. capitan alcol ha detto:

    @20 chinaski perchè son capaci di rinfacciarti di essere un moralista.
    Ne avevamo parlato tempo addietro per le ronde anti-escort-da-marciapiede.
    Se la loro figlia passassero a prenderla con un’autoblu è probabile che la lascino andare con tanto di benedizione.

  23. Tergestin ha detto:

    Ma stemo parlando de un soggetto che xe indagado de decine de reati tra cui mafia, truffa aggravada, corruzion, concussion, falsa testimonianza e altre robette che no xe proprio soft.

  24. santacruz ha detto:

    A proposito de marchette, ultimi editti governativi sull’argomento:

    – se una fa le marchette in mezzo alla strada e ga come clienti persone qualsiasi come ti o mi, semo de fronte a un’indecenza da perseguir col massimo rigor;

    – se invece ghe xe il sospetto che la prostituzion vegni esercitada in casa e che i cosiddetti “utilizzatori finali” sia personaggi ben più importanti, allora perfino parlarghene diventa un’indegna e antidemocratica “caccia all’omo”.

    In altre parole, ai potenti devi esser concesso senza fiatar quel che xe proibido ai comuni cittadini.

    Semo proprio il paese del bunga bunga!!!

  25. brancovig ha detto:

    ma mi par che l’ingrifone se ga za clonà e i cloni sta za slongando le mani (perdon le ali)

    ma forse più de clonaggi saria de parlar de partenogenesi

  26. Flores ha detto:

    …me diol ‘ncora el stomigo de tanto rider scoltando Benigni sull’argomento l’altra sera a “vieni via con me”.
    Irresistibile, anche se ” reinterpretà” el commento alla difesa de Silvio, ” è una vendetta della mafia…”.
    Lu’ aludeva ale ” calunnie” messe in giro dala Mafia (???!!!).
    Benigni, alle signorine messe ‘ntel leto del Cavaliere da Cosa Nostra per ( ahahah!) “vendetta”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.