19 Novembre 2009

Centro chiuso al traffico e fiera di Santa Caterina: 2mila parcheggi gratuiti

È pronto il piano straordinario dei parcheggi messo a punto da Comune di Udine e Ssm per domenica prossima, 22 novembre, in concomitanza del blocco del traffico dovuto agli sforamenti di Pm10 e della fiera di Santa Caterina.
“In considerazione del grande afflusso di persone previsto per domenica e il concomitante blocco del traffico entro il ring – commenta l’assessore alla Mobilità, Enrico Pizza –, abbiamo deciso insieme a Ssm, che ringrazio per la disponibilità, di aprire in modo straordinario e gratuito alcuni parcheggi in struttura e di mettere a disposizione un piano di sosta lungo tutto il perimetro del centro”.
A disposizione, infatti, ci saranno oltre 2 mila posti auto, suddivisi tra parcheggi in struttura e aree di sosta. I parcheggi Andreuzzi, Caccia e Magrini, solitamente chiusi la domenica, saranno aperti gratuitamente e sorvegliati dal personale di Ssm dalle 9 alle 21. A questi si aggiungo gli stalli disponibili nella struttura di via del Vascello (stazione Fs), al teatro Nuovo e al Moretti, che per l’occasione aprirà eccezionalmente di domenica l’area riservata agli abbonati. Ma non solo. Perché per cittadini e turisti ci saranno anche i parcheggi disponibili all’ex frigorifero in via Sabbadini.
Nel caso in cui, ovviamente, le condizione meteorologiche dovessero cambiare e non si rendesse più necessario il blocco alle auto, verrà meno anche il piano eccezionale dei parcheggi. Per poter accedere alla fiera di santa Caterina, dunque, resterebbero liberi tutti i posti auto normalmente a disposizione in città. “Per quanto abbiamo messo in campo questo piano straordinario dei parcheggi per far fronte ai disagi dovuti al blocco del traffico – conclude Pizza – il consiglio che ovviamente diamo come mobilità è di usare il più possibile i mezzi pubblici e di muoversi a piedi”.

Tag: , , , , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.