31 Marzo 2007

Progetto “Batterie non incluse”.

Ovvero, percorsi triestini di psicogeografia e di sopravvivenza urbana.

Batterie non incluse.

Il percorso mira a individuare i luoghi del benessere e del disagio nell’uso spazio-tempo del quotidiano e a promuovere un processo di consapevolezza urbana per costruire ed elaborare una mappa d’uso della città in cui vengono rappresentate nuove alternative di fruizione e possibili rimedi al disagio.L’esperienza si articola in tre momenti:
– percorso di psicogeografia
– laboratorio di sintesi
– costruzione di una mappa di sopravvivenza Si analizzerà un segmento della città, utilizzando lo strumento della passeggiata di quartiere, aiutati da metodologie che mirano a stimolare i sensi, le emozioni e la registrazione dei dati soggettivi. La finalità è di costruire una mappa di sopravvivenza urbana attraverso strumenti come la fotografia, il teatro, la pittura, il collage, il fotomontaggio.

Programma:
24 Marzo – ore 15
Club Zyp, Via delle Beccherie 14
Introduzione al percorso: saper vedere la città
31 Marzo – ore 15
Ritrovo in Piazza Garibaldi
Passeggiata di quartiere – Esperienze di psicogeografia
14 Aprile – ore 15
Ritrovo in Piazza Perugino
Passeggiata di quartiere – Esperienze di psicogeografia
21 Aprile – ore 15
Club Zyp, Via delle Beccherie 14
Mappa collettiva e dello stato di fatto
28 Aprile – ore 15
Androna degli Orti 4/b – a cura del laboratorio di artigianato teatrale CAGIPOTA
Spazio e Comunicazione
12 Maggio – ore 17
Androna degli Orti 4/b – a cura dell’Associazione Giolli
Teatro dell’oppresso e della coscientizzazione
13 Maggio – ore 17
Androna degli Orti 4/b – a cura dell’Associazione Giolli
Teatro dell’oppresso e della coscientizzazione
19 Maggio – ore 15
Club Zyp, Via delle Beccherie 14
Mappa emozionale, percettiva, dei colori e dei sensi
26 Maggio – ore 15
Club Zyp, Via delle Beccherie 14
Mappa delle strategie di sopravvivenza
02 Giugno – ore 15
Androna degli Orti 4/b
Conclusione, presentazione della mappa e festa finale

Per ulteriori informazioni andate qui.

Un commento a Progetto “Batterie non incluse”.

  1. enrico maria milic ha detto:

    ogni volta che rilezo sto articolo no rivo a capirlo.
    xè un po’ tropo tecnico, come dir

    ciau

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *