28 ottobre 2018

Basabanchi repete: appuntamento imperdibile nel convento delle risate

el sunto Siamo andati a vedere Basabanchi repete, il nuovo spettacolo di Alessandro Fullin. Ecco le nostre impressioni.

Dopo aver letto e apprezzato ben sei libri di Alessandro Fullin, finalmente mi sono deciso a vedere anche la versione teatrale del suo ultimo titolo: Basabanchi repete.
Ammetto di vergognarmi un poco di aver atteso così tanto e adesso, com’era prevedibile, me magno le man di non avere visto gli altri.

Comunque, visto che si parla di libri e spettacoli in dialetto, da adesso ve conterò le robe in triestin, ciò.

Disevo che me dispiasi ‘sai de no gaver visto anche i vari Sissi a Miramar, Giallo Trieste Rosso Capodistria e el primo Basabanchi. Questo perchè ghe xe una diferenza abissale tra libro e version teatrale: l’interpretazion dei atori.
Se nel libro el raporto che se instaura xe “solo” tra autor e letor, a teatro le robe xe ben più complesse, perchè oltre al’autor che ga scrito el testo ghe xe anche chi che lo meti in scena dando vita ai vari personagi. Questo senza contar poi chi che se ocupa dele varie robe drio le quinte, regia, scenografia, costumi ecetera. Insoma diventa in pratica quasi un’“orgia culturale” (bon dei, xe che volevo tirar fora una frase a efeto in tema col spetacolo).

E cussì, pur gavendo za leto el libro e quindi esserme za imaginado la mia personale version dela storia, quel che go visto ieri sera in pratica ga scombussolado un poco tuto. Anche le batude che za conossevo, unide ale espressioni dela clapa de atori, gaveva tuto un altro efeto. Co te legi, te decidi ti el ritmo, e tante volte una fraseta o un viz te sbrissa via senza che te se corzi. A teatro no se scampa: pause, tempi, posizioni, xe tuto studià per farte rivar quel viz drito in panza.
In più sto efeto diventa anche retroativo. Se desso ripenso ai libri precedenti, no rivo più a separar chi ieri iera sul palco dai personagi che za conossevo, e anche quele storie ciapa novo color.

Tuto questo per dir, in soma dele some, che val secondo mi la pena de leger el libro e veder el spetacolo, indiferente in che ordine. Perchè xe do robe diverse, e Fullin xe un campion nel far funzionar entrambe le vie. E mi che me piasi studiar dei maestri, desso vado a rilegermelo per rubar con l’ocio la tecnica de trasposizion dei do testi.

Riguardo el spetacolo, Basabanchi repete xe la seconda puntata ambientada nel convento dela beata pinza de via Biasoletto. Suor Camoma, Suor Sbonfa, Suor Palacinka e la superiora se ritrova con problemi de schei (riassumer le robe in triestin xe sempre una meraviglia) e lora le “afita” l’uso del convento a una troupe cinematografica de film no propio sacri, e de là parti tuta una serie de scenete memorabili. D’altra parte, se el protagonista se ciama Tullio Teciapa, altro no podeva esser.
E cussì, tra afreschi del tran de Opcina che no parti, pranzi a base de whisky “perchè le suore no pol fumar canoni”, furlani, jugonostalgia e tanta, tanta autoironia, le ridade in pratica no se ferma mai.

Questi gli orari dei prossimi spettacoli:
domenica 28, ore 16:30
martedì 30, ore 20:30
mercoledì 31, ore 20:30
Prenotazioni e prevendite presso le biglietterie del Teatro Bobbio e del Ticketpoint.

Tag: , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *