Pupolo di Marco Englaro
22 giugno 2018

Magnar ben per bon: liptauer

el sunto Ricete e morbin dai sie ai zento ani e passa spignatade de Edda Vidiz

Vienna: la cità de l’arte, dela musica, dela poesia, del vin. Vienna: la cità dei Lieder, Vienna nele sue canzon, Vienna cità dei sogni, Wien bleibt Wien. Una goduria de viver, de balar, de magnar, de cantar, de bever. Perché el vienese come noialtri, primi cugini triestini, el xe bontempon, se vivi ‘na volta sola e ‘sta vita bisogna vardarla, gustarla, sentirla in musica de Mozart, de Strauss, de Lehar, de Stolz, de Kalman.
E tratorie, birerie, locande, osterie, tavernete e profumadi bufet dove se magna luganighe e gulash e parsuti crudi e coti, porzina e capuzi garbi, pan de ségala, e i salzstangel e ‘l famoso liptauer!
Ma no cori miga far un viagio fin a Vienna per gustar el Liptauer. Anche a Trieste trovè sta rizeta no a base de formaio, ma proprio de formaio, lassada in eredità de la cusina de l’imperial regio governo austriaco. Defati sta rizeta chi la disi slovaca (per via del formaio de Liptau), chi ungarese e chi austriaca, ma a mi e a voi ne interessa solo saver che la xe bona. Viva là e po’ bon, insoma! E andè a comprar:

10 DECA DE BUTIRO AMORBIDIDO
20 DECA BONI DE PUINA
5 DECA DE GORGONZOLA
5 DECA DE STRACHIN
1 CUCIAR DE SENAPE
1 CUCIAR DE PAPRICA
1 ZIVOLETA,
UN PUGNETO DE CAPERI
UN PUGNETO DEPERSEMOLO
UN BIC’ DE AIO

Preparè el Liptauer missiando tuto a fredo (cussì risparmiè anca sul gas), prima el butiro e ‘l formaio, po’ la puina e ‘l tritado de zivoleta, caperi, persemolo e aio. Se no ghe la fè più a girar perchè ve xe un paston duro, vol proprio dir che ‘l soramanigo no ‘l xe proprio de ‘na coga imperial, ma gnente paura, ghe zonterè un sluc de late e andarè vanti istesso fina che gaverè una bela crema morbida.
Come gavarè capido, el Lipatuer no xe un piato che se magna a cuciarade, ma lo dovè spalmar sul pan de ségala o anca su fetine de pan bianco rostide e farè un figuron in tuti i licof, festini e financo pranzi de noze!
Che basi, bori e buzolai no i ve manchi in piato mai!

Tag: .

3 commenti a Magnar ben per bon: liptauer

  1. giorgio (no events)

    Co gò conossù el Liptauer (iero zà adulto) me se gà verto un mondo, come quando gò leto per la prima volta Dickens o gò sentì la nona (sinfonia) de Beethoven.
    Xe stà come el principio dela mia cultura gastronomica centroeuropea

  2. Fiora

    mirabilia! papà meteva formaio grego salà (lassado in smoio ‘ntel oio q.b) , butiro, caperi, paprika natural e diritura bira….
    Vigniva un bicc amarotico, ma de un gusto Defonta che me sentivo proprio nel mio.
    proverò sta variazion che me par più amabile…oddio amabile! tuto sta meterse d’acordo sul termine!

  3. Fiora

    ….mi no so chi che xe el pusher che spacia liptauer in giro pei supermercati. Xè roba scadente e taiada mal…probabile coi formai che ghe vanza…. ‘ssai grassa. Spadronegia el gusto del gorgonzola.. Un’altra variante insulsa come bianco de ovo con sora paprika,amalgamada diritura con gusci de crostacei ,(come che peraltro i scrivi nela lista dei ingredienti : ” può contenere…”).Insoma, roba per chi che se contenta! Omagi ala nostra Docente e ala memoria de papà mio. Quei liptauer sì iera magnar ben per bon!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *