17 Giugno 2020

L’orto dei diversamente furlani – introduzione

el sunto Parti una nova rubrica dedicada a esperimenti, tentativi e orrori in un picio orto triestin, sempre verto a nove idee e sperimentazioni

Prima puntata uficiale de sta nova rubrica dedicada ai esperimenti in orto. El titolo – l’orto dei diversamente furlani– riassumi un poco el conceto: no se trata de una rubrica educativa su come far ben le robe e come gaver un orto come dio comanda (che saria apunto un orto furlan -che xe un complimento eh, no un’ofesa-), ma qua se parla de esperimenti, sugerimenti, prove e pice sodisfazioni.
Insoma qua se parla un poco de come “zogarse” con l’orto, quindi ga più un significato de relax che de lavoro vero e propio. Anche perché, forte del mio 18 in botanica1 e 30 in botanica2 no go mai capido se el mondo vegetale me vol ben o no. E po le zuchete gnanca no me piasi. D’altra parte el primo anno go provado a piantar cevapcici ma no xe vegnudo fora gnente, quindi toca adeguarse.

Sarà tuto rigorosamente in triestin. Perché se ale zuchete te ghe parli in dialeto, ghe ciapa anca a lore un poco de morbin campanilistico e le vegnirà su più grandi, vederè. Anche se una dele prime robe che go imparado del vicin xe che le zuchete prima te le cavi più bone le xe, anca se xe de ameter che l’idea dela zucheta enorme ga sempre el suo fascino. Insoma comunque meo pice ma zogatolone.

Gaverà cadenza setimanale. De mercoledì. Nele prossime puntate parleremo de varie robete, de porri lassadi do anni per veder come xe fato el fior, dela mensa dele apete, dele casete dele cocinele ranzide, dele maledete cicaline e del’angelo dela morte, dele cimici imbriaghe de bira, dela zivola senza cevapcici e altro.

Ogi invece introducemo el tipo de orto de cui parleremo.
Xe l’orto sinergico
.
Che però me par un nome un poco tropo pomposo e invece qua parleremo come che magnemo. Quindi d’ora in poi lo ciameremo “orto strafanic”.
Prima de impelagarme nel mondo dela coltivazion, go fato un corso. Sì perchè ala fine, anche per parlar monade, ghe vol comunque esser almeno un poco preparai. Anzi, sopratuto co se parla monade, perchè altrimenti par che sia solo monade, e invece ghe xe una parte seria, che ciolta de sola saria noiosa, e invece come monada diventa divertente. Ma sempre seria resta.
Insoma: go fato un corso de contadin 3 anni fa a Muja, che me ga piasso sai e che me ga introdoto a sto tipo de orto, ideale per chi ga poco spazio. La spiegazion fata ben su come se fa un orto sinergico la trovè qua.

L’idea xe che in un orto strafanic te ga de piantar assieme piante che colabori a far qualcossa. Insoma no le ga solo de star là, ciapar aqua, bever e vegnir su felici e contente. Le ga de darse una mossa e lavorar (cussì tra l’altro te ga de lavorar de meno ti). Ideale xe meter sempre dele liliacee (bon, va ben, tipo zivole o porri dei) ai lati che servi per far da antibaterico naturale, quindi tipo scudo spaziale per tuti. Poi legumi, che xe i unici che fissa l’azoto, che dopo usa tuti. Bravi legumi altruisti. E poi fiori, sia perché i xe bei, sia perché i riciama le apete, fondamentali per impolinar tuto l’orto, e certi tien lontani i vermi che no volemo. Insoma lavoro de squadra, cinque alto e zuchete a volontà.
E poi se meti su una paciamatura de paia, che mantien el teren umido, lo protegi dala bora, dal sol e dala piova, e dal gato che se no andassi sicuro a cagarve in orto.

L’unica roba xe che nel suo primo stadio sto orto strafanic, che xe struturado a bancai e quindi xe rialzado, par un poco come se te gavessi pena sepolto la morosa in giardin. Quindi xe ben se gavè dei vicini omertosi, che no se sa mai.

Ben bon, de cossa go messo come esperimenti nel mio orto strafanic parleremo la prossima puntata. Desso se volè podè comentar voi le vostre esperienze o anche scriverme diretamente una puntata/aprofondimento voi, la rubrica in fondo xe diversamente furlana per cui se scrivè voi, no scrivo mi e fazo meno fadiga. Mandeme qua se gavè segnalazioni in caso: manna@bora.la.

P.S. Propio in sti giorni el grupo Urbi et horti Bioest sta fazendo un corso (fato ben). Trovè qua info se interessai:  3287908116 o direttamente al Sportello Ambiente in via xxx Ottobre 9/a martedì e venerdì dalle 9 alle 13.

Tag: , .

Un commento a L’orto dei diversamente furlani – introduzione

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.