14 Agosto 2011

Ferragosto, ovvero Feriae Augusti: la festa istituita dall’imperatore Ottaviano Augusto nel 18 a.C.

Il termine deriva da Feriae Augusti, la festa istituita dall’imperatore Ottaviano Augusto nel 18 a. C. per riposare dalle fatiche dell’anno. La giornata particolare di metà agosto coincide anche con la festività religiosa dell’Assunzione di Maria.

Nel Goriziano era diffusa la credenza popolare che il giorno 15 le vipere si appiattivano sui rami degli alberi pronte a balzare sulla nuca dei contadini che, profanando la festa, andavano a lavorare nei campi. Inoltre tantissimi erano i proverbi che ricordavano come per l’Assunta finiva in genere la canicola e le prime piogge rinfrescavano l’aria.

Le usanze erano soprattutto religiose, si andava in pellegrinaggio al santuario mariano di Barbana o a quello del Monte Santo. Quest’ultimo veniva raggiunto a piedi dai Goriziani e la prima sosta era alla sorgente d’acqua che si incontrava poco dopo aver intrapreso la salita. Lungo il percorso ci si fermava a pregare davanti alle edicole che si incontravano ed arrivati davanti alla chiesa non mancava un riposino sotto i tigli che ombreggiavano il terrazzo antistante la chiesa. Dopo la messa ci si riversava nell’osteria Al Nonzolo per ristorarsi e nei vari baracchini che vendevano oggetti ricordo da portare in dono a chi era rimasto a casa.

Lungo la via del ritorno si raccoglieva il timo denominato il pardon di Monsanta, si cantava e soprattutto si cercava posto nelle osterie di Salcano, per rientrare a casa ristorati nello spirito e nel corpo.

Tag: , .

Un commento a Ferragosto, ovvero Feriae Augusti: la festa istituita dall’imperatore Ottaviano Augusto nel 18 a.C.

  1. Gorizian ha detto:

    Se non avesse coinciso con l’assunzione il prossimo anno non si festeggiava

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *