26 Gennaio 2011

Camminiamo per le strade di Trieste: dalla consapevolezza alle politiche locali: oggi l’incontro promosso da Trieste 3000

È un’associazione culturale che si professa libera, apartitica, aconfessionale, autofinanziata. Si chiama Trieste 3000.
Il suo presidente Paola Stuparich e Vittorio Torbianelli, relatore principale, annunciano che si terrà oggi – alle ore 18 al Teatro dei Fabbri – l’incontro intitolato “Camminiamo per le strade di Trieste: dalla consapevolezza alle politiche locali”. Hanno confermato la loro presenza i candidati alla carica di sindaco di Trieste Franco Bandelli, Roberto Cosolini, Uberto Fortuna Drossi e Paolo Menis.

“L’incontro – spiegano – è pensato in armonia con le idee di Trieste 3000, che propone un cambio di paradigma nella visione della città. In particolare, l’attenzione si rivolge su un tema – quello del camminare – che quasi mai compare nelle agende politiche. “Camminare”, di più e meglio, nella città, è, invece, una parola chiave per realizzare una migliore qualità della vita per i cittadini in termini di socializzazione, salute, benessere psicofisico e godimento della città. Ma quanto è possibile oggi “camminare” – e ancor di più “camminare bene”, in sicurezza e in un ambiente sano – a Trieste? Quali sono i vantaggi del camminare per le persone? Quanto vorremmo fosse più facile camminare e come si potrebbe fare per rendere il camminare più sicuro e gradito per tutti, ad iniziare dalle persone anziane, bambini e mamme? A questi interrogativi, con un metodo pragmatico e partecipativo e un dibattito aperto al termine dei lavori, si cercherà di dare delle risposte e fornire delle proposte assieme a Vittorio Alberto Torbianelli (Università di Trieste, Facoltà di Architettura), Claudia Marcon e Adriano Venudo (“Stradivarie architetti associati”, Trieste), Elena Debetto (Presidente Unione Italiana Sport Per tutti, Trieste)”.

Tag: , .

Un commento a Camminiamo per le strade di Trieste: dalla consapevolezza alle politiche locali: oggi l’incontro promosso da Trieste 3000

  1. elleffe ha detto:

    Mi fa sorridere la presnza di Bandelli, lui che per 5 anni è stato assessore ai lavori pubblici ed allora in linea con le posizioni di Dipiazza. Che non certo ha brillato per attenzione alla mobilità urbana. Oltre al Listòn s’intende!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.