14 Luglio 2010

Concerto di Muti: bagno di folla e fuori programma coi presidenti sul palco

La visita all’ex Hotel Balkan e al Monumento all’esodo, poi la cena in Prefettura (tagliolini all’astice, branzino al sale e patate al vapore, sorbetto al limone con liquirizia, composta di frutta e vini Friulano di Villa Russiz e Sauvignon di Branko) quindi il concerto in piazza Unità.

Le stime parlano di 10mila persone che hanno affollato piazza Unità per assistere al concerto “Le vie dell’amicizia” diretto da Riccardo Muti. Un bagno di folla per assistere all’esecuzione degli inni nazionali seguiti dai brani del musicista contemporaneo sloveno Andrej Misson, del croato Jakov Gotovac e dell’italiano Luigi Cherubini eseguiti da dall’Orchestra giovanile Luigi Cherubini, dall’Orchestra Giovanile Italiana, dall’Accademia di musica dell’Universita’ di Lubiana, dall’Accademia di musica dell’Universita’ di Zagabria, dal Conservatorio Giuseppe Tartini di Trieste, dall’Ensemble ”La Stagione Armonica”, dal Coro accademico ”France Preseren” di Kranj e dall’Ensemble Corale interprovinciale del Friuli.

Al termine del concerto un fuori programma: il maestro Muti ha invitato sul palco i tre capi di Stato di Italia, Slovenia e Croazia: «Spero che quello che noi abbiamo fatto stasera con questi giovani possiate portarlo avanti voi, ma sempre con i giovani», il messaggio di Muti.
Il concerto verrà trasmesso su Raiuno il 29 luglio prossimo.

Tag: , , .

16 commenti a Concerto di Muti: bagno di folla e fuori programma coi presidenti sul palco

  1. Muti allegretto ma non troppo ha detto:

    Le persone in piazza erano poco più di seimila, che in assoluto può sembrare una bella cifra ma non è più del due per cento della popolazione di Trieste; senza dire che sono andate tutte rigorosamente gratis.

  2. effebi ha detto:

    interessante osservazione, anche in considerazione del fatto che l’evento avrebbe dovuto richiamare qualcuno pure da slovenia e croazia.

  3. matteo ha detto:

    probabilmente perche alla gente non interessa piu il tema usato ampliamente dalla politica sulle delle foibe e del fascismo a trieste?

    probabilmente non si sente piu questa noi e loro ma i problemi veri della citta

  4. Srečko ha detto:

    effebi

    Dalla Slovenia c’era piu’ di qualcuno. Te lo posso garantire 🙂

  5. Bibliotopa ha detto:

    sono certa che un concerto pop attira molti più spettatori. E’ l’audience, quella a cui gli spettacoli tv si adeguano.

  6. arlon ha detto:

    Xe de dir che 10mila per p.za Grande xe ben altro che “un bagno di folla”…

    El che me fa pensar come un evento del genere, per quanto musicalmente ottimo e gradido, no sia in grado de scaldar la cità. Purtroppo? Per fortuna?
    Tropo presto per poder dir.

  7. Eros ha detto:

    La verità è che né la maggioranza dei triestini né quella degli esuli vuole la riconciliazione. Mi chiedo come questa gente pretenderebbe poi ‘aperture’ da parte di sloveni e croati…

  8. Concerto con musiche di Misson, Gotovac e Cherubini: seimila presenze, anche se in realtà tutti i giornali da me letti parlano di otto/diecimila persone.

    Se fosse stato un concerto “normale”, e cioè senza i tre presidenti e tutto quello che ci sta attorno, con un programma del genere non si sarebbe arrivati a mille. Anche pagandoli.

    Trieste poi ha 208.000 abitanti, per cui anche fossero seimila sarebbe il 3% e non il 2%.

    In pratica, il commento numero 1 mi pare inutilmente provocatorio.

    Luigi (veneziano)

  9. Ciano ha detto:

    Quoto Gigi!

  10. Eros ha detto:

    208.781 abitanti, non 208.000
    Un po’ più di precisione, di grazia

  11. Nel 2011 per “Le vie dell’Amicizia” a Trieste ci sarà un concerto gratuito di Vasco Rossi: 150.000 persone in piazza, cannone della pace finale fra i tre presidenti e poi tutti a casa felici e contenti.

    L.

  12. omo vespa ha detto:

    belisimo el detaglio sul menu, importantisimo, guai se mancava. ma mi volevo saver – che acqua i beveva?!?? ferarele, jamnica, radenska..!?? eh, dene i dati importanti, miga ste robe su musica, tre orchestre, tre compositori, muti…

  13. massimiliano ha detto:

    Grande Luigi!!
    e come supporter i Pitura Freska…

  14. Srečko ha detto:

    Eros

    Non osare fare le pulci a Luigi. Ora ti sbranera’! Ti dara’ le cifre al quarto decimale… 🙁

  15. effebi ha detto:

    danilo turk, che ha ricordato l’importante incontro organizzato a trieste, andrà a roma il 17 genaio per indontrare nuovamente il presidente italiano, giorgio napolitano.

    …a boris pahor quel concerto non era molto piaciuto e se ne era rimasto, contrariato, a casa.

  16. effebi ha detto:

    avrebbe “rotto i marroni” anche stavolta ? no, probabilmente non lo farà 🙂
    e la slovenia, ahiLui,… scivolerà così nel baratro della italianizzazione… invece che in quello da lui asuspicato della germanizzazione… così va il mondo… 🙂 )

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *