la conca
11 ottobre 2018

Iera una volta… le s’cinche

el sunto Venia, conca mia, sotomuro: voi conoscete questi giochi? In questa puntata scopriamo alcuni giochi, dove le s’cinche erano essenziali.

Prima dei bobi, che xe quele pice balete de vetro colorade, iera le s’cinche.

s’cinche, bobi e aciaini

s’cinche, bobi e aciaini

Sempre pice balete ma fate de argila cota. Nella foto a sinistra la prima xe una s’cinca de teracota le altre xe bobi con in fondo do aciaini.

Quando nei ani 50 xe rivadi i primi bobi, le s’cinche, che se rompeva per metà co’ te le s’cincavi xe sparide (s’cincar significa ciapar una s’cinca pertera con una altra s’cinca titada sula prima con una aposita tecnica). Da qua el deto: “No stè romper le s’cinche”

El zogo più comune iera Conca mia. 

la conca

la conca

Dovè saver che all’epoca no iera asfalto, se non in cità e nianche là dapertuto. Nel giardin dela scola Filzi o nel oratorio de San Giovani, come in tuti i oratori o spazi liberi per i fioi, iera solo grembani e tera batuda. Se zogava minimo in due a quanti che iera, ma se ierimo più de 4 diventava noioso. Tropo de spetar tra un turno e altro. Col taco dela scarpa, tignindo il pie a 45 gradi, te se giravi più volte fracando la scarpa fin che veniva fora un bel buso tondo fondo 6/8 cm. quela iera la “conca”.

Da una distanza stabilida de solito circa 5/8 metri a turno te butavi una s’cinca, zercando de andar in conca. Le s’cinche che no rivava in conca, restava dove le iera. Quando un rivava a andar in conca zigava “Conca mia!” e podeva cominciar a s’cincar tute le s’cinche che iera intorno, cominciando da le più vizine che iera più fazili. Quele che se rivava s’cincar iera tue. Co te sbagliavi, te pasavi il turno. Te podevi anche ciamar “gambe” e un se doveva meter con i pie drio ala S’cinca teniudi a forma de V per facilitar la mira e no far scampar la s’cinca.

come se s'cincava

come se s’cincava

Per s’cincar iera tuto una tecnica: te tenivi la s’cinca tra el pollice e l’indice  e te la fazevi “scattar” in direzion del bersaglio. A conca mia te le dovevi ciapar al volo. se diseva “de prima” . I più bravi rivava a ciaparla a colpo sicuro anche oltre i due metri. Mi no iero mal. Me alenavo tuti i giorni.

 

 

Venia

Venia

Un altro zogo xe Venia, dove se podeva s’cincar anche a “ruzolo”, sempre zercando un posto che no gabi tropi grembani. Andava ben le corti de tera batuta bele lisce senza piere. Se fazeva un cercio pertera gratando con un steco, de misura variabile (da 30 cm in su) secondo la sfida e la quantità dele s’cinche che se intendeva meter in zogo.

Per esempio se diseva: “partida de 5 s’cinche” e la andava cusì: a turno sempre da una distanza de almeno 5/8 metri se butava la s’cinca verso el cercio. Se la entrava,  te zigavi “Venia” e tocava al’altro. Se no la entrava, te tiravi de novo fin che non rivava una in venia (el cercio). Podeva suceder che se te ieri bravo, te metevi subito una nel cercio e te stavi fermo a spetar. L’altro doveva tirar anche tute le sue. Se no rivava andar in venia, quando tuti gaveva finido de tirar tute e 5, se meteva nel cercio a caso butandole, tute le s’cinche che iera andade fora del famoso cercio. Per esempio el bravo gaveva solo una nel cercio, l’altro tute e 5, perchè no iera rivada nesuna a venia. In questo caso se tornava ala riga de partenza e da qua se lanciava una s’cinca speciale, ciamada aciain, che no iera altro che un balin de baliniera.  Podeva eser de qualsiasi misura fin tre cm.

aciain

aciain

Più grando iera meo se giogava (l’ideal iera do do e mezo, tre centimetri). Fzevimo la fila fora dele oficine per farse dar qualche baliniera rota o anche solo i balini.

Chi no rivava a trovarli giogava lo steso con un s’cinca de vetro fora misura. Anca quele se trovava grandi fin 2/3 cm.

Tipo el zogo de boce te dovevi bociar e mandar fora del cercio più s’cinche che te podevi sempre a turno.Cominciava chi iera andà a venia per primo, pò il secondo e cusì via, ma quando te butavi fora una te andavi avanti. Qua se usava de più il rusolo lente,.cioè far rivar laciain de fero,rodolando, pian nel cercio. Perchè se te butavi dal’alto e te la ciapavi in pien tropo forte te spacavi de sicuro i bobi de vetro e l’aciain se gavesi fermà tropo lontan, dato che i tiri dopo andava fati da dove se fermava.

Nela prima foto vedè pode veder do pici aciarini: sti qua no andava ben per s’cincar in venia, ma se usava al posto dele normali s’cinche. De solito i valeva dopio: te metevi un de fero inveze che due de vetro. Qua iera el truco, se meteva ache più pici magari ala pari, ma cusì iera più dificile che i te li vinzi e pò, esendo de fero, i pesava de più e iera più dificile butarli fora del cercio.

Iera anche altri zoghi cole s’cinche. Per esempio iera ” Sotomuro”, (che se fazeva anche con le figurine),  dovese lanciava una s’cinca sempre da una bona distanza, verso un muro. Chi rivava più vizin vinzeva tute le altre. Sotomuro se zogava co’ pioveva perchè se podeva zogar anche dentro. De solito se meteva le s’cinche in una calza impicada sula cintura. Mi me gavevo fato un sacheto aposta col spagheto per serarlo e ligarlo ala cintura.

Iera anche altri zogi, ma iera poco usai perchè meno divertenti. In generale no iera tante altre robe de far per i pici, cusì sotomuro per esempio, iera diventà un vero e proprio giogo de clapa con tanto de campionati.

 

Leggi le altre puntate di “Iera una volta”

Tag: , .

2 commenti a Iera una volta… le s’cinche

  1. Furio

    Mi zogavo a conca drio la cesa de san Vincenzo, la strada iera asfaltada ma piena de busi za fatti.

  2. Fiora

    golf domacio c/o st. Vincent Curch

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *