12 novembre 2012

L’ubiquità del triestin

Novo video dei Sardoni Barcolani Vivi!
Grazie ala colaborazion del fans bagolanti in mezo al mondo, eco el video de “Passava un triestin”, canzon dedicada ala capacità dei triestini de incontrar altri triestini nei posti più dispersi nel mondo. Giusto per dir una volta co andavo verso el Grossglockner in mezo ala bufera de neve (stupida neve in giugno) e se semo riparai in una locanda, i unici altri ospiti iera… triestini 😀
Epico anche l’incontro casuale de sta estate a Bratislava con altri muloni triestini, noi in bici da Trieste verso Cracovia, lori in bici da Vienna verso Budapest. Che robe ciò 😀

Hai scritto qualcosa (o fatto foto, o video, o pupoli…) di divertente/ironico/satirico su Trieste, Gorizia e dintorni? Mandacelo al Quel dela Quela! Scrivi a [email protected]

Quel dela Quela on Facebook
Tag: , .

14 commenti a L’ubiquità del triestin

  1. Fiora

    …forsi anca su Marte qualche triestin xè zà rivà, magari uficiosamente, senza clamori, perché el triestin xè poco amante de pupoli.

  2. ufo

    Senza clamori? E mi che me pareva che “Fassisti su Marte” el iera stà un sucesson!

  3. aldo

    quel che me diverti dei triestini in giro pel mondo xe lo stile scazà per cui la visita a un sito archeologico de fama mondiale diventa “za che semo qua ndemo a veder ste do piere”

  4. hahahaha grande aldo! 😀

  5. ufo

    No se se xe solo un caso, ma i triestini per mondo i se li beca sempre dove che se mania e se bevi…

  6. Fiora

    @2 ” fassisti” “comunisti” magari anca ” ziklisti”…però propiamente de patochi normali su Marte mi no go ‘ncora sentù.
    “patochi normali” 🙁 …bon, ciaro che apari una contradision nei termini …
    indiferente! sta per triestini comuni

  7. ufo

    Fiora, te son geniale a dir poco! Xe proprio quela la parola che la me stava in punta de lingua!

    Savendo come che l’autor del post usa pasar le sue ferie, fazo una prevision: prima o dopo su ste pagine se beccheremo el raconto a puntate de “Ziklisti su Marte”. E al ultima puntata i ne conterà che ga trova zente domacia, anca lasù. In spaceto, ovio.

  8. dimaco il discolo

    mi go incontrà tantisimi triestini in località: mona de tu mare 🙂

  9. Sandi Stark

    A Istanbul: “Bela la Moschea azzurra, ne manca altre diese”

    “Ciò, vista una Ciesa viste tute. Andemo in casin!”

  10. Stufo ara!

    Per tuto ara… iero a Ullapool, in scozia, guardemo cartoline in un posto de turisti, e cossa te sento: ..” ara che bela questa!” .. compagni de scola dela mia morosa!!!

  11. aldo

    per mi chi se ga scelto come meta Budapest e Cracovia farà “Ziklisti su Venere”

  12. sfsn

    cito sta storia che me gaveva contà un prof teròn che gavevo al università:
    “Ero in Scozia con la macchina e stavo guidando in una strada assolutamente deserta nelle Highlands, quando mi incrocia una macchina, che appena mi passa frena bruscamente, fa un’inversione a U e inizia a suonarmi, a lampeggiare con gli abbaglianti e mi fa segno di accostare. Scendo e vedo che l’altra macchina è targata trieste, come la mia. I due passeggeri dell’auto saltano giù dalla macchina e, entusiasti e socievolissimi, mi dicono: “Ciò, che roba ara! cossa fa un triestin qua per le alte? ciò,incredibile, no xe nissun in giro e propio tra triestini se bechemo!”
    E io rispondo: “Sono in vacanza con mia moglie” e cerco di aggiungere qualcos’altro, ma appena sentono il mio accento napoletano, vedo dipingersi la delusione sui loro volti.
    “Bon, se vedemo. Bona vacanza.”, rimontano in macchina e ripartono.
    Non mi hanno neanche detto “dio…”

  13. @12 hahahahaha fantastica 😀 😀 😀
    povero ciò!

  14. Fiora

    @13 cossa mai, “povero” e ” povero”… i lo ga sgamà ah?!…se fa presto a dir i’ sunghe triestine patocche 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *