22 Luglio 2012

El “vecio” sindaco Dipiazza e l’Olimpiade dele Clanfe: una maldobria estiva

Bon, inizia la setimana del’Olimpiade dele Clanfe. Appuntamento a sabato 28 luglio, all’Ausonia, dalle 14. Ve sè iscriti? No? Cossa spetè? Basta compilar el form online qua entro giovedì 26 luglio. Vardè che solo chi che se iscrivi paga ridota l’entrata al’Ausonia!
Bon, per festegiar l’inizio dela setimana dele clanfe, eco una maldobria sul’Olimpiade ciolta dal libro Zinque bici, do veci e una galina con do teste (publicità oculta oviamente…qua trovè un’altra maldobria del libro za publicada, sula bora).
P.S. la storiela incomincia cussì perchè nel capitolo prima se parla de inamoramenti ungheresi 😉

L’OLIMPIADE DELE CLANFE

– Ah l’amor, che bela roba…
– Eh sì, sa come che se disi: amor xe amor, no xe brodo de bechi!
– Brodo de fasoi te vol dir…
– Ma cossa a mi te me vol imparar i modi de dir? Brodo de bechi, ostia tua. Te ga mai magnà brodo de fasoi ti?
– Ma no, apunto, se disi cussì propio come a dir che l’amor xe una roba ‘ssai più meo de tuto, che xe una roba importante, che no xe un sbrodighez insoma, come che inveze saria apunto el brodo de fasoi.
– Sarà, ma no me par che te me la conti giusta. Scusa, ma ti te sa perché el brodo de bechi se ciama cussì?
– E cossa te me ciapi per mona? Sì che so, perché ale mogli che fazeva bechi i maridi co che i lavorava dopo ghe restava poco tempo per preparar el brodo vero, e ‘lora le ghe fazeva quel coi dadi, brodo de bechi po’.
– Eco, te vedi che te sa. E ‘lora “amor xe amor, no xe brodo de bechi” vol dir propio che xe vero amor, senza che nissun vegni fato beco, po’. No ga più senso cussì?
– Disi quel che te vol, però no xe cussì.
– E bon ah. Pitosto, visto che ti te son quel che sa tuto, te gavevi mai inteso de sta “clanfa delfin”?
– Mai sentida. Per mi i muli i se le insogna de note per dopo contarle de giorno. Però te se ricordi cossa che no se divertivimo co che ierimo putei, a schizar le bele mule butandose zo a clanfa?
– Uremenghis se me ricordo, come che saria ieri! Andavimo al’Ausonia ogni giorno a far gheto e a veder chi che ga coragio de butarse de più in suso. Te se ricordi che bele che iera quele putele che se sentava sempre là rente de noi? Co che vegniva anca lore no ne tegniva più nissun, dela teraza se butavimo!
– Bei tempi ara! Ciò, ma te ga inteso che desso i ga diritura fato l’Olimpiade dele Clanfe, propio al’Ausonia?
– Ah ah ah, ostia no, no gavevo sentì sta roba. Anca l’Olimpiade dele Clanfe i se ga inventà! Ciò, ancora un poco e prima o dopo qualchidun tirerà fora anca el mondiale de cotecio remengo, se andemo vanti cussì!
– Te digo, i ga scominzià cussì, un per de ani fa, giusto per farse una ridada, che praticamente iera una roba solo che per le bobe del’Ausonia, ma dopo la vose ga fato un poco el giro de mezo mondo, anca grazie a quela diavoleria moderna là, come se ciama…internel, e desso vien a butarse anca foresti.
– Diritura? Ma no sta ciorme pe’l fioco dei, foresti de dove? Del Principato de Coloncovec?
– Ara che no te conto miga monade sa, ormai xe una roba internazionale. Do ani fa iera vegnuda anca gente propio del’Ungheria, tanto per dir una.
– Ungheresi? Ma ‘lora i conosseva za le clanfe?
– Ma si ah po’, cossa, te pensavi per bon che i spetassi sti zinque insempiai su do riode per tirar clanfe int’el Balaton? Alora desso te conto la storia del’olimpiade de do ani fa, che merita.
– Contime contime. Intanto ciapa, bevemose ancora un goto.
– Bona idea, meti meti. Alora, l’ultimo sabato de luglio iera, che xe el giorno che i fa sempre sta olimpiade. Solo che iera ‘ssai nuvolo, e i muli che organizava, che iera là za de matina bonora, per le diese, no i saveva se far o se rimandar a un altro giorno.
– Eh, xe sempre bruto co che missia nuvoli. Una roba xe se xe sol o se xe piova, ma se missia xe ‘ssai pensier.
– Sì, fato sta che i iera ancora là drio a pensar se far o no far, co tut’int’un ghe xe rivà un messagio dei furlani, che se gaveva iscrito qualche giorno indrio.
– Anca furlani iera iscriti? Furlani che fa clanfe? Ma xe come se un triestin andassi a far una gara de frico o un gran premio de tratori!
– Eh, ma te go dito che xe diventada una roba internazionale. Insoma, sti furlani ghe ga da’ comunicazion ufizial che lori i iera za partidi de Attimis, soto el diluvio universale, “perché i furlani no se caga int’ele braghe per un do ioze de piova come i uci!”
– Ah, cussì i ghe ga dito?
– Testuali parole. Solo per furlan, se capissi.
– Orco tron, una sfida, come.
– E difati. La muleria là del’Ausonia, a sto punto, la se ga sentì ciapada int’el orgoglio e la ga deciso che no se podeva farse cior pe’l daur dei furlani in sta maniera, e che quindi l’olimpiade andava fata, remengo i nuvoli e remengo el neverin.
– Ben dito. Femoghe veder chi che xe i triestini, ostia!
– Fortuna ga volesto che el neverin ala fine no xe rivà e anzi, ghe iera un sol che spacava le piere.
– …e secava le merde.
– Sì, anca quel. Bon, insoma, taca banda l’ino de apertura, propio come per le vere olimpiadi, e dopo doveva scominziar a tufarse tuti, divisi in categorie: fioi, pice, muli, babe, muloni, vece bobe, vece marantighe…
– Ah, cussì se ciama le categorie? Anca le vece marantighe xe?
– Eh si, xe le babe che ga più de trentazinque ani, po’. Ma no ga importanza. Fato sta che ancora no se gaveva butà zo el primo, che za ghe iera pupoli tra furlani e ungheresi.
– Pupoli? Cossa i ga combinà?
– In pratica i se gaveva iscrito tuti e do disendo de voler far una “clanfa tocai”, e desso i fazeva longhi per dezider chi che la gaveva inventada e chi che gaveva dirito de farla.
– La clanfa tocai? Mai sentida. E come la saria?
– No, gnente. In pratica te ga de impetessarte de tocai prima de butarte zo, cussì te son ancora più pesante e te schizi ‘ssai de più. Xe tuto calcoli de pesi spiecifici e robe compagne, i ga dito. I furlani i ghe tegniva a farla lori, te sa che co xe de beverse un bon bicer de vin no i se tira mai indrio…
– Eh sì, i xe dele bone pirie anca lori. Co te ghe domandi un nero, inveze de darte el cafè i te da un bicer de vin, anca de matina! Bon, ma insoma, come i ga risolto ala fine?
– Xe vegnù fora un remitur numero uno. I furlani i ga ciamà subito el fogolar che i ga de istanza a Brussels, disendoghe che i vadi de corsa a depositar i diriti dela clanfa tocai ala corte europea, ma co i xe rivai là i ungheresi iera za che i spetava in fila.
– Insoma i ghe la ga ficada de novo…
– Pulito. De Brussels i ghe ga dito che l’unica roba che i podeva far iera cambiarghe nome al tufo e ciamarla clanfa friulana tipicamente friulana.
– Ciamandola cussì però me par ‘ssai dura vinzer qualcossa a Trieste.
– Ovio. E no solo, i ga anca ciapà lignade perché i triestini, co che i ga visto sto novo nome, ghe ga parso squasi una rivendicazion, come. Come dir che la clanfa xe nata in Friul.
– Eresia ciò! Che po’, con quel ploc’ de mar che i se ritrova a Lignan e Grado, no go miga capì indove che i tira clanfe lori.
– I furlani xe clanfadori de aqua dolze po’! Int’ei fiumi i se tufa lori, ostia tua, dove se no?
– Ah, te ga ragion. Comunque una bela scornada, poveri furlani. I ga fato pupoli coi ungheresi, no i ghe ga lassà far la clanfa tocai e i ga anca ciapà biava. Squasi squasi iera meo se i restava a Attimis a ciapar piova, po’.
– E ancora ghe xe andà ben che no i le ga becade anca dei serbi. Quei iera veramente cativi.
– Anca i serbi ghe iera?
– Beh sì, te sa che lori indove che ghe xe competizion i se buta de corsa. Sti qua i iera dei calandroni de omini che no te digo. Gnanca rivai, i ga subito tacà la griglia e messo su a cusinar pljeskavice, che pareva che dovessi rivar un esercito de dinosauri afamai de un momento al’altro.
– Ustia. E che clanfa i ga fato?
– Ah, lori ga dito che solo i cagainbraghe ga bisogno de serarse co se entra in aqua. I veri omini fa la clanfa ajvar, restando verti, spalancai, anzi, piegai squasi per indrio.
– E ciapandose la panzada?
– Esato. E più rosso che te vien fora, più meo te ga fato la clanfa ajvar.
– Mati i xe, ciò. Chissà che diol.
– Solo i cagainbraghe senti diol, i ga dito. E i xe andai vanti a cusinar pljeskavice.
– Che robe ara. E dopo, chi se ga butà ancora?
– E dopo xe rivai i americani.
– Anca i americani! E che tufo i ga fato?
– La bomba americana.
– Ah, mona anca mi che domando. Bon insoma, ala fine, chi ga vinto? Un foresto?
– Eh, ala fine iera sai difizile per la giuria sielzer el meo clanfador. Iera tuta muleria ‘ssai brava, ghe iera chi che se butava fazendo capariole mortali, chi che se butava del trampolin con la motoreta, chi che mostrava el daur in volo e chi che ghe gaveva fina imparà al gato a far clanfe e el se butava con lui.
– E cossa i giudicava? Chi che schizava de più?
– No solo, anca chi che fazeva più cinematografo. E chi che ghe butava più spritz ala giuria, i disi. Ma no ga importanza. In ultimo ghe tocava tufarse ai mujesani, che i voleva assolutissimamente vinzer per portarse la clanfa de oro a Muja, come trofeo de guera, per farne dispeto a noi triestini. E i se la gaveva studiada ‘ssai ben. De note, i iera vegnui de sconton a sistemar int’el mar un motor de aparechio, giusto in soto del trampolin, e co che el mato de Muja el se ga butà, i lo ga impizà. Xe vegnù su un schizo che pareva un ciclon e el povero mulo xe finì a remengo, fin squasi là del molo T.
– E là el ga fato un’altra clanfa, za che el iera?
– Ah no so po’, pol darse. Fato sta che, dopo de sta qua, pareva propio che i mujesani gavessi vinto.
– E i ne ga portà via la clanfa de oro?
– I pensava! Ma desso riva el bel. Te sa che desso, con quele diavolerie moderne che te disevo anca prima, internel, feisbus, feisbusdel, tululuiter o come che le se ciama, tuti sa tuto de tuti in ogni momento. Alora al sindaco, che el iera a remengo chissà dove, ghe xe rivà sul telefonin la notizia che i mujesani stava vinzendo, con anca el video dela clanfa che i gaveva fato.
– Ostia, che strolighezi che fa ste trapole moderne ara! E cossa el ga fato? Un’ordinanza che i mujesani no pol vinzer?
– No, no, te sa come che iera fato el vecio sindaco. Ghe piaseva le robe fate ben, in pompa magna, con la banda e coi foghi artificiai! El ga pensà: “ciò, in tuti quei film ‘mericani, co che riva i alieni o co che xe el mondo in pericolo, xe sempre el presidente ‘merican che ciol l’aparechio e li maza tuti, fazendo un gran figuron. E chi son mi, el fio dela serva? Sto qua xe el mio momento. Desso vado là e ghe fazo veder mi cossa xe un triestin! La clanfa de oro xe roba nostra!”
– Ma no iera furlan el sindaco vecio? E po’, no el iera anca sindaco de Muja prima?
– Ma bon, lassa star! Cussì el ga pensà. Parvia che el ga pensà in triestin, se vedi che in quel momento el se sentiva triestin. No farghe la punta al dindio desso, ostia tua.
– Cossa anca el dindio iera al’Olimpiade? Xe per quel che se disi “dindio con le clanfe”?
– Remengo el dindio, lassime finir! El sindaco ga pensà un do minuti a cossa che el podeva far per bater i mujesani, fin tanto che no ghe xe vegnù l’iluminazion. El xe andà in molo quarto e là el ga girà la maniza del motor del’Ursus, la grua, el ponton dei, quel grando che iera stado costruì zento ani fa. E via el xe filà lui, sparà come un missile, con tuto sto Ursus che se scassava sule onde, e in do minuti el iera za rivà al’Ausonia. E za che ghe piaseva far le robe in grando, el gaveva anca tacà do altiparlanti de sora che mandi a tuto volume la galina con do teste, cussì, per far ancora più gheto e per darse ancora più importanza, come.
– E Viva l’A e po’ bon, xe questo el moto triestin…
– Sì bravo, quela, magari un bic’ più intonada però. E propio co che la canzon iera rivada al ritornel, el se ga rampigà sula zima, el ga zigà “mai clanfar senza schizon!” e el se ga butà a testabalon, o kamikaze me par che se ciami anca. E intanto che tuto el publico in coro ghe rispondeva “viva l’A e po’ bon!”, el xe rivà int’el aqua e el ga tirà el schizo più schizo dela storia dela tera, che in confronto un tsunami xe le bolicine de una scoresa in vasca de bagno.
– Orco bis’ci, cussì bravo el iera?
– Eh, el gaveva la tecnica, e po’ l’Ursus xe ‘ssai alto.
– Bon, quindi ala fine el ga vinto lui?
– Eh no, ala fine no ghe iera più nissun al’Ausonia, i xe stai tuti catapultai a remengo int’el golfo. Però destin ga volù che la clanfa de oro la cascassi drita sul colo de Mikeze e Jakeze.
– De tuti e do?
– Ma no, de un dei do, cossa so mi qual che xe un e qual che xe l’altro! Forsi che i se la scambia desso, per no far de torto a nissun.
– Ah, go capì. Insoma la ne xe andada ben comunque, la clanfa de oro xe rimasta a Trieste. Bon, cossa te disi, legemo vanti? Te toca ti leger.
– No, no, prima go leto mi, desso te toca ti. Cossa, te dormivi prima? Sveia!

Bon. Se vedemo el 28 al’Ausonia dei! 🙂

Hai scritto qualcosa (o fatto foto, o video, o pupoli…) di divertente/ironico/satirico su Trieste, Gorizia e dintorni? Mandacelo al Quel dela Quela! Scrivi a [email protected]

Quel dela Quela on Facebook
Tag: , , , , , .

16 commenti a El “vecio” sindaco Dipiazza e l’Olimpiade dele Clanfe: una maldobria estiva

  1. Avatar Macia

    Cocola la storia. Ma approfitto per un comento che no c’entra niente: savé che proprio questo venerdi 27, a Viena, xe una gara de tuffi in Dirndl? Iscrizioni fino a mercoledi…

  2. Avatar capitano

    In base al trattato di pace del 47 che istituiva il TLT l’olimpiade delle clanfe rientra a pieno titolo tra le gare olimpiche di Londra 2012 (nonchè gara pre-inaugurale)?

  3. Avatar aldo

    @1

    però una clanfa in dirndl qualchedun podessi farla…

  4. Avatar giorgio (no events)

    @Diego: superlativo.

  5. Avatar Tergestin

    Magico Manna.

  6. Avatar Fiora

    IERA ORA! sì iera ora che se ricordassi anca Roberto primo, orpo! a Roberto Secondo,Podestà regnante ‘diritura un tomo, tuto pulito e in masimo ordine e a Dipiazza che ben o mal ga regnà per do’ mandati (e che ‘desso poderia ricandidarse, tipo Leoluca Orlando)gnanca un sfottò ala memoria?! 🙂
    Bon giustissia è fata con sto mirabolante amarcord e Viva L’A.!

  7. Avatar Macia

    …però Cosolini schizzassi comunque più de Dipiazza, `ndemo `vanti…

  8. Avatar Rakija

    meraviglioso!

  9. Avatar Fiora

    @ ” Cosolini schizzassi più de DiPiazza”, Macia?
    no go dubi.
    Solo che de tirar una clanfa el gaveva promesso e po’ non ga mantignù…come la promessa “sarò il Sindaco di tutti” 🙁

  10. Avatar aldo

    Fiora, vara che Cosolini voleva tirar una clanfa, ma…

    …la Porfirio no ghe ga lassà!

  11. ciò…pensè che segnalazion fantastica dela porfirio se cosolini se butassi epr bon. mitico.

  12. Avatar aldo

    se Cosoloni se buta el problema xe che per par condicio el doveria anche…

    …sfilar in passerela coi mister a Miss Topolini

  13. Avatar Fiora

    la provocazion xè partida. desso un Sindaco che xè sta omagià de un libreto de facezie tute in suo onor e che in cuor suo sa che la pubblicità xè l’anima del commercio anche ai massimi… LIBELLI, dovessi raccoglier la sfida.
    Finimo su tuti i tiggì “maremoto a Trieste”

  14. Avatar Fiora

    …e col domanderia “go schizà?” se podessi risponderghe senza tema de esagerar “altrochè Eminensa. Ga schizà più alto del spread” 😉

  15. Avatar Fiora

    orpo ,legendo più suso del Ursus, savè ,no, chi che me xè vignù in amente? Maestro Marcelo, guru dela Voce della Luna.
    ” se avrai le piume nel cuore t’insegnerò a volare”. sta sua massima imperitura me se ga scolpì a pari merito col “23 a 2 tutto normale?” del ormai quasi defonto Pidiele.
    Bon, tornando al Nostro, sempre in zerca de palcoscenici e de publico… che colpaz che sarìa per lu’ ara!Che visibilità…che analogia marina e filosofico- “volante” 😉
    Clanfa “piume ‘ntel cuore”. l’omo se libra ‘ntel aere tipo cocal e po’ se lassa cascar con grazia in acqua come un Roberto Bolle de noialtri ‘ntel lago dei cigni…una roba enorme saria!
    Ala domanda canonica:”go schizà?” risposta deferente: “ndemo dei! del tuto ininfluente nel suo caso, Gran Maestro!”

  16. Avatar Maria Strofa

    un appunto. I campionati mondiali de cotecio esisti za de 30 ani,(Trofeo Piero Gorna), dura tuto l’inverno, i se fa ogni ano le maiete e oramai xe tuti vecie bobe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.