9 novembre 2009

La muleria de Trieste: el mastigabrodo

Dopo la pubblicazione dello studio preliminare del Dipartimento Sciementifico del Monon Behavior sulla muleria de Trieste, el Quel dela Quela comincia oggi una serie di piccoli approfondimenti sulle singole categorie grazie ai pupoli di Michele Zazzara e alle parole dell’esimissimo G. Dialetich, vicepresidente raccomandato dell’Accademia del Kruscovac, istituto transIsonzale per la salvaguardia e lo studio del dialeto triestin dal lontan 1899.

EL MASTIGABRODO

8- mastigabrodo 300dpi MB

Lo mastigabrodo xe uno figuro decisamente lento ne la execuzion de qualsivoglia imprexa, ove per imprexa se intendi qualsivoglia quela, che xvolta da uno mastigabrodo divien inevitabilmente una imprexa. Qualchiduno ritien che lo apelativo mastigabrodo gabi derivazione da la composizion de le parole mastiga e brodo, ma la mia poxizion a riguardo, e quindi anca quela de la Academia de lo Kruscovac, xe contraria a codesta apocrifa interpretazion.
Lo mastigabodo xe legermente diverso da lo remenela, perché lo remenela pol esser anche magiormente spedito ne lo suo agir, ma lo se remena ogni qualvolta drio ad altre monade invece de concentrar se medeximo su lo obietivo.
Famoxa la figura de lo mastigabrodo Toio Remenich (che nonostante lo nome iera un mastigabrodo e no un remenela), militare de lo Impero Austroungarico ne la prima guera mondiale, che ora che lo se pronti per partir per lo certame iera za rivada la seconda guera mondiale e lui gaveva oramai la divisa sbaiada. Ora che se la cavi e tuto, iera za Vinicio Bussani che cantava finanziere.

G. Dialetich
Vicepresidente de la academia de lo Kruscovac

Tag: , , , , , .

27 commenti a La muleria de Trieste: el mastigabrodo

  1. Me gavè assai messa in dubbio, con sto remenela, savè?
    perchè a casa mia un tipo remenèla no se remenava lu, ma remenava i altri, anzi el iera una persona assai aprezzada in compagnia, perchè fazeva rider tuti, forsi meno che el remenado.

  2. Milost

    Se fosse ancora tra noi Mariano Faraguna si divertirebbe da matti, e ne avrebbe da raccontarci….

  3. Altre voci disi che el remenela xe un che te la conta…

    urgi chiederghe a T. Patoco, lui sicuro sa, perchè de G. Dialetich no se fidemo miga…

  4. per far un esempio, Cecchelin iera assai remenela nei confronti de tuti..

  5. ecome cari concitati concitadini.
    Alora,a voialtri ve go sempre dito che sto G. Dialetich racomandato de dialeto triestin no sa gnente, basta veder come che el scrivi. Pena che sta academia del Kruscovac rifà el consiglio diretivo me candido e sistemo tuto.

    Remenar = cior in giro
    Remenela = persona che se diverti a cior in giro
    Remenarse = perder tempo

  6. jacum

    concordo.

    ma un mato che se remena per le osmize come se ciama?

  7. petesson, bevandela, imbriaghela, piria o, se proprio xe mal, spanto.

  8. jacum

    spanto no go mai sentì…
    forsi perchè no frequento… 🙂

    peteson xe el più tipico e che xe proprio quel che xe fiso intei bareti a sbicerar, ma mi uxavo anca incatramado, imbriago duro per indicar lo stato incolalido dopo qualche calice de tropo.

  9. Toni iera un bon mulo
    ma rovinà del vin
    el iera sempre duro
    duro come un scalin!

  10. Milost

    Scusime Jacum, ma xe incolalido o incocalido?

  11. michele

    se dixi incocalido

    come cocàl

    oppur robi cocàl

  12. mi diria però che se pol esser incocalidi no solo de petès, anche de sonno, e soprattutto quante volte se xe incocalidi per amor…

  13. Macia

    Ohu, ma cossa xè che no bisogna cior nell’orticciolo?

  14. xe un quiz witz de alta cultura triestin-barcolana…
    e qua ve go dà anca un indizio…

  15. massimiliano

    esisti anche “incanforà” che xe la version più eterea de “incatramà”, forsi el stadio precedente, quando che i fumi inizia a far efetto.

  16. cagoia

    articiochi?

  17. massimiliano

    dopo xe anche “incomatà”, che xe usava nei ani ’80, ma jera una roba più de cativeria che altro.

  18. no…sè nel regno sbaiado…

  19. massimiliano

    forsi el agno?

  20. cossa xe el agno?
    cmq te ghe son sai vicin…

  21. massimiliano

    (b)agno
    (p)orticciolo
    xe un mio delirio..

  22. si…
    ghe semo quasi…
    però el agno (qualunque roba sia) no xe nell’orticciolo…

  23. Alora: a Barcola xe la tabela con su scrito: è vietato prendere il bagno nel porticciolo. El wiz xe qua. Cossa xe vietato nel orticciolo? Massimiliano la ga pensada justa, ma “agno” no vol dir niente. Ragno?

  24. massimiliano

    infati, pensavo, anzi me ricordavo del cartèl.
    poderia esser el ragno, te ga ragion.
    ma anche un bacalà vero ragno…

  25. yess, Dorian vince un simpatico quel dela quela 🙂

    in realtà la tabela gaveva scrito “è vietato prendere il bagno nel porticciolo”, ma poi dei simpatici burloni ga gratà via un poco de nero e ga lassà “è vietato prendere il ragno nell’orticciolo”. tropo de rider 😀
    Desso no so se i ga coreto, spero de no, ormai xe nel’imaginario coletivo de monade triestin, un poco come la curva bauca…

  26. La curva bauca! Detta anche curva Baucek (cussì iera scrito col spray). Mi go l’uficio propio la vizin e la fazzo ogni giorno. Ani fa dopo che qualche lole se ga intacà de novo iera la scrita curva bauca 2.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *