4 Ottobre 2019

Tram di Opicina: la vera origine delle disgrazie

el sunto Oggi alle 17.30 presso la biblioteca Il tram dei libri a Opicina la presentazione de "Le disgrazie del tran de Opcina"

tramOggi 4 ottobre alle 17.30 alla Biblioteca Il tram dei libri a Opicina in via Doberdò 20/3 ci sarà la presentazione del libro “Le disgrazie del tran de Opcina”. L’autore Diego Manna dialogherà col presentatore Ivan Lo Vullo. Ingresso libero.

In anteprima assoluta, il prologo del libro, che ci svela la vera origine delle disgrazie del tram.

ANNO 1902
PROLOGO

La Gara stava per cominciar.
A difender i colori de Trieste el novissimo tran de Opcina, vegnudo fora dele oficine austroungariche in tempo record propio per sta ocasion. Per i furlani, sule sine iera pronta la famosa Litorina de Cividale, che za ghe stava dando zo de maniza per far sentir el rombo del suo motor a vapor. In realtà iera un futiz, perchè el rumor vegniva fora de un masinin che no gaveva altro scopo se no quel de farghe impression ai aversari.
El tran de Opcina, per no esser de meno, el se gaveva avicinado ala strica de partenza con tacade sule riode un per de carte de tresete, cussì, per far un poco de scandal.
L’atmosfera iera ‘sai nervosa e el publico no spetava altro che el mato col s’ciopo in man dassi el via. Ghe iera chi che tifava per el tran e chi per la litorina, chi per Trieste e chi per i furlani, chi per l’Italia e chi per l’Austria-Ungheria, chi che diseva che el motor a vapor no saria mai stado superado del’eletricità, chi che diseva che comunque se stava meo co se stava pezo e chi che se lamentava che al barachin el frico costava de più dela jota.
PUM.
El tiro del s’ciopo rimbombava ancora intela vale che za i do sfidanti iera lontani. La litorina iera davanti, tra i zighi entusiasti dei furlani. E, un atimo prima dela prima curva, la gaveva tentado la furbada, spudando fora un bel nuvolon de fumera, che el tran se gaveva ciapado tuto intel muso. Corendo senza veder più gnente, el gaveva cominciado a guidar a caso, a ciapar le curve in piega e adiritura a andar drento e fora dele sine, taiando in sta magnera diversi tochi del percorso, roba che no iera gnanca contemplada intel regolamento perchè considerada squasi impossibile.
E cussì, mez’ora dopo, co la litorina gaveva passado el traguardo senza mai esser stada superada, i triestini stava za taiando el coto in crosta per festegiar el tran vitorioso, che iera rivado diese minuti prima.
I furlani no la gaveva ciapada per gnente ben e alora Don Onorio Codroipo, paroco de Lestizza, famoso esorcista sciamanista magodeumaghista sovranaturalista e qualche volta anca naturista in Costa dei Barbari, gaveva domandado l’intervento de tuti i sbilf, foleti, trol, gnomi e gnagni del Friul. Le prime a rivar iera stade le agane, ninfe de aqua, che, intanto che i triestini iera ancora drio a incoconarse de parsuto, gaveva tirado contro el tran la striganza più ranzida che le conosseva.

Qualche mese dopo, vegnindo zo per Scorcola, el tran ga fato la prima dele sue legendarie s’cioche. Le disgrazie del tran de Opcina iera uficialmente cominciade.

Questa la sinossi del libro:

Trieste, 2052. La zità xe controlada dal COFE, Centro Operativo per la Friulana Egemonia, che pian pianin ga conquistado un poco tuta la region. Una dele prime robe che el ga fato xe stà vietar el capo in b, el spritz bianco, el teran e adiritura proibirghe ai fioi de parlar in triestin. El tran de Opcina, un tempo tanto cocolado, xe stado inveze trasformado in un barachin per petessoni al’Obelisco.L’unico in grado de tegnirghe testa al COFE saria el MONA, el Movimento Organizzato per la Nazione Alabardata, ma de tanti ani ormai no se sa più niente de lui.Ma propio quando tuti par ormai gaver perso le speranze, e el Podestà Furio Teimbiavo e la sua vice Chanel Nacici xe adiritura colaborazionisti dei furlani, eco che salta fora l’inimaginabile.Zinque muleti dela Scola Elementare James Joyce, durante l’ora de frico e cotecio, i scoprirà un’antica profezia che li catapulterà in una corsa incredibile contro el tempo, tra sfingi ciacolone, ristoranti McFrico’s de lusso, clanfe moleste e una zaia de veci insempiadi. Inseguidi dai maestri Loris Mandi e Gianni Bastonich, dai agenti Copotutti e Xeciodi e dal Podestà e la sua vice in persona, i doverà adiritura passar per l’inferno triestin, coi sui temibili gironi dela bora, dele bobe e dele comesse ranzide. Ghe la farà i nostri zinque eroi a ristabilir l’equilibrio nel’eterna sfida tra MONA e COFE?

Tag: .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.