4 Dicembre 2013

“Fazzo l’ amor xe vero”, una vecchia canzone popolare triestina

Scampoli di storia è una rubrica a cura di Paolo Geri

La fotografia è stata scattata a Trieste nell’ ultimo decennio dell’ Ottocento ed è intitolata “Ritratto femminile – Donna in abito scuro con cappello e velo”. Il fotografo è Umberto Kunad che aveva allora un atelier di fotografia in città.
“Fazzo l’ amor xe vero ..” è una maliziosa canzone popolare triestina citata ne “La coscienza di Zeno” di Italo Svevo dove viene cantata dalla sua giovine amante Carla al protagonista, Zeno Cosini. E’ una delle più antiche canzoni popolari di Trieste coeva delle oramai quasi dimenticate “Scendi le scale scendile” e “Le scarpette co le rosete”. Nel dicembre 1890 al Circolo artistico si tenne infatti un concorso di canzonette popolari triestine: ottenne il secondo posto “Fazzo l’amor, xe vero” di Ugo Urbanis. E’ un po’ un inno al carattere delle ragazze triestine già dei primi del Novecento, spensierate, “libere”, provocanti e orgogliose del proprio fascino e del proprio ascendente sugli uomini. Ma è anche con quel ritornello ripetuto “no steme tormentar !” l’ espressione perfetta del modo di essere triestino, anche un secolo fa all’ insegna del “vivi e lascia vivere”. La giovine che a quindici anni, amoreggia, va al bagno, ha il vestito attillato e si fa guardare, passeggia per il Corso, va a ballare: tutte cose estremamente “normali” oggi, un po’ meno “normali” se si pensa che la canzone è di fine Ottocento ed è una testimonianza vivissima dell’ emancipazione delle donne triestine già ben oltre un secolo fa. Ma anche una canzoncina realistica sino in fondo quando dipinge la stessa giovine in età avanzata senza più nessuno che la “coccoli” ma che sa ancora trarre dalla saggezza popolare il motto “chi che bazila mori” (chi si preoccupa muore) anche questo tipicamente triestino.

FAZZO L’ AMOR XE VERO

Fazzo l’ amor, xe vero
cossa ghe xe de mal ?
volè che a quindise ani
stia là come un cocal (1) ?
Se tuto el santo giorno
sfadigo a lavorar,
xe giusto che la sera
me fazzo compagnar.
Fazzo, l’ amor, xe vero,
no steme tormentar!

Vado a nudar, sicuro,
cossa ghe xe de mal ?
co’ ‘sto tantin de caldo
xe più che natural !
Go el vestitin setado
e se anche i vol guardar,
non son cussi malfata
de averme a vergognar !
Vado a nudar, sicuro,
no steme tormentar!

Vado, a balar, xe vero,
cossa ghe xe de mal ?
saltar a l’ età mia
no xe pecà mortal !
Se gira e se se sburta
e se se fa strucar (2),
se torna a casa morte
e in piè no se pol star.
Vado a balar, xe vero,
no steme tormentar !

Vado su e zo pel Corso,
cossa ghe xe de mal ?
go el moro che ‘l me speta
tacà soto el feral (3).
El xe una macia (4), el scherza,
no’l fa che stuzzigar (5);
no’l vol che ‘sti dedini
se strachi (6) a lavorar.
Vado su e zo pel Corso,
no steme tormentar !

Vado al veglion, ‘sta sera,
cossa ghe xe de mal ?
Son giovine, son bela
e semo in Carneval !
In maschera se ridi
a farli bazilar (7),
e a qualchedun la zena
se ghe a- pol a scrocar !
Vado al veglion, ‘sta sera,
no steme tormentar !

Son vecia e son in tochi:
questo ghe xe de mal !
Me tocarà, capisso,
finir a l’ospedal.
Purtropo, go finido
de farme cocolar,
E za che no i me guarda
me sfogo a tabacar (8) !
Ma chi bazila mori,
no steme tormentar!

 

Per i lettori di fuori Trieste:

(1) cocàl = gabbiano
(2) strucar = stringere, ma anche palpeggiare
(3) feral = lampione
(4) macia = macchietta, simpaticone
(5) stuzzigar = provocare
(6) se strachi = si stanchino
(7) bazilar = preoccuparsi, qui significa essere in difficoltà
(8) tabacar = fumare

Tag: , , .

23 commenti a “Fazzo l’ amor xe vero”, una vecchia canzone popolare triestina

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.