24 Febbraio 2012

Il Carnevale e le panchine della stazione

Bit ci segnala questo mulon mascherato da un personaggio particolare…ecco cossa el ne scrivi:

El mulon Jure me manda sta foto che dimostra come el nostro soviet/podestà/zupan predica ben e razola mal (versavice).
Dopo aver fato tirar via le panche de piaza Venezia, tropo rente al suo Cna, dopo aver fato pulizia dei ingobri in stazion dei treni, ghe ga ciapà una crisi mistica: el se ga mimetizà soto la sua nova casa (palazo Cheba) per sensibilizar gli eletori.
Ma xe o no xe lui?
Mi giurassi de sì, anche se el me par un tantin sussado.
Bit.

Hai scritto qualcosa (o fatto foto, o video, o pupoli…) di divertente/ironico/satirico su Trieste, Gorizia e dintorni? Mandacelo al Quel dela Quela! Scrivi a manna@bora.la

Quel dela Quela on Facebook
Tag: , .

Un commento a Il Carnevale e le panchine della stazione

  1. Fiora ha detto:

    Ch’el sia lu’ no xe dubi 😀 cos’ ch’el fazi là le ipotesi xè tante…la mia xè che come tanti famosi Regnanti dela Storia el se gabi travestì de mendico per scoltar cos’ che pensa veramente la gente de lu’. E ‘desso pei Triestini sarà vera Quaresima. Epurazioni, gulag, frenocomio criminal, scopo rieducazion.
    I sopravisudi sarà portai in Piaza Granda,coi oci bassi. Po’ ghe sarà un squilo de tromba e tuti alzando i oci e fisando el Municipio i zighera eia eia… GO SBAGLIA’! Indiferente
    I zigherà viva el sindaco Roberto Secondo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *