13 Ottobre 2011

Raccolta differenziata: al via la sperimentazione per ridurre la raccolta indifferenziata

Con l’introduzione della raccolta rifiuti differenziata – che vedrà i cittadini modificare le proprie abitudini, anche con la conseguente diminuzione dei rifiuti nei cassonetti dell’indifferenziato – Comune di Trieste e AcegasAps hanno avviato un piano sperimentale, che punta a razionalizzare e a programmare al meglio l’asporto dei rifiuti.

“L’Amministrazione comunale, d’intesa con Acegas – spiegano l’assessore alle Aziende partecipate e controllate Fabio Omero e l’assessore all’Ambiente Umberto Laureni- ha predisposto un piano di sperimentazioni che punta a diminuire progressivamente le vuotature dell’indifferenziata in alcune aree non particolarmente problematiche, dagli attuali sei giorni alla settimana a tre giorni alla settimana. Le sperimentazioni hanno già interessato sia le zone servite da contenitori da 3200 litri, vuotati dall’autocarro monooperatore, che quelle servite da contenitori da 1100 litri, vuotati dagli autocarri tradizionali”.

Una prima tornata di verifiche, eseguite per testare la tenuta della mancata vuotatura nelle giornate del sabato e della domenica, è iniziata sabato 9 settembre e si è protratta fino al 30 settembre scorso. L’esperimento ha riguardato anche il percorso di raccolta che comprende Via Economo, dove non si sono evidenziati particolari problemi se non in due isole ecologiche su 45, e ciò perché in queste due sono state conferiti rifiuti ingombranti, con il deposito impropri di cartoni e suppellettili, collocati dentro e fuori ai cassonetti,. “Per evitare il ripetersi di casi analoghi -ribadisce l’assessore Fabio Omero- si ricorda che mobilio, elettrodomestici ecc. vanno conferiti direttamente e gratuitamente presso i centri di raccolta di Opicina, via Carbonara e Roiano in via Valmartinaga”.

Tutti i dati raccolti nel corso della sperimentazione, seppur non ancora esaustivi, dovranno essere consolidati da ulteriori verifiche da eseguire nelle giornate della domenica e del lunedì. Le previsioni teoriche ipotizzate –conclude l’assessore Umberto Laureni- portano a ritenere che la razionalizzazione del servizio potrebbe comportare delle economie di spesa da destinare, unitamente agli apporti del mancato incenerimento dell’ indifferenziato, a progetti tesi a favorire l’ aumento delle raccolte differenziate ed il miglioramento dei servizi di qualità urbana, a tutto beneficio dei cittadini e dell’ambiente”

Tag: , , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.