1 Agosto 2011

Comune di Udine: resi pubblici gli incarichi professionali assegnati nel primo semestre 2011

Ammontano a 786 mila euro gli incarichi professionali assegnati dal Comune di Udine nel primo semestre del 2011. Come nei semestri precedenti la voce più consistente riguarda i lavori pubblici, per la quale sono stati stanziati oltre 639 mila euro, l’81% dell’intera somma. Si tratta di incarichi previsti dalla legge per l’esecuzione delle opere pubbliche, come ad esempio le progettazioni o i collaudi delle opere una volta conclusi i lavori.

In questo ambito spiccano ad esempio l’iter progettuale per il progetto, in tutte le fasi (dalla preliminare all’esecutiva), di realizzazione di un’infrastruttura di telecomunicazione ad alta velocità per le aziende insediate nel Distretto Tecnologico Digitale di Udine (230 mila euro) o l’incarico di coordinamento (sempre per le imprese del Ditedi) di coordinamento della sicurezza (230 mila euro).
Molti, inoltre, gli incarichi di legge per altre opere pubbliche come, ad esempio, per i lavori di adeguamento normativo e agibilità dello Stadio Friuli (circa 27 mila euro), il collaudo statico per i lavori di recupero architettonico dell’ex macello (12 mila 355 euro) o, ancora, per il coordinamento della sicurezza lavori per l’impermeabilizzazione del tribunale di via Morpurgo (12 mila 497 euro).

“Tranne rari casi comunque – spiega il sindaco di Udine Furio Honsell – si tratta di importi di lieve entità, anche perché abbiamo cercato di valorizzare al massimo le risorse interne, affidando ai tecnici del Comune diverse progettazioni di opere pubbliche. Tutti incarichi conferiti dai dirigenti comunali a dei professionisti o a delle imprese esterne, così come previsto dalla legge, per la realizzazione delle opere. Come prassi, infatti, prima di assegnare qualsiasi incarico verifichiamo preventivamente la possibilità di affidarlo all’interno. Più in generale – prosegue il primo cittadino – il primo semestre dell’anno registra tradizionalmente spese inferiori rispetto al semestre successivo, quando è maggiore il numero di progettazioni assegnate, nonché di opere cantierate. La maggior parte degli importi – conclude – riguarda poi incarichi professionali per conferenze”.

Su un totale di 137 incarichi conferiti nei primi sei mesi del 2011 ben 125 riguardano importi inferiori ai 10 mila euro e di questi la gran parte si riferisce a cifre inferiori ai 5 mila euro, per lo più per commissioni o conferenze (la maggior parte per le celebrazioni relative ai 150 dell’Unità d’Italia). Altro importo di rilievo in questo primo semestre è quello relativo agli incarichi legali (14 mila euro), tutti obbligatori per la domiciliazione delle cause fuori dal mandamento di Udine.

Per quanto il trend delle spese relative agli incarichi esterni negli ultimi anni si può notare una netta inversione di tendenza a partire dal 2007. Da quell’anno, infatti, il peso di questa voce sul bilancio comunale si è più che dimezzato. Se nel 2005 e nel 2006 la spesa complessiva per gli incarichi aveva toccato rispettivamente 3 milioni 353 mila e 3 milioni 485 euro, dal 2007 tale importo non ha più superato quota 2 milioni di euro. “In un momento di recessione economica come questo stiamo cercando di contenere al massimo tutte queste spese – conclude Honsell –. Va considerato, comunque, che l’assegnazione di questi incarichi aiuta a muovere l’economia, così come l’appalto per l’esecuzione di opere pubbliche”.

Tag: .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.