25 Novembre 2010

Cie di Gradisca precluso al consigliere regionale Pustetto

Il Cie di Gradisca precluso al consigliere regionale della Sa-Sel Stefano Pustetto. Lo denuncia lui stesso, in una nota.

“Ho inoltrato formale richiesta alla Prefettura di Gorizia per poter visitare il Cie e il Cara (Centro richiedenti asilo politico) nella mia veste di consigliere regionale e tenuto conto anche delle mie competenze di medico – scrive Pustetto -. Dopo diverse sollecitazioni, la risposta è che la mia richiesta è stata inoltrata al ministero degli Interni, cosa che mi lascia alquanto stupito visto che l’autorità preposta a rilasciare il permesso di visita è proprio la Prefettura. Non comprendo, quindi, la necessità di chiedere il nullaosta a Roma”.

“Questo atteggiamento della Prefettura – aggiunge il consigliere – non fa che aumentare la mia preoccupazione per le notizie trapelate dal Cie. Se la situazione fosse tranquilla, come dichiarato dall’autorità preposta al controllo, non ci dovrebbe essere nessun ostacolo ad autorizzare tempestivamente la mia visita”.

“Nella veste di consigliere regionale ho già visitato tutte le strutture carcerarie presenti in regione, non capisco quindi perché il Cie, del quale si dice che non è un carcere, mi sia precluso”, conclude.

“Se, come viene detto dalle autorità, quanto sta avvenendo non è di particolare gravità – commenta Giulio Lauri, del coordinamento regionale di Sinistra ecologia e libertà – non ci sono motivi che impediscono che questa visita venga tempestivamente autorizzata. Le norme sull’immigrazione stanno aggravando di giorno in giorno la situazione dei migranti nel paese e nei Cie ed è quanto mai urgente l’istituzione di un Osservatorio permanente su quanto avviene nel Cie a Gradisca, come chiede la Rete dei diritti del Friuli Venezia Giulia.”

Tag: , , .

2 commenti a Cie di Gradisca precluso al consigliere regionale Pustetto

  1. sergio ha detto:

    che ci siano problemi o no un politico DEVE ha diritto di poter visitare qualsiasi cosa che sia del sociale , questo non è democratico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.