8 Giugno 2010

La Triestina Nuoto vince il Gran Premio del Tuffatore a Roma

di Alberto Krebel

Si è svolto a Roma dal 4 al 6 giugno il “Gran Premio Azzurri d’Italia” di tuffi; la società Unione Sportiva Triestina Nuoto sì è aggiudicata per la prima volta la classifica per società vincendo il Gran premio del tuffatore ottenendo un eccellente risultato che rispecchia e premia il lavoro svolto durante l’anno da atleti ed allenatori.
La compagine triestina sia a livello individuale che di squadra ha attirato l’attenzione di tutta l’Italia dei tuffi e si impone come una delle società più forti in Italia evidenziando una crescita costante.
Tra gli atleti ha brillato Estilla Morena per la categoria c1 che ha conquistato due medaglie d’oro e una di bronzo rispettivamente nel trampolino 1 metro nel trampolino 3 metri e dalla piattaforma ottenendo così il primo posto del circuito Gran Premio del tuffatore che somma i migliori punteggi delle 3 gare più importanti della stagione. Estilla si è qualificata per la Coppa Comen, sua prima kermesse internazionale che si svolgerà a dal 23 al 25 di luglio a Belgrado
Nella stessa categoria si è distinta un’altra giovane promessa dei tuffi, Bianca Braidotti, che si è aggiudicata la terza piazza dal trampolino 3 metri.
Gabriele Auber, punta di diamante della squadra maschile, è giunto terzo sia dal trampolino 1 metro che dal trampolino 3 metri, confermando con il suo miglior punteggio stagionale di essere fra i migliori tuffatori italiani della sua categoria. Gabriele ha dimostrato una grande costanza nel lavoro svolto mancando tuttavia per un soffio la qualificazione agli Europei Giovanili, ma facendo ben sperare per i prossimi anni in quanto al primo anno di presenza nella categoria juniores e mettendo una serie ipoteca sul suo ingresso nella nazionale giovanile
Per la categoria ragazze è stato determinante anche l’apporto di Valentina Allegro che ha conquistato la terza piazza dalla piattaforma; si è inoltre distinta Nina Isler che avendo dimostrato grande impegno negli allenamenti ha raccolto il frutto di una gara condotta ad un buon livello tecnico.
La soddisfazione più grande degli allenatori Ibolya Nagy e Csaba Melay è che la squadra sta crescendo in modo omogeneo dimostrando grande affiatamento e collaborazione al suo interno.
Noemi Batki, tuffatrice della nazionale, olimpionica a Pechino 2008, in questo week end di gare, in veste di accompagnatrice vede grandi progressi tecnici nella squadra, la costante crescita di questi ragazzi sia come atleti che come persone notando l’affiatamento che li lega e che li aiuta a superare difficoltà e momenti critici.

Tag: , , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.