8 Ottobre 2009

Agenda 21, il Comune ci riprova

Il Comune di Gorizia ci riprova. Riparte da oggi il processo di Agenda 21 locale, un progetto che aveva fatto “flop” qualche anno fa, sotto la giunta Brancati.
Questa volta il progetto coinvolgerà, oltre a Gorizia, i comuni di Farra d’Isonzo, Mossa e Savogna d’Isonzo, per attivare “un percorso partecipato e condiviso per migliorare la sostenibilità del territorio”.
Verranno organizzati una serie di forum, il primo dei quali è in programma nel pomeriggio di oggi. Nel corso dei cinque incontri, che si terranno dalle 16 alle 19 nella sala del Consiglio comunale di Gorizia, verranno trattati diversi argomenti “definendone sia gli aspetti critici che le possibili azioni da intraprendere per avviare un processo risolutivo”.

Giovedì 8 ottobre 2009 – La mobilità sostenibile (traffico veicolare centro-periferia, aree di sosta, piste ciclabili, progetto Pedibus)

Giovedì 15 ottobre 2009 – La gestione delle risorse idriche (ipotesi di realizzazione di uno sbarramento sul fiume Isonzo, problematiche connesse al rilascio della diga di Salcano, problematiche connesse alla gestione igienico-idraulica del torrente Corno)

Giovedì 22 ottobre 2009 – L’inquinamento ambientale (caso Livarna, inquinamento atmosferico da polveri sottili, inquinamento acustico, inquinamento elettromagnetico, inquinamento da amianto)

Giovedì 29 ottobre 2009 – Il rapporto fra aree verdi e sviluppo urbano (minacce per flora e fauna, azioni di contrasto al proliferare della zanzara tigre, corridoi ecologici, istituzione del Parco storico naturalistico del Monte Sabotino)

Giovedì 5 novembre 2009 – I servizi sociali per le categorie più deboli (asili nido, centri anziani, assistenza domiciliare, sostegno economico)

Tag: , , , , , , , , , , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.