31 luglio 2018

Ciacole no fa fritole: el tran de Opcina

el sunto Ciacole no fa fritole, storie e pensieri in dialetto triestino, ogni martedì

Chi va e torna fa bon viagio, ma oramai xe de do ani e passa che sto nostro amado tran de Opcina el xe entrà in un tal tran-tran de pegole, burocrazia e chissà che stregonerie per de sora, che se mia nona fossi sta una litorina no ghe bastava do fanai per pianzer tute le lagrime sora ‘ste povere sine che oramai le servi solo per sburtar erba e ingrumar scovaze!
La linea numero 2 (de no ndar a zercar altre, perchè xe l’unica) ciamada el “Tran de Opcina”, xe quela entrada in funzion – a trazion eletrica coi locomotori a cremaliera – nel setembre del 1902. El tipo de locomozion xe stado cambiado nel 1928 co l’impianto funicolare e, ancora ogi, el tran de Opcina xe (oh DIo, el saria…) el solo tran in tuta Europa co l’ impianto a trazion eletrica integrado de na funicolar che la va oltra – coi sui 5.175 metri – de un dislivel de 343 metri.
La canzon popolar – che disi che sto tran “el xe nato sfortunà” – xe nata per via che, compena dopo un mese de l’ inaugurazion, al tran ghe se ga roto el fren e dopo una mata corsa longo la ripida riva de Scorcola, el xe andà fora dei binari finindo contro ‘na casa.
Sicome iera bonora de matina, a bordo ghe iera solo quatro de lori: tre xe rivadi a saltar fora de la caroza in corsa mentre el povaro frenador xe restado intrapolado drento, per fortuna cavandosela solo co na gamba rota.
El tran ga tante altre storie, come quela de la Grande Guera del 1914 – 1918, co in una caroza ghe xe stade sistemade le barele per portar i feridi de l’altipian carsico, dove infuriava la guera, a l’Ospedale Magior in zentro zità.
El tran se ga trovà a bazilar anca durante la seconda guera mondial: nel 1944 la caroza, che ne l’ultima corsa trasportava solo soldai todeschi, la ga vù un atentato saltando sora de na mina messa sui binari, per fortuna senza nissun morto.
I triestini, che i sa darghe “morbin” a ogni roba che nassi in zità, ancora ogi i canta la vecia “disgrazia” de l’otobre del 1902, co sti versi scriti su le note de la Bora, derivada dalla canzoneta Le cotole strete composta nel 1911 de Giorgio Ballig su versi de Ettore Generini:

E anca el tran de Opcina
xe nato disgrazià
vegnindo zo de Scorcola
una casa ga ribaltà,
bona de Dio
che iera giorno de lavor
e drento no ghe iera
che’l povero frenador.
E come la bora che vien e che va
i disi che’l mondo se ga ribaltà.
E come la bora che vien e che va
i disi che’l mondo se ga ribaltà!
L’Italia ga pan bianco,
la Francia ga bon vin,
Trieste ga putele,
tute carighe de morbin,
carbon ga l’Inghiltera,
la Russia ga cavial
e l’Austria ga capuzi
che no se pol magnar!
E come la bora…

E savè cossa ve digo, gente mia, che San Giusto ve vardi e ve tegni sani e freschi per tuto l’istà!

Tag: , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *