16 luglio 2018

Alexander Kircher, un pittore triestino quasi dimenticato

el sunto Si inaugura giovedì 19 luglio alle 11 al Museo Postale e Telegrafico della Mitteleuropa di Trieste la mostra dedicata a Alexander Kircher.

Si inaugura giovedì 19 luglio alle 11 al Museo Postale e Telegrafico della Mitteleuropa di Trieste di piazza Vittorio Veneto 1 la mostra “Alexander Kircher: il pittore triestino dimenticato”.
In mostra una rassegna ricca di materiali originali e documentazioni che contribuiscono alla conoscenza e alla definizione di un pittore che, ingiustamente, ha rischiato l’oblio proprio nella sua città d’origine.

Nato a Trieste nel 1867, Kircher rimase per tutta la vita appassionato cultore di visioni e paesaggi marini. Molte delle sue tele diverranno cartoline che la collezionista Liliana Pajola ha raccolto e con le quali ha sostanziato il suo libro “La Marina da guerra Austroungarica nei quadri di Alexander Kircher (Luglio editore 2018) che sarà presentato prossimamente proprio al museo postale.

La rassegna allestita dalla direzione museale è ricca in cartoline, documenti e oggetti originali. Più di duecento le prime, tutte d’epoca, a testimoniare l’amore dell’artista non solo per il mare, in generale per quei panorami che molti artisti di fine ‘Ottocento hanno saputo ritrarre e presentare a un pubblico sempre più interessato ai viaggi e alla conoscenza di luoghi e culture diverse.

Grazie alla sensibilità del collezionista Giorgio Petronio, almeno una ventina di disegni firmati in prima persona da Kircher troveranno spazio nelle teche museali e del contiguo Spazio Filatelia. Nei testi e nel libro che inquadra la vita e l’opera dell’artista, molte informazioni sono state fornite da Peter Teichmann, nipote di Kircher, residente in Germania.

La mostra resterà aperta fino al 8 settembre 2018.
Gli orari di visita del Museo Postale triestino e dello Spazio Filatelia: dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 13.00, il sabato dalle 9.00 alle 12.30, esclusi i festivi.
Per info:  040/6764264/293.

Tag: .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *