Pupolo di Marco Englaro
2 maggio 2018

Ciacole no fa fritole: el caligher

el sunto Ciacole no fa fritole, storie e pensieri in dialetto triestino, ogni martedì

El caligher no devi giudicar più sora de la sua pianela: saria come dir che nissun devi star là a dar giudizi sora robe che no xe afar o mestier suo. Go fato sta precisazion perché par che al mondo semo tuti cussì bravi e savi de saver tuto, e tuto meio dei altri. E cussì, zerchemo sempre el pel ne l’ovo e credemo de saver tuto sul “mal” dei altri, senza gnanca aver mai dado bada al nostro! Ma tanto, tuti i sa, che chi no fa, no fala e ‘lora per forza che ghe competi a quei che no fa, de veder le falope de quei che fa, magari zercando de un picio mal, farghene un grando!

Uffa! Che fadiga go fato per farve capir che no xe bel esser dei criticoni marzi. Par che Gesù ghe gabi dito ai sui apostoli: “no xe quel che ve va dentro de la boca che me costa, ma quel che ve vien fora dela boca!” Ma pensè che financo el Signor no giudica un omo prima che’l sia ‘ndado a sburtar radicio, e alora no stemo esser più precipitosi del Somo Giudise e, prima de criticar, no digo de spetar che l’omo sia andà a sburtar radicio (anca perché in sto modo no xe viz) ma solo de no misurar i altri drio del proprio brazoler, senza gnanca aver mai ciolto in man el metro!

A parte el fato che bisogna lassar dir e far a chi che xe de l’arte e che prima de conosser un omo, bisogna magnar un forno de pan insieme, xe ‘ssai meio zercar de capir prima perchè i altri i fa quel che i fa. Tuti i xe bravi de condanar, criticar e brontolar, senza pensar che la gente se risenti sempre de le critiche ciapade e che chi le fa, inveze de contribuir a far andar meio le robe, el contribuissi a farse un nemico de più, vita natural durante.

Anca mi iero un poco (?) criticona, ma coi ani go imparado sta sempiada che a nissun ghe piasi esser criticado, per quante falope el possi aver combinado. E cussì – a meno de poder salvar qualche situazion ancora possibile de refar – go pian, pianin imparado e, co me se presenta l’ocasion, se no posso parlar ben, stago zita e muci! Perchè se trova ancora in giro tanta gente brava, bona, savia, bela e simpatica, che no ghe penso gnanca un momento a quanto meio podessi far mi se saria al loro posto, ma me complimento per quel che i fa, perché son sicura che, come mi, nissun vol dar el suo pezo, ma sfadiga per dar el suo meio.

E sora de tuto, me racomando, de no andar a dirghe “ma chi te lo fa far” a tuti quei “mati” che – dopo el lavor per meter insieme el pranzo co la zena, – i se inzegna de far qualcossa de meio o de artistico perchè, gente mia, ‘l sugo de la vita no xe solo quel de andar al Pedocin a far un toc’!

Ben bon me son sfogada… ah no gavevi capido che go ‘pena incontrà na bona amica mia cussì cocola che la me ga dito: “Go visto el tuo spetacolo, brava, ma…. tropo longo, massa musica, ti podevi far un tempo solo, no ti gavevi atori meio de quei? Me ga proprio piasso!” E la xe andada via tuta contenta de gaverme fato un complimento … e mi go ringrazià el ziel de no girar col revolver in scarsela, perchè la gavessi de sicuro copada!

Desso voleria darve la riceta de qualche bibiezo de meter in tola … e se dopo me critichè? No, no… meio che ogi andè a magnar ‘na piza! Ma no là, orpo, xe meio la pizeria drio el canton! E cossa, la margherita ve piasi? Ma no gavè proprio gusto, provè quela ala diavola , che xe bona! Che cocoli che se stai de gaverme soportada fin quà e za che se neteve i ociai, che cussì legerè meio, ma no ste a star là, meteve dove che xe più ciaro, e senteve ben sora de quela carega, ma no i ve ga dito che no se se meti i dedi int’el naso…

E che San Giusto ve vardi!

Tag: .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *