23 aprile 2018

Nate dei refoli de bora: svolar

el sunto Appuntamento del lunedì con la poesia in dialetto triestino e l’omaggio alla bella Trieste dei tempi andati.

SVOLAR

Svolavo de note.
Un salto,
le man tese in alto,
po impenade virade
cablade
e iero sora i teti
e po fora zità,
nei boschi
a carezar
le zime dei abeti
e sul mar
a osservar
el stormizar dei pessi
fra le onde.
Co el cel
girava verso el bianco
distudando le stele
per farghe posto al sol
mi ateravo puntual.
Nel mio leto.
Go sognà cussì per ‘ssai
e poco go svolà
per vero.
Graziella Semacchi Gliubich

LA CONSIDERAZION

La xe rivada in classe una putèla
con cusì el luto sora una patèla:
“Mia nona la xe morta” la ga dito
e tuto intorno ghe xe stado zito
che quela strica là, sul giacheton,
portava stima e considerazion.
Saltà però xe su una ripetente:
“Mi go un zio zoto e orbo anca un parente”
e sodisfada de podèr contàr
la ga tacà tra i banchi a zinzolar.
“Mio nono xe insempiado e tuto el bava”
per sora se vantava la più brava
e un’altra: ”Mia sorela le tonsile
se caverà” e intanto mi una bile
gavevo indosso e me sentivo un vermo
perché nissun me iera morto o infermo!
Laura Borghi Mestroni

NO XE VERO

Un fil de speranza
e sarò fiori,
in un ziel de nuvoli,
e l’aqua de piova
che cori zo per l’erta
sarà ciara.
No xe vero
dirò de tuto quel che no capivo:
e sarò monte
e la cascata che vien zo
cantando
e l’onda che riva al scoio
urlando.
No xe vero
dirò de tuto quel
che no volevo:
e sarò pra’
fresco de rugiada,
e la tua
de novo la mia strada.

No xe vero
dirò de tuto quel
che me feriva:
e sarò aquila
per rubarghe al vento
l’istà e l’inverno
e fermar el tempo
ligà
a un fil de speranza:
e sarò vida e olivo
in tera coltivada.
Edda Vidiz

Alcune delle poesie raccolte a cura di Edda Vidiz e Graziella Semacchi Gliubich sono tratte dal libro “Nate dei refoli de bora”.

Tag: .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *