Pupolo di Marco Englaro
10 aprile 2018

El risoto de caperozoli

el sunto Ciacole no fa fritole, storie e pensieri in dialetto triestino, ogni martedì

Iera rivà el momento fatidico per Leo de presentarse a casa de Roseta! Dovè saver che na volta, al ciar de luna in giardineto, el mulo ‘l ghe gaveva confessà, fra un baseto e na strucadina, che a lu ghe piaseva ‘ssai el risoto de caperozoli. La mula ghe lo gaveva contado a mama e sta qua, ben savendo che la pignata xe la rufiana de l’amor, la se ga prontà a iutar la fia a preparar el piato preferido del mulo per la fatidica zena del primo incontro.
E cussì mare e fia, cicola e ciacola, le ga scominciado a darse de far: messi ben a smoiar i caperozoli in scafa, lavai e rilavai un per un co’ la scartazeta, messi a boier, verti e netai co la santa pazienza, messi de ‘na parte i caperozoli e l’aqua de boio – ben filtrada co la straza per do volte, che no ghe restassi un fià de sabia – de l’altra, fato el sofrito … e no ve digo altro perché no iera la riceta che volevo contarve. E ‘l profumo? Tuta l’androna saveva che Roseta cusinava i caperozoli per el mulo, che se presentava in casa.
Ben, bon riva el Leo, sona el campanel: panico! Verta la porta: confusion general!
La mama, che de solito la gaveva na sbatola a mitraia, la stava squasi (de notar el “squasi”) zita, el pare ‘l rosigava la pipa come un osseto de polastro, i fradei fazeva i sempi più del solito e Roseta… a Roseta ghe tremava le gambe e roba che la se tomboli un per de volte in andito nel corer a verzer la porta. Eh sì, portar el mulo in casa ai tempi andai iera na roba seria, miga come ogi!
Sentadi che i se ga in tola, Leo no fazeva altro che dir “Mai magnà un risoto compagno! Gnanca mia mama la lo sa far cussì bon!” E i fradei a farghe coro (o iera remenela? No se ga mai savesto) “Che bon, xe sul serio bon!” Nono ogni tanto verzeva boca “De lecarse i bafi!” e nona la rivava infilar nel discorso perfin un “Eh, Roseta la xe ‘ssai brava, co la vol!”
Insoma, a farla curta, un risoto cussì bon, ma cussì bon, nissun de lori lo gaveva mai magnà. E figurevese Leo che, sia perchè inamorado coto, sia perché el iera restado ssai ben impressionà, el se ga trovado a dir de sì co’ Roseta dopo gnanca sie mesi.
Dopo zinquanta ani de matrimonio, per remenela, ancora el se lamentava: “Tuto colpa de quel sacramentà de risoto!”
Perchè Roseta no ghe gaveva mai contà che, co lu el iera andà via sazio e contento, ela la xe andada a disbratar la cusina, dove la ga trovà vizin al sparghert un pignatin, che no la se lo gnanca ricordava. La ga alzà suso el covercio e cossa no la ga visto drento? Ma i caperozoli,
orpo!

Che San Giusto ve vardi!

Tag: .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *