Pupolo di Marco Englaro
20 marzo 2018

No bisogna vardar quel che iera ma quel che xe

el sunto Ciacole no fa fritole, storie e pensieri in dialetto triestino, ogni martedì

No bisogna vardar quel che iera ma quel che xe ma, vara là, noialtri triestini inveze semo sempre là a darghe patina a quel che xe passà e a negrizar el giorno de ogi. No se pol miga ‘ver sempre sbrego ne la vita! Alora coragio, che paura no manca, scominzemo a meterse la camiseta a la drita, e zerchemo de sbrissar via del clonz doprando la testa e no i pìe!
I “economisti”, che i xe grandi ne la storia, i se la cava col “tirulà-tirulì no la andarà sempre cussì”, ma no se pol miga carigar el s’ciopo senza balini! Bisogna inveze meterse de balin a indrizarse le corbe e sparagnar indove che se pol e spender senza spander dove che se devi. Tegnindo però sempre ben in testa che ‘l bon mercà rovina le borse, perché, come diseva mia nona: “Son tropo povera per spender poco”, dato che quel che costa poco dura un giorno e quel costa ‘ssai dura ‘na vita!
Ben, bon tiremo ‘vanti. Imprimis ve dirò ancora come sparagnar in cusina, comprando la roba de stagion. De la roba autuno-inverno ve go za dito, desso ve conto de la primavera e de istà. E se magnè memoria salveve sta lista, che prima o dopo la ve servirà!
De verdura: articiochi, bisi, cavoli de tute le sorte, carote, cucumeri, fasoi, fasoleti, fave, fiori de zuca, fonghi, indivia, matavilz, melanzane, patatine nove, peveroni, pomidori, pori, radicio, ravanei, rucola, salata, sedani, sparasi, spinaze, zime de rave, zuchete.
De fruti: amoli, angurie, armelini, cespe, fighi, fragole, frambue, gnespole, limoni, meloni, more, pere, persighi, pomi, pompelmi, ranglò, sorbole, susini, ùa, zariese.
Per de sora ve darò un cinque molete per no scotarve i dedi fra le pignate, dato che sovente costa de più come che se dopra, che quel che servi.
1) co’ el poco se godi: a Trieste l’aqua de spina xe bona e magari più sana de la mineral, che se la xe venduda int’ela butilia de plastica tegnuda soto el sol… no cori che ve spiego;
2) val de più saver tignir che guadagnar: no bisogna butar in scafa l’aqua che se dopra per cusinar le verdure, ma salvarla per cusinar la pasta, che cussì la ciapa anca bon savor.
3) a soldin, soldin, se fa el fiorin: l’aqua va boida sempre in pignata col covercio cussì la ciapa el boio prima e – manco a dir – se sparagna gas;
4) ogni piada para ‘vanti: per cusinar verdure o roba dura come una siola de stival de Cicio xe meio doprar l’ atomica (in ‘talian pentola a pressione), sparagnando cussì tempo e gas;
5) se godi el corpo stenta la scarsela: per star ben bisogna condir quel tanto che basta ma, tegnive ben in testa, sempre con oio extra vergine de oliva, a meno che no sia pesse fin o riceta dei tempi andai, che imponi grasso de porco! No ghe darà solievo al tacuin, ma le arterie ringrazierà, la balanza sospirerà e le mulzè, pian a pian, se scunirà.
Voltila e rivoltila, la storia xe sempre quela. Senza contar che quela dei nostri veci la iera ‘ssai pezo, dato che fra le poche sodisfazion che se podeva permeter anca chi permeter no se podeva gnente iera … la zonta de pan de fighi!
La zonta de pan de fighi nissun più te la dà. Ogi se ga perso perfina la riceta, oh, coss’ che la volaria, de quel pan cussì special. E co te va in paneteria i te conza inveze el scontrin fiscal. (un struco de ‘na poesia de la mia amica Graziella Semacchi Gliubich).
Ben, bon mi che son una scovarobe, go intivà la riceta per Graziella e, za che semo, per tuti voi.
Riceta de pan de fighi:
Se taia a tochetini per longo 10 deca de fighi suti e 10 deca de mandorle co’ la scorza, se zonta 10 deca de zibibe e se bagna tuto co un cuciar de rum. A parte se sbati ben, ma ‘ssai ben, la neve de do ciare de ovo, co’ do rossi e 15 deca de zucaro. Po’ se zonta i fruti suti col rum, 8 deca de fior de farina e 6 deca de farina de amido, se missia ben tuto insieme de novo e de sta roba se fa una luganiga de pan, che se spalma de ovo e se cusina in forno.
Ben, bon basta ciacole e che San Giusto ve vardi!

Tag: .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *