26 luglio 2017

Filosofia della movida triestina

el sunto Riceviamo e pubblichiamo questa importante segnalazione di Al Cool sulla movida triestina, recentemente azzoppata di mezz'ora

1.TESI. La mia ontologia della movida triestina si fonda sul concetto essenziale di “bionda atomica”. E’ il riflesso speculativo dell’ente naturale “birra bionda a doppio malto e alta gradazione” e dell’ente semi-divino “squinzia bionda sui 25 anni e alta circa 1.80 con gambe lunghissime e curve nei posti giusti”. In astratto la mia identità teorica di soggetto in relazione all’oggetto movida triestina si pone dialetticamente come sintesi delle due bionde atomiche, una birra a doppio malto in mano e una squinzia esplosiva al mio fianco.

2.ANTITESI. In concreto, nella mia storia personale però si è verificata una contraddizione birra-squinzia che è all’origine della mia alienazione come soggetto. Quando nella movida triestina chiedo una birra bionda atomica, me la dà. La squinzia bionda atomica di turno invece non me la dà. In merito a questa negatività ho dato credito alle interpretazioni del mio amico nerd, visto che siamo nell’epoca della tecnica. A 18 anni mi disse:”No la te ga pel cool perchè no te ga la sua età”. A 25 anni:”No la te ga pel cool perchè ghe piasi quei più grandi che xe più maturi”. Adesso a 30 e passa sono più grande e maturo. In via Torino una squinzia bionda atomica è vicino a me, ma in compagnia di una materializzazione dell’ente “antascent” – età “anta” e stile di vita “adolescent”. Il mio amico nerd mi dice:”No la te ga pel cool perchè el mato ga l’aria in pila e la vol divertirse.” Allora non poteva spiegarmelo a 18 anni, prima che facessi filosofia?

3.SINTESI. Ho superato concretamente la contraddizione dialettica della fase precedente. Dopo una lunga serie di birre a doppio malto sto vedendo la bionda atomica che pende dalle mie labbra mentre le parlo di Heidegger. Si è realizzata una sussunzione alcoolica del mio amico nerd in bionda atomica pazza di me. Ma allora perchè non si fa baciare?

Al Cool

Tag: , .

4 commenti a Filosofia della movida triestina

  1. aldo

    “ontologia” nel senso de dotrina de come onzerse o de dotrina de come ciaparle?

  2. aldo

    Ribaltando la tesi de Al Cool – come Marx ga fato con Hegel – per mi xe meio gaver la bionda esplosiva in man e la bira a dopio malto a fianco che el contrario

  3. bombastic

    Al Cool, xe la storia della mia vita nella movida

  4. bombastic

    regolamenti e decurtazioni musicali inutili tanto l’acqua – anzi il spritz con o senza aperol – trova sempre il modo de pasar

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *