9 giugno 2017

Trieste immensa: Fortitudo spazzata via e i biancorossi volano in finale

el sunto Trieste ha la meglio in gara 5 sulla Fortitudo. In finale se la vedrà con la Virtus Bologna

Indimenticabile. Quale miglior aggettivo per descrivere la vittoria in gara 5 della Pallacanestro Trieste 2004 sulla Fortitudo?

Una partita che rimarrà negli annali del basket triestino, quella tra Trieste e Bologna. Ok, non sarà stata una partita di playoff come quelle che si giocavano in a2 vent’anni fa per intensità e qualità (Gorizia-Trieste spareggio promozione, do you remember?), ma è pur sempre stata uno dei match più emozionanti – se non il più emozionante – da quando la squadra giuliana fallì tredici anni fa. È una Trieste che vince meritatamente per 80 a 60 contro la Fortitudo disintegrando ogni certezza di vittoria facile del presuntuoso coach Boniciolli, dei poco sportivi telecronisti di Sky, dei (nazi, pazzi e malati)tifosi della Fossa e dell’admin del sito della legapallacanestro.it che prevedeva già da giorni una finale facile-facile tra la Virtus Bologna e la stessa Fortitudo.

Trieste vince di fronte a 7000 tifosi ubriachi di felicità (ma anche de bira, no dixemo bugie). Trieste vince grazie a un grandioso collettivo dove non ci sono prime donne. Dove non c’è un Pecile, non c’è un Cavaliero, non c’è un Bossi. Laddove non c’è il singolo, c’è la squadra. Trieste vince grazie a un grande lavoro scouting di Dalmasson e il suo staff che hanno portato nelle ultime due stagioni alla corte giuliana Parks e Green, giocatori pressoché sconosciuti fino a qualche mese fa, che si sono rivelati decisivi per raggiungere un traguardo inimmaginabile da qualsiasi tifoso triestino a settembre 2016: la finale dei playoff di A2.

Ma il ricordo dolce-amaro che mi porterò più nel cuore e con me, credo, altri aficionados della squadra giuliana è quello che riguarda il grande ex-biancorosso Ruzzier, ieri sera con la casacca della Fortitudo addosso. Vedere Ruzzier ai margini della squadra bolognese mi ha fatto una grande tristezza, ma allo stesso tempo mi ha riportato alla mente il grande percorso di crescita sportivo ed economico della Pallacanestro Trieste negli ultimi anni. Una squadra che tre anni fa si salvava dalla retrocessione in B1 grazie a un fantastico Ruzzier in formato MVP e che oggi sconfigge lo stesso Ruzzier e compagni bolognesi per giocarsi l’accesso alla massima serie contro la Virtus.

Ora però è tempo di guardare a gara 1 della finale dei playoff. L’appuntamento è al Paladozza  di Bologna per martedì 13 giugno alle ore 20.30

 

Foto dalla pagina Facebook della Pallacanestro Trieste 2004.

Tag: , , , , , , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *