31 gennaio 2016

Trieste Film Festival: I VINCITORI!

Ed eccoci ai vincitori (nelle principali categorie) della ricchissima ventisettesima edizione del Trieste Film Festival!

Nella categoria lungometraggi il pubblico ha scelto di assegnare il Premio Trieste all’ungherese Lili Horváth con il film A SZERDAI GYEREK (The Wednesday Child), coinvolgente dramma sull’emarginazione giovanile.

Fra i cortometraggi trionfa il complesso DISSONANCE di Till Nowak, con i suoi effetti speciali piacevoli e dinamici, mentre nella sezione documentari il meritatissimo primo premio va a V LUČACH SOLNCA (Under The Sun) del georgiano Vitalij Manskij che coraggiosamente ha documentato per la prima volta, con intelligenza ed ironia, la vita nel regime nord coreano. L’altro documentario sicuramente degno di nota di questa edizione, CHUCK NORRIS VS COMMUNISM di Ilinca Calugareanu, conquista il premio speciale dell’Osservatorio Balcani e Caucaso.

Banat_CORSO-SALANI

Il Premio Corso Salani 2016 va invece a BANAT – IL VIAGGIO di Adriano Valerio con la seguente motivazione: «Il film racconta un’inusuale storia di “emigrazione al contrario”, che indaga con delicatezza i sentimenti di spaesamento e ricerca dell’altro che erano propri anche del cinema di Corso Salani. Lo fa usando un intreccio di linguaggi che trovano anche dei momenti particolarmente felici, come la coinvolgente interpretazione di una canzone semplice e struggente da parte di un’intensa Elena Radonicich».  Per questa attualissima pellicola sull’emigrazione ci auguriamo veramente una distribuzione nelle sale nazionali. 

Un altra edizione degna di nota e ben organizzata per il team del TFF che, durante la serata finale, ha accennato all’eventualità di una (a mio parere sacrosanta) riproposizione  dei film nelle settimane successive al Festival in modo da permettere a tutti di godere di queste opere di qualità che spesso non riescono a trovare spazio delle sale nazionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *