30 agosto 2012

Trieste-Krakow in bici 2: Logatec, inseguiti dall’ombra di Franca Porfirio

Qua le puntate precedenti

Foto (quele bele) di Marco Massimiliani. Quele brute xe mie 😛

Logatec, again. La prima tapa dei ultimi do viagi xe la stessa. In efeti, se te tiri una strica de Trieste a Budapest e una de Trieste a Cracovia te capissi che tanto val passar per de là. Quindi desso fazo copia e incola del’articolo del’ano scorso e me la sugo facile. Volendo, xe la stessa strada anche del primo viagio, quel che ne ga portà a Berlino (la gavemo ciapada larga per evitar i monti…furrrrrbi!).
Ma ala fine ogni percorso e ogni posto, per quanto possi esser sempre quel ai limiti del monotono, ciapa novi significati a seconda dela prospetiva con cui te lo vardi. Cussì, un’anonima cabina del bus a Sesana xe stada la nostra salveza al primo giro, co gavemo ciapà grandine e se semo riparai là. Al secondo giro xe stada la nostra atrazion e se semo fati le foto ricordando la grandine del primo giro. In sto giro invece no la gavemo gavuda gnanche pel fioco. Che insensibili ciò. E, oltre ale nove prospetive, se zonta el fato che go una memoria spaziale degna de un bacolo col’alzaimer, per cui per mi anche la centesima volta che son in un posto sarà quasi come la prima. “Uh, ara che figo!” “Ma Diego, no te se ricordi del’ano scorso?” “Mmmm…no”.
La partenza xe fissada ale 9 in Piaza Unità. Tuti presenti in orario, magari con qualche minuto de sbandamento causa fuso orario rionale. Fa piazer veder che xe un poche de persone che xe vegnude a saludarne (forsi a controlar che no se metemo a pedalar verso Barcola). Giusto el tempo dei ultimi abraci e se dirigemo verso Corso Italia.
Semo tanti, xe el primo viagio che femo passando per cità cussì numerosi, femo za quasi massa critica. Pedalar in sete in mezo ai auti fa molta meno paura che de soli. Ciapemo la ciclabile, e finalmente se pol ciacolar un poco in pase. I primi comenti riguarda el look che proponemo. Quele braghe xe de baloner. Sì, ma la maia xe puro Lidl a 5 euri e 99. L’indumento de punta però xe sicuramente la maieta de Massimo. Al’inizio tuti ga pensà imediatamente ala maieta dela Croazia, otima, se te ga de passar per la Slovenia. Poi invece gavemo capì chi iera el suo ispiratore. Eco el mitologico libro, che probabilmente el gaverà studià aprofonditamente prima de partir per seguir i sagi consigli dela Pimpa. Pimp my bike.
Altro look de punta xe quel de Francesco “Checco” Bragagna, che se agregherà ala comitiva sul confin con la Slovenia, con un cascheto che lo fa sembrar un poco un pulcin apena vegnù fora del’ovo con un toco del guscio restà in testa. Oltre a Checco, sul confin se unissi ala comitiva anche el papà e la sorela de Cionn e un amico. Che, zontai a Eric Medvet, che ne gaveva affiancà za lungo la ciclabile, fa 12. Passemo el confin in 12, sembra quasi un’invasion su do riode.
Presto però tre bici se ferma e tornerà indrio. “Ierimo vegnui solo a cior carne in maceleria”.
Continua intanto le disquisizioni sul look da ciclista. Subito vien fora el tema dele mudande soto le braghete. Mudande sì, mudande no. I veri no le ga, i disi. Zerco aleati. Ma no li trovo, maledeti smudandai. A quanto par son l’unico non vero dela clapa. Quel su cui semo tuti d’acordo xe che el look del ciclista xe estremamente ccgnaf. Cossa xe ccgnaf? Xe l’acronimo de “Cose Che Gridano ‘NO!’ Alla Figa”, xe anche el grupo su facebook se volè iscriverve. Insoma, per esempio i baloneri xe bei de veder, poco de far, i ga dele divise che ga un certo stile. Idem i tenisti, vara per esempio Nadal che boba che xe. O i muloni del rugby, che ghe vien anche fora el fisicon. Invece el ciclista xe quel che ga un look proprio sfigà. Quele robe che forsi xe meno pezo andar in giro col marsupio, o con le zavate con le calze, o con le infradito con le calze, o coi slipini col tacuin infilà dentro, o con el capelin cola ventolina fotovoltaica, o vestidi de Darth Vader, o cole maiete de Star Wars. Ccgnaf dei. Forsi solo quei vestidi de sumo xe più ccgnaf. Bon, ma tanto l’aspirazion maxima del ciclista xe pedalar tuto el giorno e dopo mazarse de carnaza e birone a cena, miga el ga de ingrumar come i baloneri. Che destin che se semo scelti ara.
Incontremo tre muleti austriaci con le bici in panne. Eco, lori sì che ga un look de ciclisti non ccgnaf. Scalzi, cavelada, covertina intorno ale spale de vero postgrungerock. El vero look da boba adolescenziale. I ga roto qualche ragio. Finchè iera uno o due i rivava a sistemarli, ma i xe ormai al capolinea. Ciacolemo un poco, Cionn trova coi sui potenti mezi tecnologici el negozio più vicin che pol aiutarli. Ma xe sabato, sarà dura. Ghe sugerimo comunque de portarse drio la rioda e andar in negozio in autostop. Noi purtropo posto sule bici no gavemo.
Se fermemo per el pranzo. Tuti ga pensà de portarse el panin. Quasi tuti. Al’apelo manchemo mi e Massimo. Incomincia a vegnir fora el spirito de grupo, Checco e Paolo ne salva dividendo el loro pasto.
Poco dopo, Erich abandona la clapa e torna indrio. Sto ano no el riva a esser dei nostri. Xe la prima rumizada che el salta, e el saluto xe un dispiazer. Torna in mente la scena del’ano scorso, quando gavemo dovù separarse de Michele al secondo giorno. Pecà, qualcossa mancherà sicuramente. Qualcossa che no saveremo cossa, visto che no ghe sarà. Podemo solo imaginarsela, e za cussì el velo de tristeza resta.
La strada intanto scori tranquila. Se ciacola, se sta in coda, se se perdi nei pensieri, se pensa a cossa stemo lassando, se pensa a cossa ne speta. Ognidun sula bici xe libero de trovarse la propia dimension preferita, momento per momento. Sora de noi, riva nuvoli, ma par propio che li stemo scansando de quel che basta. Never in neverin.
Poco dopo Planina, se imbatemo in un misterioso cartel de legno cola scrita Krakow in gialo.

Ghe caschemo come pampel, convinti dela magica coincidenza astrale. Gente de Cracovia che ga lassà un cartel là. Gente che fa l’autostop ogni giorno per andar a Cracovia. Gente che de un giorno al’altro se sogna de indicar la strada per Cracovia, per qualche ignoto motivo. Scata le foto de rito. Dopo un poco, ne vien i primi sospeti. Massimo decidi che sto cartel va portado via, e se lo liga coi elastici sula bici. Senza gnanche el cartel de carico sporgente. Qualche chilometro dopo, altro cartel. “Tra poco Spritz Point by Franca Porfirio”. Ben dei. Questo ne fa un poco paura, ma ormai xe evidente che se trata del mulo Paolo Tanze, che za iera passà a saludarne l’ano scorso. Sto ano el ga fato proprio le robe in grande. Spritz, bira, radler e adiritura un’anguria. Taca piover, ma semo coverti e sopratuto in otima compagnia e sempre più alegri. Passa dei ciclisti cola bandiera dela Polonia. Eco, questa xe una coincidenza. Magari i xe de Cracovia. Ghe zighemo che i se fermi a bever con noi, ma i ne scampa via.
Proseguimo. Pasta, in testa al grupon, va longo a un incrocio e se fa un 100 metri boni in solitaria. La pena per chi sbaia strada, come per chi casca, xe de butar de bever. Lo spetemo e ghe femo un aplauso. Otimo, stasera un giro xe gratis.
Rivemo a Logatec. La compagine galileiana xe davanti, e a tradimento i stabilissi che rivar primi al cartel dela meta val un punto. 1-0 per el Galilei, col fufignez. Femo la sosta al Tus per far la spesa pel giorno dopo, che xe domenica e no se sa mai, e per ciorse le solite bumbe carighe de vitamine e minerali. Trovemo questa. Questa sì che xe una droga coi controquei. Forsi in picio xe anche scrito ben dove xe de metersela per andar ancora più veloci. Massimo se fa dar in omagio i tacomachi dele bestiuze. Se le spartimo a zena, come i fioluzi. Mi go el nudibranco. Altri ga squali. Altri ga organismi marini non meglio identificati.
Zenemo, xe l’ora dela lubjanskona e dele super birone. Laško o Union? Xe el più classico dei dualismi, assieme forsi a can vs gato. Bevo pivo finchè vivo, bevo Laško finchè casco. Son felice son giulivo perché bevo Laško Pivo. Anche Gesù da vivo beveva Union pivo. Pijem Laško ščijem novo flaško. Te bevi Laško e te pissi Union. Insoma la Laško parti sempre in vantagio nela sageza popolare. Ma Michele va controcorente. In mezo ala mandria de Laško che riva, ghe xe anche una timida Union. La cameriera ghe chiedi a Massimo, che xe za verso fine bicer, se el vol un’altra bira. “Maybe later. No, not maybe, but later”. Ne ragiungi Cristina, la moglie de Checco, che zena con noi e poi ritornerà indrio assieme al nostro otavo componente. Restemo in sete, quei che poi proseguirà.
Andando verso le nostre stanze se acorgemo de un strano simbolo sul bancon. Quatro pie. Due in su e due per zo. No dei, no pol esser. E cossa te vol che sia? Ma dei. E bon ah, chiedemoghe ala cameriera. Se fa avanti Michele, che ormai ga assunto el ruolo del linguista del grupo, visto che el ga studià tedesco, inglese e che el parla sloven perché “ara che mi go vissù un casin a Duin”. Sete muli che ghe chiedi a una mula cossa vol dir quel simbolo, ridendo. La mula ne varda e ne rispondi col classico “Secondo voi cossa pol voler dir?”.

Pupolo di Michele Zazzara

Salimo, stanchi, come se saria le 3 de note. Solo che sarà le undici ala grande. Ma doman dovemo esser pronti per le nove sfide Oberdan vs Galilei, puntando Celje, per un’altra tapa che ripercorerà la stessa strada del’ano scorso. Ma sicuramente sarà tuta un’altra storia.

statistiche from Cionn’s bike:
Trip 87.75 km
Time 5:03 h
Avg 17.3 km/h

Tag: , , .

9 commenti a Trieste-Krakow in bici 2: Logatec, inseguiti dall’ombra di Franca Porfirio

  1. susta

    Ha haa… el ccgnaf me fa vignir in mente l’equivalente feminile, come, coss’che sarìa: ccaalupa, cose che allontanano anche l’uomo più assatanato. El prototipo? Ma che domanda… i gambaleti, ah..! per i non adeti saria le calze de nailon che riva fin soto el zenocio, eco, za vedo el fugi-fugi… Comunque caro Diego, e qua volevo rivar, no te ne conti se te ga ripetù anche ti la mitica scena dove che Rumiz, che anche a lui Altan e Rigatti ghe tazava che i veri ciclisti soto no porta le mudande, el fa quel gesto altamente plastico e liberatorio pasado ala storia come “il lancio delle mutande di Rumiz in mezzo a un campo”. Me sa de no… ma sa cossa..?… te ga ragion: Paganini non ripete, e gnanca Manna el moto de un altro, tiè! (bravo, ben petada… e po’ le mudande costa..! ;-))

  2. no, mi no go fato, son rimasto fermo sula mia posizion. e infati go ciapà dela “squinzia” da massimo 😀

  3. Paolo Stanese Paolo Stanese

    Nota per i non addetti ai lavori: “ccgnaf” come acronimo sona orribile, ma se lo pronuncè “cicignaf” tutintun el suo significato diventa autoevidente – e comincerè a doprarlo tanto che finirà nella prossima edizion del Doria (ma no go controlà… forsi xe za nel ultima?).

  4. Riccardo Ferrari

    Cossa solo 100 m ? Pasta xé andà longo sai de più, noi ierimo la a vardarlo diventar sempre più picio, co se ga acorto iera un puntin, anzi in pixel 🙂 !

  5. aldo

    ah ah!! mitica sta qua del cicignaf e top-mitico el cicignaf “Pimpa in bicicletta”, ma…

    …sul cicignaf quala poderia esser la posizion dela Porfirio? de condana perchè indecoroso o de benevolenza perchè fa scampar le squinzie?

  6. Adi

    … sempre invidia … deghe dentro muli

  7. Paolo Stanese Paolo Stanese

    Pimpa in bicicletta no fa cicignaf. Fa metrosexual, Aldo.
    E i veci brontola che i temi xe cambiai.

    😉

  8. Paolo Stanese Paolo Stanese

    (temi=tempi).

  9. siani

    meti le mie statistiche che la media se impena!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *