18 Marzo 2008

PolisNaonis sul programma di Tondo: “voto 4 e mezzo”

Ci scrive Piervincenzo Di Terlizzi di PolisNaonis che, come aveva fatto per quello di Illy (voto 5,5), da il voto al programma di Renzo Tondo. Il voto misero è 4,5 ed ecco la sintesi di Piervincenzo di quella che una analisi approfondita (clicca per leggerla):

Come è solito nelle campagne elettorali, e tanto più nell'”ingorgo” di quella attuale (ma come faranno ad Udine?), di programmi non si parla ormai più: al massimo, ogni contendente ne sceglie (e neanche sempre) qualche spunto per ravvivare il dibattito.

Ad ogni modo, Polisnaonis ha provveduto ad analizzare e valutare anche il programma di Renzo Tondo, presentato con una decina di giorni di ritardo sul competitore (per il noto e faticoso percorso di definizione del candidato Presidente): un testo più contenuto nelle dimensioni (una trentina di pagine) è più sbrigativamente sommativo fin nella strutturazione e nella frettolosità dell’editing.
In sintesi, nonostante l’insistenza sul “Manifesto” che lo precede come “punto di riferimento”, il programma di Renzo Tondo patisce soprattutto, rispetto a quello di Intesa Democratica (che pur presenta i propri chiaroscuri, come abbiamo già notato), di una minor sostanza ed articolazione delle proposte e della mancanza di un’architettura di riferimento che lo motivi, a meno che non la si voglia (con parecchia buona volontà) identificare in alcuni spunti polemici che ne caratterizzano il lessico e, soprattutto, la parte iniziale. Trasferimento di risorse alle Province, contenimento dei costi della politica, parità scolastica e “voucher”, attenzione alla piccola-media impresa, infrastrutture, innalzamento delle pensioni minime ed abolizione del reddito di cittadinanza sono i punti-chiave del programma di Tondo, alla cui lettura analitica abbiamo dedicato un post.
In conclusione, un punto buono (in meno) rispetto al programma di Illy, tanto per la completezza analitica che per la capacità sintetica della visione:
diciamo 4 (e mezzo, via..)
.

P.S. Un esempio della frettolosità di editing:
pp. 21-22 “Le donne sono per le istituzioni dei soggetti essenziali di nuove politiche: noi vogliamo promuovere la conciliazione tra lavoro e famiglia, l’autonomia a livello di reti sociali, l’innovazione e la creatività per un nuovo sviluppo, la nuova imprenditorialità, ecc.ecc. e dunque dobbiamo far perno sulle donne”: far perno sulle donne? surreale…).

Tag: , , , , , .

Un commento a PolisNaonis sul programma di Tondo: “voto 4 e mezzo”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.