Pupolo di Marco Englaro
29 Maggio 2018

Saludar xe cortesia, risponder xe dover

el sunto Ciacole no fa fritole, storie e pensieri in dialetto triestino, ogni martedì

Saludar xe cortesia, risponder xe dover: e cussì ogi ve parlerò de la creanza, ma no de quela bona, perchè la bona creanza xe na roba natural, che tuti dovessi gaver a capelade. Ma de la roba che va ben no xe nissuna goduria a parlarghene. Alora mi ve parlerò de la cativa creanza, quela che ahinoi, la ga ormai squasi tuti, dai questurini ai castragati, dai dotori ai malai, dal paron al bubez e par, che a Trieste, ghe ne xe un futio (no de bubez, ma de “scontrosa grazia” , Jesus come ‘l saveva dirla ben sto Saba!).
E ‘lora eco qua un par de esempi de “scontrosa grazia” de gente, che ghe se sbati contro più de sovente: botegheri, tassametristi (che no xe quei che te misura le tasse, ma saferi de piaza), paruchieri, camerieri (go usado solo el maschile perché, per spirito de corpo, me piasi pensar che le done sia meno sofistiche dei mas’ci , anca se, Orco Tron, no xe dito!).
Bon, tanto per scominziar ve conto de quei che ‘na volta stava drio del banco, ma che ‘desso i sta de tute le parti fora che andove speta ‘l cliente. Per farve ben intender: l’altro giorno son ‘ndada in ‘na botega de roba sportiva. Va ben che vederme mi in ‘na botega de quele, xe come veder un bastardin bastonà in una competizion de cani de raza, ma insoma i mii euro val quanto quei de la Granbassi e, almanco, andar in cyclette posso anca mi! Ben, bon, entro: quel de la botega el xe proprio visavì de mi, come in un duel de spagheti western, el me varda drito in tei oci, co’ do oci de iazo… bon che inveze de premer el grileto del fusil de pesca, che ‘l tigniva in man, el me ga voltà le spale e ‘l se ga meso a fissar fora de la vetrina. E mi, savè cossa go fato? No ghe go dito muss, perchè go bona creanza, ma son ‘ndada a casa e me son comprada la cyclette in internet. I me la ga mandada in un per de giorni, portada fin dentro la porta e col spedizioner che, co ghe go firmà la ricevuta, el me ga dito grazie!
Po’ no ve conto e no ve digo, sicome mi go un bic’ de dote del Friul, no posso gnanca meter el pie dentro ‘na botega de straze! Mi digo che le babe che lavora in ‘sti negozi le devi gaver le antene anticiciotele, perchè no le me gnanca varda ma, con granda degnazion (forsi perché, anca se la botega xe piena come el deserto dei Tartari, se osa disturbarle per gnente) de boto le me fa “no gavemo la sua talia!” Cussì me toca andar fora de Trieste, andove xe tuto un “la se comodi, de quà – la se ‘comodi de là” con de sora un bel soriso, andove i me mostra de tuto e de più, trovo sempre qualcossa che me va ben e me sento ‘na modela (va ben, no cori zercar el pel ne l’ovo, ‘na modela se fa per dir!)
E i tassametristi? L’altro giorno vegno fora de Catinara, el safer del primo tassametro iera incolado al telefonin, ‘lora – per creanza – vado de quel drio, el qual co’ un moto de “la xe insempiada, no la vedi che ghe xe quel davanti?” el me rimanda de l’altro. Ben, bon, monto suso e sto qua, sempre col telefonin tacado a la recia, me domanda a moti dove devo ‘ndar e po’ el parti come un sputnik. Per tuta la strada el continua a far ciciole e ciociole co la tipa che iera in linea e che, a parer mio – anca se no stavo a scoltar, che no xe creanza, ma la situazion iera int’el’aria – no la ghe voleva molar qualcossa che de solito i omini i se speta de dirito dopo ‘na zeneta romantica! E ga smesso la telefonada un bic’ prima de rivar al mio porton e mi – in malora sta creanza – no ghe go dito gnente, ma… che contenta che iero, che quela sera el mato gaveria dovesto magnar in compagnia del gato!
Desso ve conto del mio paruchier. El sta ore per cambiarme i cavei de color (mai la tinta che volessi mi), li lava come ch’el fazessi la lissia, el ghe zonta per de sora un qualche “amorbidente” che mi no voio, el struca, zuca, petena, spetena, laca e a la fin mostrandome in un solupro con un speceto el de drio dela cavelada: “Voilà!” el me disi “Beelllisssiiiima!” E mi, che me vedo coi cavei che par quei de Gepeto ‘pena scampà de la panza de la balena, sicome go bona creanza, no son bona de dirghe de no far tante mignognole, e de cavarse el persuto dei oci! Ste forsi pensando perchè no cambio paruchier?? Bravi voi, e dopo, dove trovo qualchidun che me disi “Beelllisssiiiima”??

E che San Giusto ve vardi!

Tag: .

15 commenti a Saludar xe cortesia, risponder xe dover

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.