20 dicembre 2018

Totocalcio: a inventarlo un triestino

el sunto Inventato nel 1946 dal triestino Massimo Della Pergola, due anni dopo il gioco passò sotto la gestione diretta del Coni con il nome di Totocalcio.

Addio al Totocalcio: la schedina del concorso legato ai risultati di calcio dopo 72 anni  è stata cancellata dall’ultima finanziaria e assieme al Totogol sarà sostituita da una schedina unica.

Inventato nel 1946 dal triestino Massimo Della Pergola, due anni dopo il gioco passò sotto la gestione diretta del Coni con il nome di Totocalcio.

Molto giovane Della Pergola cominciò a lavorare per La Gazzetta dello Sport, ma nel 1938 fu espulso dall’albo dei giornalisti perché ebreo. Nel dicembre 1943 si trasferì con la moglie e il figlio Sergio (di un anno) a Roma a cercare protezione dai nazisti. Fu aiutato da un’anziana docente, Livia Sarcoli, che gli mise a disposizione la propria abitazione. Da quel rifugio provvisorio riuscì ad espatriare in Svizzera. Durante la permanenza in un campo profughi in terra elvetica ebbe l’idea di un concorso a premi legato al calcio, con il quale finanziare lo sport italiano alla fine della Seconda guerra mondiale.

Di più sul sito tuttotrieste

 

 

 

Tag: , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *