9 luglio 2018

Nate dei refoli de bora: doman me sposo

el sunto Appuntamento del lunedì con la poesia in dialetto triestino e l’omaggio alla bella Trieste dei tempi andati.

DOMAN ME SPOSO
Soto ‘l cornison
de un amor sfiorido,
‘na rondinela in nido
cova spetando està.
Doman me sposo
La promessa de scriver
ogni giorno
xe andà persa
nel fis’cio del treno:
una letera sola
e iera za inverno.
Doman me sposo
Altre man, ogi, distuda
un dispiazer ruzinido,
anca se, a volte,
me vien ancora in amente
tre ioze de piova
dentro un cuor suto,
do foie nel vento
de un amor senza fià,
un sluc de primavera
per un inverno che,
almanco,
ormai xe passà.
Edda Vidiz

VOLESSI UN CANTONZIN
Volessi un cantonzin
In un momentin
de malstar
me xe scampà de dir:
” Volessi un cantonzin
tuto per mi,
per no esser sempre
soto i oci de tuti,
per sentirme al riparo,
un logo adato
a una dona…
Ma me piasessi anche
una granda finestra
per osservar el mondo,
de lontan, senza esser vista…”
Son stada subito capìda,
qua, in familia:
el giorno drio go trovà
…un televisor in cusìna.
Graziella Semacchi Gliubich

EL STRUCOLO DE POMI
Ciò, Carleto te trascura?
No ‘l te disi una parola?
Ma de coss’ te ga paura?
Te lo ciapi per la gola!
Faghe, faghe questa sera
un bon strucolo nostràn
a la vecia mia maniera,
la riceta la go in man.
“Pomi, zuchero e canela
do scorzete de limòn
de zibibe una scudela
i pignòi lo fa più bon,
buro, ovo e pan gratà
te involtizi in pasta sfoia”
el xe anca a bon mercà
de magnarlo te fa voia.
Xe el profumo de la casa
el calòr de la famiglia
no xe ‘l caso che no ‘l piasa
anca i veci lo consiglia.
E lu resterà vizìn
(no ‘l xe miga un mascalzon)
Te ghe zonti un fià de vin
e no ‘l va più a torziolòn.
Laura Borghi Mestroni

Alcune delle poesie raccolte a cura di Edda Vidiz e Graziella Semacchi Gliubich sono tratte dal libro “Nate dei refoli de bora”.

Tag: .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *