5 luglio 2018

Voleria far l’ator: la vita che voio xe su un palco o su un scoio

el sunto La rubrica sulla vita da attori a Trieste si prende una piccola pausa estiva. Ci rivediamo a settembre!

Anca sto’ano, come ogni ano ala fine xe rivada l’estate. Ah che bel! Ah che pase. I veci se lamenta che xe tropo caldo, i giovini se lamenta che xe tropi veci. Brustolarse al sol, zavate e tociade, le scole xe finide e te pol andar a remenarte in spiagia… pien de muleti che zoga e ziga come danai. Qualchidun de voi gaverà zà ciapado ferie, i altri gaverà deciso che xe meio andar in ferie a febraio che lavora tuti (che podessi esser una bona pensada), e qualchidun altro passerà le vacanze a casa in fresco col ventilator drito intel muso. Ma i atori? Cossa i fa d’istà?
Gaverè notado che in magio i carteloni coi spetacoli dei teatri i finissi, le segreterie rimani serade e le direzioni fa programazion per l’ano dopo, MA I ATORI?
No i lavora d’istà, i atori? Come i tirerà avanti, cossa i MAGNERA’??
Gnente paura, l’istà xe tempo de FESTIVAL! Durante l’inverno, i atori zerca in ogni dove bandi e concorsi per festival estivi per poder lavorar. Qualche ano bati ben, qualche altro bati mal.
Insomma anca i atori, come tuti, no se ferma gnanca d’istà.
Quindi se ne vederè al Pedocin a ciapar sol vol e bater carte, un de una parte e una del’altra, vol dir che Trieste Estate no ne ga ciapà.
Pezo per lori. Volerà dir che faremo ramadam e che ciaperemo sol, finalmente. Dopo tuto no ghe xe un mal senza un ben (o cussì i disi, chissà).
E voi cosa fe’? Contene nei comenti.
Xe rivedemo in autuno, se no se brustolemo prima.
Bone vacanze, tanto se sa che le passa presto

Tag: .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *