Pupolo di Marco Englaro
3 luglio 2018

Co Dio no vol, i santi no pol

el sunto Ciacole no fa fritole, storie e pensieri in dialetto triestino, ogni martedì

Se gavè magagne e problemi che ve angossia e ‘l dotor no’l ve capissi, l’avocato no’l ga tempo e l’aministrator no’l ve rispondi al telefonin, mi ve consilieria de no andar sempre a domandar la grazia ai soliti santi moderni, che a dir poco, i xe inflazionai. Provè a pregar un poco anca i nostri santi patochi che i sarà sì un tantin veceti, ma santo xe santo e nissun ga mai visto un santo andar de mal.
Sia ben ciaro, che voi podè pregar chi che volè, mi, per bon conto, ve digo tuti quei santi triestini che i sarìa, senza falo, contenti de esser ciamadi in causa, senza mandarve a farve frizer de qualched’un più in alto de lori!

SAN LAZZARO DIACONO E MARTIRE
Martirizado el 12 de april 142 (El vien ricordado el 4 de magio)
SAN SERVOLO MARTIRE
Martirzado el 24 de magio 284 (El vien ricordado el 24 de magio)
PROTOMARTIRI DELLA CHIESA TERGESTINA
Sant’Apollinare, Santi Primo, Marco, Giasone e Celiano (I vien ricordadi el 7 de giugno)
Santi Zenone e Giustina (mazadi el 13 luglio 286)
SANTI ERMACORA VESCOVO E FORTUNATO DIACONO
Martirizadi ne la metà del secolo III (?) ( Se li festegia el 12 de lulio)
SAN SERGIO MARTIRE
Martirizado secolo III (Se lo ricorda el 7 de otobre)
SAN GIUSTO MARTIRE
Martirizado el 3 de novembre 303 ( Se lo ricorda el 3 de novembre)
SANTE EUFEMIA E TECLA
Martirizade el 17 de novembre 256 (Se le ricorda el 17 de novembre)

La storia dei martiri Giustina e Zenone

Ve conto ‘sta storia perché a mi la me ga piasso tanto, che la go scrita zo, ben pulito, tanto che po’ el musicista Edy Meola ga scrito la musica, e cussì gavemo fato un musical “I Tergestini”.
Giustina iera na bela putela triestina, che la se gaveva rifudado de sposar un sioraz de Roma, per no tradir el suo “sposo zeleste”, che stava in un bel giardin in alto nel ziel.
El iudize Saprizio, che ‘l doveva farghe cambiar opinion, ga zercà, co le bele e co le brute, de farghe tornar a cior in considerazion la clapa de quei simioti de l’Olimpo, che almanco i stava coi pie per tera! Gnente de far: Giustina no la diseva gnanca un “ahi” co la vegniva bastonada co le sibe e co le scurie coi ganzi de fero in ponta, tanto che Saprizio ‘l se ga stancà, prima lu’ de ela, de tuti sti tormenti che ‘l ghe fazeva, ordinando che a sta povera putela ghe fossi taiada la testa.

Un tal Zenone, amigo del iudize, che ‘l stava là a divertirse a vardar come che Giustina vegniva torturada, tanto per ciorla pe ‘l fioco el ghe ga domandà che, na volta rivada del suo Sposo, la ghe fazessi gaver quei fruti che se podeva trovar nel “giardin zeleste”, che sarìa come a dir in Paradiso! Ma, gnanca a dir, prima che i ghe taiassi la testa, a Giustina ghe xe rivado zo del Ziel un fazoleto pien de pomi, mai visti cussì bei! E Giustina, inveze de magnarseli, la ghe li ga consegnadi a un muleto, pregandolo de portarli a Zenone e de contarghe che quei fruti iera propio quei che lu el ghe gaveva domandado de sagiar! Quel regalo, che mai più Zenone se gaveria spetado de ciapar, lo gà tanto colpido che, deboto, el se gà convertido al cristianesimo.
Al iudize Saprizio ghe xe vegnù ‘na tal fota, a sentir che ‘l se iera fato cristian anca el suo amigo, che ‘l ga tacà a torturarlo anca pezo de Giustina. Ma Zenone, inveze de lamentarse, el ga continuado a straparlar de sta nova religion, che ssai fastidio ghe dava a l’imperator Diocleziano. Alora Saprizio, visto che co’ le torture no’l combinava un tubo, el ga ordinado che a Zenone i ghe taiassi prima la lingua, che ‘l se imparassi a star zito, e po’ la testa.
E cussì – nel istesso 13 lulio 286 – poche ore via l’un de l’altro, Giustina e Zenone i se ga incontrà tuti e do de novo… in Paradiso!

E stè contenti, che xe sempre san Giusto che ve varda!

Tag: .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *