26 marzo 2018

Nate dei refoli de bora: Citavecia viva

el sunto Appuntamento del lunedì con la poesia in dialetto triestino e l’omaggio alla bella Trieste dei tempi andati.

CITAVECIA VIVA
Fora del balcon
ioza un per de panuze,
zò, dove l’androna
se incrosa co’ la via
un gato se lissa le rece:
doman pioverà.
E ne le ore
de la prima matina
zito, zito
vien fora un fià de sol,
scaldando un canarin
ne la sua cheba,
fra i copi, fora de l’abain.
El rion se verzi a un novo giorno
sul cantar de na mula
inamorada,
sul pianzotar de un picio
int’ela cuna.
De sto ciapo de case sbrise
no xe facile partir.
Qualchedun xe andà,
altri xe tornai
e, come quei che
no se ga mai mosso,
tuti porta el tuo profumo dosso:
citàvecia viva.
Edda Vidiz

SASSI E PIERE
Zogavo a manete
sentada sul saliso.
Butavo i sasseti
per aria
e li ciapavo a svolo
co la stessa man.
Verde iera
el mio tempo,
verde come le foie
dei alberi in estate.
Sasseti iera
che no pesava gnente,
no piere.
Con quele no se zoga
e go imparà a schivarle.
Graziella Semacchi Gliubìch

PRIMAVERA SUL CARSO
Tra quele dure piere tormentade
de prepotenza xe tornà la vita
e nel fiorir de acace e biancospini
sfuma de bianco tuto l’altipìan.
Ciuk, ciuk, fra i rami un useleto picio
nel nido ancora fa la ciacolàda
e nel silenzio a chi lo sa scoltàr
parla la tera in timidi rumori.
Po, un zocolar legèr, tre caprioi
i me se ferma a rente fiduciosi
e queti i resta a pascolàr fra el verde
quasi i volessi farme compagnia.
Ma cucioleti ancora, de là un poco,
cussì a sorpresa, come per scherzàr,
insieme i parti, morbidi e agraziadi
zogatolando a salti fra le graie.
Xe oramai sera e l’aria la vien freda,
pianin, pel clanz me calo in autostrada:
casin, fumera, una frenada e un… “mona”!
A viver nel mio mondo son tornada.
Laura Borghi Mestroni

Alcune delle poesie raccolte a cura di Edda Vidiz e Graziella Semacchi Gliubich sono tratte dal libro “Nate dei refoli de bora”.

Tag: .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *