6 marzo 2018

Se devi star a quel che passa el convento

el sunto Ciacole no fa fritole, storie e pensieri in dialetto triestino, ogni martedì

Se devi star a quel che passa el convento e no ghe piovi de sora ma, gente mia, no xe dito che bisogna star a quel che passa la botega, fintanto che podemo comprar, anca de sorapiù, tuto quel che podemo sielier noialtri.

Pupolo di Marco Englaro

Specie co andemo in boteghin, ocio de soto! Desso che semo in inverno, ch’el Signor ve scampi de vardar, coi oci de sepalessa, quel zestel de zariese che vien del Paraguay! Per do bone, anzi più che bone, ragion: la prima xe quela de scominziar a comprar tuto quel che xe coltivado, prodoto e fato soto casa. Soto casa per modo de dir, perché anca mi, che son de l’altro secolo, me rendo conto che sta roba no la podè far se abitè in zità , dove soto casa, a parte el prodoto final de la boba dei cani e vari cascami de la maleducazion umana, no se trova altro. Ma tignive in a mente che tuta la mercanzia più la xe “foresta” più la costa cara! Perché el “caro” che la porta ciucia energia; l’omo che tira i cavai (a vapor logico), come el can, no ‘l movi la coda per gnente; ciapa qua cariga, ciapa qua scariga costa che te costa. “E la roba che vien de la Cina?” Dirè voi, e mi che a dir brute parole no me vien ben, ve digo: “vardite da chi te fa massa feste!”
La seconda regoleta de meterse ben in testa xe de portarghe rispeto a l’orario de lavor dela natura. Ve metè forsi el vestitin leger a Capodano e ‘l piumon a Feragosto? E alora xe ora de finirla col magnar zariese a Nadal e castagne a Pasqua!
Jesus, scometo che no savè più gnanca coss’ che vol dir roba de stagion, abituadi come che se a magnar peveroni e melanzane tuto l’ano, dismentigando de quanto xe bona na peveronada in istà, perché ora presente la magnè ogni volta che gavè voia.
Discanteve de ste brute abitudini, e dato che ghe semo, impareve che in utuno e inverno podè doprar: zuche, zuchete e cavoli de tute le sorte, verze, pori, sedani, zime de rava, brocoli, sparisi, patate, fenoci, rucola, salata, radicio, capuzi, zicoria, radicela, spinaze, indivia, tartufole, ravanei, articiochi e carote. E magnar fruti come mandarini, naranze, pompelmi, clementine (che ai tempi andai gnanca esisteva), castagne, peri, pomi, pomi granai, cachi, e fruti sechi (per sti ultimi ocio a le mulze, perché no i perdona) specie un tre nose al giorno che, come i pomi, par che le ‘lontani el medico de torno.
Gnanca a dir che robe come zivola (inverno) e aio (primavera) se dopra tuto l’ano, come capuzi garbi, fasoi sechi, bisi spacai, verdure surgelade. Desso no steme andar a zercar el pel ne l’ovo: “Ma cossa, surgelai la ‘dopra?” “Logico che dopro surgelai, i ga l’ istesso savor tuto l’ano e chi no ga tempo no’l pol vardar pe’l sutil… de bisogno virtù! E, a scanso de farve tontonar de maravea dirò anca che dopro l’atomica!” Perchè sta pignata, (in cichera ciamada “pentola a pressione”) no solo la fa sparagnar anidride carbonica ma anca tempo e conquibus, dato ch’el gas l’Acegas no ve lo passa a gratis!
Perché una dona savia la casa la fa e una mata la disfa! E mi, che no go ciapà le celulete grise de nona, che la saveva ben el valor del soldo… so ‘pena un fià sparagnina.

Ben, bon basta ciacole e che San Giusto ve vardi!

Tag: .

3 commenti a Se devi star a quel che passa el convento

  1. giorgio (no events)

    Ma ve riferì anche al risultato eletorale o val solo per la magnativa?

  2. Fiora

    quel che passa el convento ,legasi in ogni tempo prodoti a chilometro zero ,no?! stragiusto!
    Val solo per la magnativa , Giorgio!…no per gnente ,ma el minestron eletorale me par talmente pien de ingredienti cussì disparadi, che go paura ch’el risulterà indigesto un poco a tuti.
    E davanti al o magna sta minestra o …se finirà almeno metaforicamente per sielger l’opzion B.
    Oh jessus maria, b.MINUSCOLO! me xè scampà … oramai poco più de optar x el sosia de Crozza!

  3. John Remada

    Ehh….Giorgio….solo magnativa , e in particolare per chi ha lo stomaco a posto; per molti dei sinistri vengono distribuite pastiglie per astronauti, più pratiche a digerire le legnate prese; personalmente mai digerito così bene!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *