25 giugno 2014

Odissea in autostrada

el sunto Luftanze ne conta dei sui strani incontri autostradali, figure mitologiche de dicioto-venti riode

Capita che ogni tanto a qualchedun ghe tochi de farse un bel toco de autostrada. Insoma, portarse oltre el Finisterrae de Monfalcon e magari superar el spartiacque de Palmanova. Fin là, dove cominza le distese senza fine de panocie, pioppi e outlet.
Dopo la bariera del Lisert, ben consapevole che a Venesia te pagherà più de 10 carte, de pedagio, te se gusti per ben ogni chilometro. Per un poco te guardi a destra e sinistra , davanti e de drio, e co te pasi Redipuglia te ciapa quasi le vertigini de tanto spazio verto e tuto drito, nianca una piera, nianca una frasca…el nulla!
Corer più de tanto no se pol, la corsia de destra xe un treno de camion che ogni tanto i se sorpasa con 0,001kmh de diferenza e te se devi adeguar de conseguenza. Pian e ben. Te se meti el cuor in pase e anca el cul, ben sentado sula tua poltrona. Dopo un poco te se ga scagolà el scagolabile, te ga finido el tubo de patatine sfregolandole sul cruscoto e sul cambio, magari la radio la perdi el segnal o se senti solo Radio Maria. Te se comizi a noiar e alora coss’te fa? Te zerchi de restar sveio,ah, de concentrarte sui detagli intorno, de far un poco svolar la fantasia. Ma no xe facile.

Eco alora, dato che no te son sul lungomare de Barcola e no xe sai babe intorno, no te resta altro che guardar le targhe e le scrite sui camion…te tachi a zercar combinazioni astrali e mesagi subliminali… magari se xe la giornada bona te fa anca qualche scoperta fenomenale, tipo che Borat esisti per bon, e el va in giro con un furgon sbriso e pindolante pien de strafanici sul rimorcio e targa personalizada.

borat

Poi, tanto per zontar una penelada de paradosso surrealista eco che se materializza Kafka in version logisticostradale…giusto per ricordarte che la vita no va ciapada tropo sul serio specialmente quando le robe le te par asurde:

kafka

E cossa dir de Babacan? Sicuramente una teribile figura mitologica triestina meza baba e meza can che magari abaia e mordi alo steso tempo…te se rendi conto che più de qualchedun se la ga trovada in casa semplicemente sposandose…

babacan

Tra una interferenza e l’altra la radio ciapa de novo e al notiziario tuti che pianzi e se lamenta che xe crisi nera, che nosepol andar avanti cussì, che no xe bori… ma te se vardi intorno e almeno in strada pareria che xe sai bobana…bobana a camionade, ciò no sara miga che el Berluska gaveva ragion?

bubana

Pasa altro tempo, scori i chilometri tra lavori in corso e ralentamenti. Xe quasi ora de merenda. Bave ala boca, visioni de panini con coto in crosta e cren… e gia’ te pensi che el zervel xe anda’ in asedo co te vedi un rimorcio con sora ben scrito “Salamis”…ovio, cio’, semo in Friul, ah!

salamis

La conferma che xe ora de magnar e che semo per bon in Friul la vien subito dopo, co al parchegio del autogrill a Kalstørta (che par piu’ Nordic-esotico…) te bechi el camion de Frikus…evidentemente very, very deep Friul. Manca solo el camion de formadis..chissà, magari capita un furgon de Latte Carnia…

frikus

Se riparti, sempre più verso ocidente e dale scrite che te se materializa intorno te xe subito ciaro che te sta per abandonar I limiti teritoriali del grande Friul (anca se el paesagio xe sempre quel), vara che cocoli, sti furlani, I te manda anca a saludar! Mandi!

mandi

Luftanze

Tag: , .

5 commenti a Odissea in autostrada

  1. bonalama

    bellissimo, spetemo un altro giro!!!

  2. Marino

    No capisso perché squasi tuti i camion ga scrito TRANS sul telòn. Ma i xe tipo Vladimir Luxuria, come?

  3. bonalama

    #2: prova a fermar un per de lori e domandighe 😀

  4. giorgio (no events)

    Tempo fa gó visto un TEO-TRANS, che me gà ricordà che i turchi ‘ssai bestemia…

  5. Fiora

    ssai forte sto toco sui camioni dedicati!
    @4 Giorgio ,sta tua xè degna del mitico duo Carpinteri & Faraguna
    una domanda: e la suocera del marì dela babacan pol circolar liberamente in autostrada senza museriola? mi calcolo de no e che la xè un sogeto asimilà al pitbull…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *