14 giugno 2013

Faraguna e Beltrame (PD): Il Comune di Trieste è costretto a pagare più di 40 mila euro per il welfare padano

Tra i routinari debiti fuori bilancio che il Comune è costretto a riconoscere per dare seguito a sentenze in cui l’ente è stato soccombente, quello deliberato ieri dal Consiglio comunale ha un significato particolare. Si tratta di una condanna per circa 47000 euro,a cui il Comune di Trieste è obbligato in solido con la Regione FVG per aver negato – in ossequio al cosiddetto welfare in salsa padana – contributi sociali per le locazioni a cittadini comunitari non residenti da almeno 10 anni in Italia e da almeno uno in Regione. Lo rendono noto in una nosI consiglieri Beltrame e Faraguna (PD), i quali intervenuti nel dibattito, hanno osservato che “tali requisiti erano e sono palesemente discriminatori e in contrasto con la normativa europea, e statale, con i principi della Costituzione e con la giurisprudenza comune, costituzionale ed europea. Misure demagogiche che nello scorso mandato regionale il centrodestra ha dovuto scontare alla Lega Nord.
Le conseguenze del welfare padano sono alla fine tre volte nefaste: alimentano un clima di intolleranza – di cui le inqualificabili uscite di una esponente leghista sul ministro Kyenge sono solo l’ultimo episodio -; determinano autentiche discriminazioni nell’accesso a diritti fondamentali, riconosciute più volte dai tribunali e provocano anche un danno economico alle amministrazioni, come quello che è stato riconosciuto ieri sera. “Inoltre” continuano i due consiglieri democratici “riscontriamo con preoccupazione il fatto che alcuni esponenti del PdL si sono voluti astenere da un riconoscimento di debito fuori bilancio derivante da sentenza esecutiva: un atto che si considera sempre dovuto, e sempre viene approvato all’unanimità”

Di seguito le voci esatte della condanna:
39.006€ di risarcimento,
1.930€ di interessi legali
2496€ di rivalutazione
3.560€ di spese legali

Tag: , , , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *