4 Ottobre 2012

Trieste-Krakow in bici 12: i titoli di coda degli Smashing Pumpkins

Qua le puntate precedenti
As usual, foto bele de Marco Massimiliani. Quele brute xe mie. Forsi xe anche qualcheduna che ghe go fregà a Cionn. Bu.

Klaatu barada nikto!
Quele parole. Quele che se te sbai de dirle se dismissia l’armata dele tenebre. Bon, se no gavè visto, ecolo. Un dei tochi più cult del zinema.

Eco. Evidentemente qualchidun de noi ieri note le ga pronunciade mal. A colazion, nela cusina comune del’ostel, ghe xe l’invasion dei zombi. La mula inglese bionda ne acogli con un otimo “I feel like shit”. E basta. No la proferissi altre parole. Riva la mora. Più che riva, saria meo dir che la se strassina. Ela no ghe la fa a dir proprio niente. Riva altre due messe un poco meo. No rivo a far a meno de rider tuto el tempo, povere, le me odierà profondamente. Anche i nostri ritmi xe ‘ssai lenti. No gavemo furia, in fondo ogi no dovemo pedalar de nissuna parte, solo goderse una bela giornada a Cracovia lassando le bici parchegiade qua. Fora, el tempo no sembra dei migliori. El sol, che ne ga grazià fin desso, ghe ga lassà el posto a una legera piova, che per fortuna passerà comunque presto.
Fora del Castel, trovemo diverse file a spetarne. Saria anche le machinete per cior i bilieti in automatico, ma le par no funzionar. Scendemo nele grote del drago. Una marea de scalini, e ocio la testa. Come fa a passar un drago per de qua no so miga. La legenda disi che sto drago una sera iera tornà completamente spolpo, e per ripigliarse el se gaveva bevù tuto el lago che iera qua vizin. Anche perchè tropo alcol in panza no ghe fa ben a una bestia che ga de tirar fogheti ogni tanto. Robe che el ris’cia de far el tiro ala minima falisca del’impizin che el ga in gola al posto del’ugola. Perchè i draghi funzia cussì: i ga un organo, l’alcolecisti, pien de alcol che co i vol i sufia fora dela boca e con l’impizin ugolico i fa el fogheto. Per questo i cavalieri ghe dava la cacia, miga per salvar le principesse. Quele xe monade. I cavalieri li ciapava, li copava e se portava via l’alcolecisti. E dopo festini a maneta. E dopo rivava anche le principesse a bever con lori. Ma se un drago iera tropo petesson, alora iera longhi, l’alcolecisti straripava, l’andava in overdose de alcol e via morte per autocombustion. Eco, questa xe la storia del drago de Cracovia, che se ga salvà bevendose tuto el lago. Forsi. O forsi sta scala a chiociola gira tropo e stago sognando a oci verti. Rivemo ai soteranei, ma de tesori tipo Dungeons & Dragons gnanche l’ombra. Drago sfigà. Za vedo che gaverà speso tuto in alcol. E no xe gnanche l’ombra de una principessa.
Altre scale. In su stavolta. Panorama dela tore. Niente tesori gnanche qua. Tornemo fora. Ailo! Ecolo qua dove che el iera, el drago. Su una piera, che el ne spetava, verde e tranquilo. Xe due muleti in verde che se fa la foto con lui. Sarà el dressing code ah. Mandemo anche i nostri muleti in verde a farse la foto, no se sa mai che el mato se impizi.

Ocio! El drago spuda fogo per bon. Co ghe gira. Spetemo un poco per veder se rivemo a far la foto con la fiama. Ma niente, el retile entra in sciopero.
Al’una in punto semo al Collegium Maius, l’edificio universitario più vecio dela Polonia, dove diversi Mikeze e Jakeze polachi vien fora del cucù del’orologio scandindo el passar dele ore. Se sentemo, passa diversi grupi de visite guidade, scoltemo un poco, magnemo, se riposemo e se vardemo in giro.

Xe bel quando ti te son fermo e el mondo se movi intorno de ti. Tuti fa un poco le stesse robe. I se riposa, i scolta, i varda i Mikeze e Jakeze polachi. Tanti fa foto, tanti varda come le xe vegnude, Massimo se prepara a far el viz “tirime el dito”. Le mulete a fianco se preocupa.

Qualchidun de noi senti la mancanza dela bici più dei altri e trova subito un surogato per riempir questa pesante assenza.

Rivemo al museo de Copernico,e semo bastanza in piena perchè volemo veder i esperimenti. Qualchidun de noi riva a seguir bastanza el fil del discorso dele varie stanze del museo, qualchidun altro invece ogni tanto se perdi a vardar la mula che parla. Cionn la trova anche su facebook, ma no ghe chiedi l’amicizia per paura de ciaparle co el tornerà a casa. Nel’ultima sala la ne fa anche sentar sui banchi de quela che iera l’università una volta. Andemo fora e trovemo i fantomatici esperimenti. No se capissi ‘ssai coss’che sia. Un pochi de botoni, qualche luce, qualche display, un poche de istruzioni che però no xe ‘ssai frescheza de leger. Puntemo al’aprocio per tentativi ed orori. Se ghe xe botoni vol dir che xe de strucarli. Struchemo. Macachi no salta. No nassi niente. No speta, qualcossa se ga spostà. Riprova. Sì, se sposta. Quindi? Bu, no so, el display segna qualcossa. Ma a cossa servi sta machineta? Regredimo. Prova strucar questo. Magari vien fora banana. Cibo. Boton. Cibo. Boton. Cibo. Cionn ciapa le distanze e se indigna. “Ciò, vedi ti se go de portar dele simiete in giro”.

Pupolo di Michele Zazzara

I ritmi a pie xe diversi. In bici, trovar un ritmo comune, più o meno condiviso de tuti, xe una roba che te vien abastanza facile e naturale. Anche perchè l’obietivo xe viagiar, spostarse, goder de quel che ogni metro de strada te da, no arivar. A pie, de turisti, le robe xe diverse. Xe robe de veder, xe dei obietivi, xe chi vol rivar a sti obietivi perchè ghe tien de più, e xe invece chi ga un passo diverso, chi vol comunque viver anche la strada e tute le pice monade che te capita davanti.
Un personagio in bici che par vegnù fora de una publicità.

Una scrita sul muro traducibile in triestin col solito “Dagheeee!”

Arte de strada. O se no arte, comunque espression de qualchidun che no conossemo e che ga qualcossa de dir.

Una scrita che par messa aposta per noi.

L’otima considerazion dei italiani al’estero.

Le imancabili clanfe.

Un altro personagio notevole, mumificado e fotografado de più lati.

Le rassicurazioni scrite de un kebabaro.

Tute queste robe te le trovi gratis, lungo la strada. Probabilmente no xe robe carateristiche dela cità che te sta visitando, o almeno no xe sicuramente robe che te trovi nele guide. Però xe robe che te aiuta e empatizar e entrar in sintonia con quel che te sta intorno, con quei che vivi ogni giorno quel che per ti adesso xe solo che un posto novo de scoprir.
Ma forsi el modo giusto de visitar una cità xe mediar fra i ritmi diversi. El tempo a disposizion resta però sempre quel, e a volte xe de far dele scelte e rinunciar a qualcosa.
Mi, Massimo e Michele rinuncemo ala sinagoga. Aspetemo i altri fora, in un bareto, vardando quel che nassi intorno. Fora de una sinagoga, nassi sempre robe interessanti. Do omini grandi e grossi scendi de un’auto. I ne varda, i se varda in giro, i xe vestidi in nero, i ga i auricolari. I disi qualcossa. I se gira, i scolta, i va via. Chissà chi iera, guardie del corpo de qualchidun forsi. Xe anche diverse scolaresche che bagola. Dinamiche sociali conossude, za vissude in prima persona, che viste de fora, adesso, te diverti. Anche dentro de una sinagoga pol nasser robe interessanti. Pasta vien fora prima dei altri e ne conta che ghe xe stada una bela lota tra ebrei e istriani. El tentativo de pagar de meno come finti studenti no xe andà a bon fine, e adiritura la mata al’ingresso ga controlà che i venti euri no sia falsi. Insoma gavemo perso su tuti i fronti.
Se ciapemo la rivincita quando, andando verso el museo de Schindler, incrocemo una visita guidata gratuita. Figada. Se agreghemo. Mai rinunciar ale robe gratuite. La tipa ga un tono de vose che la par che la staghi perenemente tirando longhi. Semo rivai a fine giro però, dopo un zinque minuti la ringrazia tuti e la disi che el tour iera gratuito, ma l’oferta xe gradita. De colpo semo atrati iresistibilmente dele sedie che xe del’altra parte dela piaza. Ara che bele. Te le ga viste ti? No, ara, te ga ragion, figone, andemo vederle de più vizin. E via lori.
El museo de Schindler xe novissimo, xe sta’ inaugurà nel 2010, propio dentro dela sua vecia fabrica. In realtà xe più un museo sula seconda guera mondiale a Cracovia che su de lui, ma xe comunque interessantissimo. Estremamente longo, noi ghe metemo due ore prima de andar fora, senza rivar a leger e aprezar ben tuto. Dentro xe tantissime ricostruzioni de come iera le robe a quei tempi, le stanze, le case, i giardini, i negozi, de come iera la vita nel gheto. Registrazioni audio che fa bastanza impression. E documenti, imagini, video e film de episodi che par quasi impossibile sia nati solo poco più de 60 ani fa. Per bon, quel che te se chiedi in ogni sezion xe: ciò ma come xe possibile che le robe sia andade cussì? Forsi, per farte capir ancora de più la soferenza de quei tempi, i tien la temperatura a livelo zima. Se metemo le felpe, ma xe zima comunque.
Tornemo verso el centro de Cracovia a bordo de due microtaxi, che qua xe ‘ssai de moda. Mi Pasta e Massimo semo su quel de drio. Su quel davanti, Michele e Paolo xe sentai sul sedil posteriore, che però xe girà del’altra parte. In pratica te vardi in facia le machine che te sta per centrar. Noi aprofitemo del nostro pilota senza denti ma con fiatela importante per domandarghe dove podemo cenar, un posto che sia tipico. Visto che el xe senza denti, ne par la persona più indicada a consigliarne. El se fa mostrar la cartina. La varda, la studia, el ne disi un do robe, l’incioda. Per poco no tiremo soto do de lori che caminava in mezo ala strada. Bon, forsi xe meo domandarghe dopo.
Le vie del centro xe carighe de mati che te conza riduzioni de tuti i tipi. Discoteche, bire, happy hour, localini, lap dance, babete desnude. Se te ciol tuto te se ritrovi un ventaglio de cartine in man. Al’enesimo che vol fermarne per sti club de babete, Massimo decidi che xe ora de meter fine a sto problema e ghe piaza là un bel “No thanks, we are gay”. Culto.
El local consiglià del mato senza denti par decisamente rustico. Ne piasi. Forsi adiritura tropo rustico. Se sentemo. Spetemo. No nassi niente. Spetemo ancora. Niente. Capimo che no riverà mai nissun a cior le ordinazioni. Qua funziona diversamente. Te ga de alzarte, andar al bancon dove ghe xe un menù scrito col penarel sula carta de formaio, e là decider coss’te vol e ordinar. Muli cossa volè voi? No so, cossa xe? Nomi impronunciabili. Bon vegnì qua tuti a leger. Mi volessi questo. La mula xe un poco garba. No xe. Ah. Bon alora ciogo questo. No tegnimo. Ah. Bon, alora cossa podemo sceglier? Ste quatro robe. Ok, ciogo questo. Ah speta, anche questo no xe, ma xe un poco diverso. Bon, fè voi ah. Ala fine ghe la femo a ordinar, e magnemo veramente una quantità plesiosaurica de robe. E tuto bon. E paghemo 8 euri a testa, birone comprese. Cracovia rulez.
Musica. A volte la musica de sola xe in grado de cambiar el tuo stato d’animo in un lampo. Ti te son là, beato e tranquilo, e de colpo te riva sto brivido, a tradimento, dentro dele rece, fin al zervel, el scivola per la spina dorsale e poi via sula pele. No te la vedi la musica, no te pol difenderte né schivarla. La riva e la comanda ela. A volte invece te la scegli ti, e alora xe evidente che te zerchi quela che più te par afine ale circostanze. Ma i momenti magici xe quei in cui la riva a sorpresa, senza che te se la aspeti, e xe esatamente la musica che sembra nata per coronar le emozioni de quel’atimo. L’ultima sera, l’ultima cena tuti assieme, la fine del viagio, un velo de malinconia nel’aria, sensazioni de titoli de coda, de colpo riva ela, inconfondibile. I altoparlanti del local passa Tonight, tonight dei Smashing Pumpkins. Che xe una canzon profondamente malinconica, del 1996. Cioè gavevo 17 ani, in piena adolescenza, l’età in cui la musica che te scolti e te ami te resterà più in profondità per tuto el resto dela vita, anche se dopo magari te la scolterà solo raramente. O per puro caso, in ocasioni inatese come questa. Mi e Michele condividemo lo stesso tipo de comozion. Brividi. E, subito dopo, taca 1979, stesso album, stesso grupo. 1979, l’ano de nascita de zinque de noi. Momenti magici. De ogi, penso che Tonight, tonight me riporterà per sempre nela mente le sensazioni de quest’ultima cena.

Dopo gaver incrocià un grupo de sonadori de musica balcanica, rientremo in ostel. Senza le drunk queens inglesi, el clima xe totalmente diverso de ieri sera. El deserto del Sahara. No xe gnanca nissun drio el bancon. Podevimo aprofitar e meterse diretamente soto le spine dela bira, volendo. Seremo la serata con le ultime sfide Oberdan-Galilei a calceto e a biliardo. Finissi con un tenistico 6-0, sopratuto grazie a Michele che insisti nel butar la bala nera nel buso a metà partida. Andando in busta, ritrovo sparsi per l’ostel le robe che gavevo perso ieri: spazolin e dentifricio xe propio nela sala del biliardo, in bagno l’elastico, in cusina el deodorante. Tuto torna.
Morimo in leto, in atesa de svegliarse e partir.
Co riverzemo i oci, Massimo no xe più. El se ga sveglià prima per ciapar el treno. El suo viagio prosegui, in giro per meza Europa assieme a altri muloni. Sul suo leto, el ne ga lassà sete biglietini, che legeremo tuti insieme durante la colazion. Momento emotivamente notevole.
Scendemo a spetar el mulo Robert. Sul suo furgon, el ne porterà de Cracovia a Opicina in 12 ore. Dale 9 ale 21, con due pause, pranzo e cafè. Poi, dopo gaver vardà el panorama del’Obelisco, el ripartirà per arivar de note a Monaco. Praticamente Superman. Grande Robert.

Sul furgon, le sensazioni xe strane. Ripercoremo per lunghi trati esatamente la strada che gavemo fato al’andata in bici. Par de tornar indrio nel tempo, col riavolgimento veloce. Ma de qua, oltre i vetri, xe tuto un poco più distante. Zoghemo a cotecio e Paolo se autosequestra. Sul furgon, el viagio no te interessa più tanto e no te vedi l’ora de rivar. Per bever l’ultima de Vatta e poi scender de corsa in barachin a Barcola.
La chiusura la lasso ai sete biglietini de Massimo, che democraticamente go tegnù tuti mi. Qualcossa de più bel no saria capace de scriver. Grazie Massimo che me risparmia fadiga 😀
Ciao muloni, scuseme ma la baba no gaveva tochi de carta più grandi. Inoltre go perso la mia penna, quindi ghe go domandà un’altra che ghe go dito ghe tornerè voi. Falso, perchè la go cipetada. Cazzi vostri. No penso gnanche che ve la chiederà indrio.
2 righe, incagolade, per dir a tuti Grazie (in ordine ala cazzo de can).
Esperienza fantastica, pochi pol saver cos’che vol dir far 1000 Km in bici con una clapa compagna. Fadiga, ridade, monade, sudore (go scritto un chiasmo?) (Saveme dir, che iera figo se sì).
Me go trovà ‘ssai ben con tuti, nonostante la diferenza d’età all’inizio me gabbi un po’ spaventà (e qua parti le rime baciate). Alla fine no me go sentì el più picio, perchè Michele xe talmente mona che sembrava lui el fioluz. Grazie per tute le monade che te disi e per tute le lingue che te parli!
Grazie a Siani per lo stimolo sportivo, che me ga spinto molto oltre quei che pensavo fussi i miei limiti. Grazie a Cionn, il MacGyver de Buje, per tutto quanto e per la borraccia (in particolare però per l’istinto paterno). Grazie a Pasta, per la birra che me devi e per la gita in qlandia che faremo. Grazie a Paolo “Murdoch” Stanese, perchè te son sai gentile (anche i altri però) e fora come un cul. Ultimo ma non per importanza: Diego. A ti un super grazie (ma anche al spritz pompelmo) per gaverme invischiado nella faccenda. Grande.
Spero un sacco de poder vignir in futuro ad un’altra ciclomonada, ma me sa che sarà la fila de qua fin Borgo. Vedaremo. Vincitore del viaggio? Miglior mona del viaggio? Mi, che el mio no xe gnanche a metà. Dopo sto tren de oggi xe tutta in discesa. Ve penserò e narrerò le nostre gesta.
Ciao a tutti, xe stà un piazer.
Sicuro me farè la punta al cazzo che go fato erori grammaticali: magneme el cul, anzi, sazemelo.

Tag: , , .

6 commenti a Trieste-Krakow in bici 12: i titoli di coda degli Smashing Pumpkins

  1. Avatar michele zazzara

    super! 😀

  2. Paolo Stanese Paolo Stanese

    Tuto torna… Anche noi. Bela aventura, bella clapa, bel raconto/resoconto.
    Non ve dimenticherò mai, muloni!

  3. Avatar Riccardo "Cionn" Ferrari

    Bel, son comoso. Solo preciso che go zercà la mula su Facebook solo per voialtri scapoli 🙂 (no volessi ciapar lignade postume !!)
    Altro particolare delle drunk queens: le iera perennemente scalze (a pie nudi, no coi calzini), anche in tei cessi de l’ostel, veramente un monumento all’igiene !

    E poi la colazion de l’ostel iera mitica, roba de soto-soto-soto marca butada ala rinfusa sula tola … Però semo vivi e nisun gA ciapà el squero !!

  4. Avatar Johnny dePesce

    e mo? cossa spetto de lunedì e de giovedì? ve go letto con talmente tanta avidità che me par de esser venù con voi…
    Bencazzada, ragazzuoli

  5. Avatar sfsn

    triestini scansafadighe: dovevi tornar indrio in bici. Quei che va in Polonia in bici e torna col furgon xe dele pipete!

  6. Avatar siani

    la letura dei biglietini de massimo a colazion xe sta un momento veramente commovente e anca desso, rilegerli qua, me ga fato lo stesso effetto.

    solo una roba prima che qualchidun che xe sta a cracovia ne accusi de inciviltà. le sedie in mezo ala piaza xe un’opera d’arte in memoria del’olocausto (le sedie rapresenta el mobilio e i vestiti e i ricordi che i ebrei deportai ga dovudo abbandonar nele case del ghetto) e, contrariamente a quel che par dal racconto de diego, no se semo sentai su quele sedie.

    ps: ara che la foto col drago che suffia fogo la gavemo, zerca ben e pubblica che la xe figona

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.