24 Aprile 2012

Elezioni comunali: Roberto Maroni ad Aurisina per sostenere il candidato sindaco Urlini

La Lega Nord cala l’asso e chiama a Trieste, in vista delle amministrative del 6 e 7 maggio, Roberto Maroni. L’appuntamento è fissato per venerdì 27 aprile ad Aurisina, per una conferenza stampa che si terrà alle ore 11 presso la casa della pietra Igo Gruden (Aurisina Cave, 16) alla presenza del candidato sindaco Fabio Urlini e dei vertici locali della Lega Nord. Tra questi, il neosegretario provinciale Pierpaolo Roberti, che a meno di due settimane dalla nomina ha già di fronte a sé l’importante scadenza che definirà la guida politica del Comune carsico dopo dieci anni di Giunta Ret.

«L’arrivo di Roberto Maroni è per noi al tempo stesso motivo di orgoglio e fonte di grande motivazione –spiega Roberti-, dal quale dobbiamo trarre la giusta carica per affrontare il rush finale verso il voto di maggio. Oltre ad esser stato il miglior ministro dell’Interno della storia della Repubblica, Maroni è senza dubbio uno degli esponenti più amati dalla base del partito: averlo al nostro fianco in questa tornata ci fa dunque ben sperare per l’esito delle urne.»

«Stiamo infatti lavorando –fa sapere Roberti- per portare a Duino Aurisina anche altri esponenti nazionali della Lega Nord, con l’ambizioso obiettivo di alimentare una crescente attenzione dei vertici politici nei confronti delle realtà periferiche, coltivando in maniera proficua quel dialogo con amministratori e cittadini che ha sempre rappresentato il fiore all’occhiello del nostro movimento.»

Tag: , .

46 commenti a Elezioni comunali: Roberto Maroni ad Aurisina per sostenere il candidato sindaco Urlini

  1. Avatar Rupel

    se nel programma della lega ritorna la divisione dello stato italiano in tre stati separati, allora voto lega. Questo saria per noi triestini il primo passo verso un possibile ritorno alla ns.tanto amata madrepatria Austria

  2. Avatar Fiora

    mi son tentada ma per altri motivi.
    Satura dei buonismi de l’acoglienza disenada a oltranza e pa. piè. de contabili che per paregiar INVANO i conti, sa solo incarigar de tasse QUEI che DA SEMPRE LE PAGA!

  3. Avatar Sandi Stark

    Cittadini de Nabrezina, serè a ciave le porte de le case. Atenti ai tacuini, ocio al muf. Come sempre, po’.

  4. Avatar Alessandro

    la Lega delle origini gavessi dovudo aver buon successo tra gli sloveni: autonomia da Roma, identità territoriale e rispetto per le lingue/dialetti.
    PS: Rupel, l’Austria sarà la TUA madrepatria, non genericamente la NOSTRA.

  5. Avatar ufo

    Ma che Maroni dei miei marroni. Mi voio el trota! Perchè sangue no xe aqua (e perchè cussì el podessi dirghe de novo a Fedriga quel che ghe ga dito altra volta).

    Trota de Glinšca forever! O almeno fin el prosimo giro…

  6. Avatar dimaco

    ocio che I riva e I ve ristrutura la casa. Voi sare al bar e co torne’ gave la veranda nova

  7. Avatar Fiora

    @5 no stuzigarme UFO! te sa no, che al Trota lo voio Presidente e Segretario del costituendo Partito dei Paiazi (legasi l’altro thread ) Quanto a mi, la mia maestra de vita xè diventatada la…Bela Rosin dela Lega 😉

  8. Avatar dimaco

    Come maestro de vita me par meio mario pacego donasimiento fiora.

  9. Avatar Tergestin

    Per mi i triestini indipendentisti e simili devi star ala larga dala Lega se no i vol smerdarse le man con ideali oltretuto ‘sai distanti da quei che i ga sempre avudo storicamente.

    I mii do’ centesimi.

  10. Avatar Rupel

    @ Alessandro
    mui son triestin da molte anzi moltissime genarazioni, ti evidsentemente te son vegnú da quzalche altra parte e te son talian, questa xe la differenhza

  11. Avatar Tergestin

    @ Rupel

    I pochi che a TS i parla poco e mal de Austria o TLT, per mia esperienza xe quasi tuti individui che quela storia no la conossi perche’ ne lori ne i sui avi la ga vissuda. Piu’ una picia ma significativa percentuale de indigeni che a sventolar tricolori e a contar floce, magari rinegando le proprie origini (basta veder i cognomi) i ga fato discrete cariere politiche, anca perche’ altro no i saveva e no i gaveva voia de far.

    Questa xe almeno la TS dei ultimi 40/50 anni e bel saria poder esser smentidi…..

  12. Avatar aldo

    Mi son de sinistra e libertario e penso che el stato italian xe el pezo de l’Europa Ocidentale perchè ne impinisi de tase e buocrazia e ne dà pochi servizi, ma…

    …una roba xe el stato e l’altra l’apartenenza nazionale che un senti e questa xe una scelta culturale e no una question de cognomi de origine (un pol ciamarse Rossi, viver a Stoccarda de tre generazioni e sentirse tedesco e no italian) che questo dei cognomi xe un discorso del “sangue” che se ga, sai pericoloso come se ga visto nei anni trenta quando un tipo coi bafeti lo ga fatto, e poi…

    …anche sto discorso sula triestinità basada sui avi xe sai ma sai reazionaro perchè un’identità (triestina o altro) xe qualcossa in evoluzion, no una roba datada a un momento del pasato (qual poi?) e infine…

    …sta pretesa de eser “veri triestini” e de parlar a nome de tuti xe iper-reazionaria: chi vol l’Austria o el TLT se presenti ale elezioni e ciapi i voti, cussì vedemo in quanti i xe: in democrazia se fa cussì, cussì i fa autonomisti e indipendentisti baschi e catalani, cussì ga fato la Lega Nord cola storia dela Padania, cussì fa tuti quei che ga qualche consenso fra la popolazion, i altri se la conta tra de lori, dela serie…

    …ciacole no fa fritole!

  13. Avatar Alessandro

    @10 ma cossa vol dir? Semplicemente come te fa a dir che l’Austria xe la NOSTRA madrepatria? Sarà la tua, no la mia. L’appartenenza nei paesi occidentali de matrice latina xe volontaristica inveze in quei tedeschi e slavi la xe basada su sangue e suolo. Uno pol esser triestin e esser italian, slavo, tedesco e chi ne ha più ne metta… chi ga dito che l’Austria xe la NOSTRA madrepatria? E poi se se pol parlar mal dell’Italia (anche giustamente) no vedo perché no se pol contestar l’effettiva sussistenza de uno stato che IN PRATICA no xe mai nato veramente (senza disuterghe troppo su, so che per un periodo iera el TLT) e la cui creazion iera semplicemente funzionale al contesto internazionale e alla cortina de ferro e su cui studiosi de diritto internazionale dà pareri molto discordanti.

  14. Avatar Alessandro

    per la cronaca, dato che tergestin ipotizza che son talian, pur non essendo sicuro credo che un ramo della famiglia sia veneto e l’altro de qualche parte vizin l’Ungheria. ma stemo parlando de periodi in cui la statualità gaveva un valor veramente relativo…

  15. Avatar ufo

    @6 dimaco, e che problema xe? Se in sto paese un ministro che nol se ga corto che un fornitor ghe ga pagà metà casa no solo el xe libero ma zà se sburta per una poltrona. mi son più che disposto a corer el riscio ne no corzerme del sopalco novo. O che i me ga ripara el ruk del auto, se i vol far le robe con discrezion. Anca gome nove andassi ben.

    In cambio prosimo carneval disposto vestirme de gueriero celtico, tanto fra quel e barbaro slavo chi te vol che sapi la diferenzija. Se sul mercatino vedè che un zerca “uno spadone da kg 10 almeno”, savè che gò una veranda nova. Verde.

  16. Avatar aldo

    Sti discorsi dele origini, dei cognomi, dei avi, de noi semo i “veri” xe tuta roba reazionaria d.o.c. che no c’entra niente cola destra democratica, liberale o libertaria vegnuda fora dale rivoluzioni americana e francese, ma sopratuto…

    …no ga gnente a che far cola sinistra, in qualsiasi modo se interpreti el conceto de sinistra: lo digo solo per far chiareza, dopo de che in democrazia ognidun xe libero de far tuti i discorsi reazionari che vol

  17. Avatar aldo

    @15 ufo

    mi me secasi vestirme de gueriero padano per l’elmeto coi corni

  18. Avatar Fiora

    @Aldo mi no son de sinistra, ma me par che con ste aleanze che i fa e i disfa colà ove si puote ciò che si vuole oramai anca sti distinguo xè bastanza relativi…pel resto penso tuto uguale de ti.In particolare sula apartenenza culturale e volontaristica dele genti latine. Zonto che sentirse triestini no vieta de sentirse ‘taliani e no vieta gnanca de parlar mal del Bel Paese…Anzi, a diferenza dei gnochi e dei galeti francesi,no parlemo pò dei albionici, noialtri in fatto de critiche semo campioni mondiali de l’autogol.

  19. Avatar aldo

    @18 Fiora

    semo d’acordo, a mi me interesava chiarir la natura de certi discorsi “sangue e suolo” che vedo ogni tanto saltar fora, anche perchè…

    …l’apartenenza culturale come scelta no xe una roba latina, ma universale e val per tuti i omini liberi de tute le culture, tedeschi compresi, mentre l’idea che semo ligadi ala tera e al sangue dei avi xe stada una bruta sbandada con teribili conseguenze

  20. Avatar Tergestin

    Che figada che da una frase i te meti in boca parole e conceti mai diti ne pensadi fino ad acusarte velatamente de esser paranazista. No xe un caso che Basaglia el grosso del lavor lo gabi fato qua.

  21. Avatar Alessandro

    @19 per noi che vivemo oggi son d’accordo ma una volta…

    “Fra le autorappresentazioni degli italiani e degli slavi però ci sono però anche alcune differenze importanti, legate a due diverse idee di nazione. Per gli italiani si tratta di una concezione volontarista, culturalista, inclusiva, che considera naturali i processi di assimilazione. Gli slavi invece, che mutuano la concezione tedesca (Blut und Boden), preferiscono una concezione etnicista, naturalista, che meglio si presta a difendere il corpo della nazione dal rischio dell’assimilazione culturale.” (http://www.irsml.eu/materiali-sul-confine-orientale/145-r-pupo.html)
    Se no ve piasi Pupo xe centinaia de altri autori che conferma le tesi sul blut und boden come elemento formante dell’identità tedesca e slava nella tradizion.

    Comunque vederemo come che anderà la Lega, per mi 15 anni fa la iera più vicina alle esigenze della gente e podeva far ben tra le varie minoranze salvo che i voti no andava ai vari SVP o SSK ecc ecc

  22. Avatar aldo

    @20 Tergestin

    Te ga parlà ti de avi, de cognomi, de rinegar le origini e de ste storie qua e questi xe discorsi reazionari in parte de tipo legitimista anti-rivoluzione francese e in parte tipici dela mistica de “sangue e suolo”…

    …e quindi mi no te go acusà “velatamente”, ma te lo go dito ciaro e tondo qual xe la natura de sti discorsi e inveze de dimostrarme che no xe vero, che me sbaio e che avi, cognomi e origini xe discorsi che fa parte dela cultura democratica, te me disi che son mato, ma…

    mi sarò mato, ma, preferiso far parte dei mati che parla el linguagio del’apartenenza culturale come scelta e non come dato de natura, dell’identità locale come evoluzione aperta e non come origine in un passato mitologico, mentre inveze…

    …quei discorsi su avi, cognomi e origini crea el humus giusto per i Le Pen de turno.

  23. Avatar aldo

    @21 Alessandro

    certo che xe tanti autori che dà sta interpretazion, ma mi no son mai d’acordo de atribuirghe a una cultura un’ideologia solo perchè questa ideologia xe stada forte presso quela cultura…

    …i principi dele rivoluzioni americane e francesi xe universali anche se xe stadi più forti in quei paesi come i principi socialdemocratici xe universali anche se xe stadi più forti in Scandinavia e quindi…

    …anche el principio “sangue e suolo” xe universale anche se xe stado più forte in terra germanica: per difenderlo i francesi dela divisione SS Charlemagne ga combatudo fin ala fine davanti al bunker de Hitler

  24. Avatar Tergestin

    No te son mato, solo un dei tanti troll che se infiltra qua dentro. O nela meio ipotesi, un che no ga studia’ una pagina dela storia de ‘ste tere salvo quel che ripeti a papagal i stessi che le ga rovinade pei propri comodi.

  25. Avatar aldo

    @24 Tergestin

    Mi comento qua de sai, ma sai tempo e se son un troll son un troll de sinistra, libertario, antifascista e antinazionalista perchè xe sempre questi i discorsi che go fato e xe in base a sti presuposti che no son d’acordo con sti discorsi de avi, cognomi e origini che a mi la mer de tuta evidenza de tipo reazionario e comunque la storia de Trieste qua no c’entra gnente perchè se sta parlando de principi universali, ma…

    …visto che semo pasai in fase insulti (mato, troll, ignorante de storia, ecc.) no son interesà a continuar, ribadiso le mie idee e la stima nei tuoi confronti gavendo leto tanti tui comenti interesanti e te saludo

  26. Avatar Alessandro

    Aldo, son abbastanza d’accordo con ti, non su tutto ma sui punti cardine… soprattutto con una esasperata ricerca delle origini del triestin che spesso se rifa ai miti imposti dai diversi nazionalismi per crear spirito de identità e appartenenza…

    …ora da una parte ora dall’altra.

  27. Avatar sfsn

    @ alessandro:
    me domando come fa Pupo a saver che “gli slavi mutuano la concezione tedesca” dell’identità nazionale, dal momento che el suddetto no sa una parola de sloven, croato, russo o qualsiasi lingua slava.
    Me par che Pupo (come ti, d’altronde) se riempi la boca de discorsi sull’identità nazionale, mostrando quela tedesca e “slava” come nazistoide e inveze quela italiana come “democratica” e “liberale”. Insoma, niente de diverso dela solita interpretazion “italiani brava gente”.
    Mi inveze gavevo leto una bela frase su “Memorie diverse” edito nel 2000 dalla Lint e sparì subito dale librerie. I ghe domandava ala gente cossa che i intendi per “Patria” e un ga risposto: “Patria xe dove che stago ben.”
    Eco, mi penso che sia sai pochi che – no solo a Trieste – pol ciamar l’italia “patria”. Al massimo xe un stato. Che in più te porta via soldi con equitalia.

  28. Avatar Tergestin

    Scusa Aldo, ma te pol capir che colegarme a certe ideologie me urta no poco. Xe le ideologie che da quando ga messo pie da ‘ste parti ga subito fato perder el lavor, interna’, manganelado, cambia’ el cognome e imposto el monolinguismo e tante altre bele robe ai mii avi, contadini e operai che da secoli se fazeva i fati sui e andava d’acordo con tuti. Dopo tuto questo, continuo ancora ogi a veder la mia cita’ in balia de quela miopia nazionalista e arogante, mentre la afonda in tel drek ogni giorno de piu’ a ogni livel: economico, sociale e culturale. E la stessa gente che la afonda xe oviamente quela che ga el monopolio su de essa, mediatico o storico che sia. Perlomeno domando che i soliti teste quadre racomandai dai vari giri de partiti e asociazioni clientelari che xe atorno a ‘sti circoli no i me disi de far le valigie e filar se no me garba. E trovo anca paradossale che tanti de questi i sia rivadi l’ altro ieri col fagotin e i zighi contro chi li ga acolti meio che in altre parti del Italia. Tuto qua.

  29. Avatar Tergestin

    Comunque a onor del vero Aldo, te pol capirme che esser asociado con quel che xe la mia nemesi per forza de robe no pol farme contento. Me son sinti’ mi insulta’ per primo e no iera mia intenzion far altretanto anca se oviamente davanti a certe robe se salta su.

    Metighe che in Bora xe pien de gente che entra spacciandose per democratica e dopo do’ batude (vedi indrio con Italiano gnanca do’ orete fa) salta fora tuto el loro nazionalismo piu’ otuso, l’antislavismo tipico e altre robe e un va sul difidente.

    Tuto qua, da parte mia no xe rancori ne incazadure sul piano personale verso nissun, specie se in bona fede.

  30. Avatar alpino

    perchè su bora la xe nazionalisti antislavi? dove? no li conosso!

  31. Avatar Bibliotopa

    Blut und Boden? a mi i me par quei del Inquisizion spagnola del Quattrocento, lori se vantava de gaver la “limpieza de sangre” e suggeriva de brusar i marrani,vegnui de fora, che no iera come lori “autoctoni”

  32. Avatar Sandi Stark

    Aldo, ma cossa te ga el brevetto de spartir “reazionario” e “progressista” in giro?

    Le conoscenze culturali che secondo ti fa l’appartenenza de dove le riva, dei libri o qualcossa anche se impara ciuciando el latte materno? O dalla famiglia?

    Mi conosso un per de persone che no so per che motivo, i se identifica con la Baviera. Giuro, i xe tifosi del Bayern, i va ogni ano all’oktoberfest eccetera. Bon, contenti lori, i ga fato la sua scelta de identificazion.

    Te vol saver una? Prima che nasessi mio fio, ghe fazevimo scoltar Mozart, perchè iera teorie che quando el fussi nato, el se gavessi ricordà e el se fussi calmà scoltando Mozart. Dito e fato, el gaveva nianche diese giorni de vita e ghe ciapa le coliche.

    E su e zò col picio in brazo tuta la note, e ghe metevimo Mozart sul stereo. E Vivaldi, e Schubert, anche Bach gavevo provà.

    Nianche pel cul.

    Finche per sbaglio, iera partide le marcie triestine, quel disco storico dei anni ’80 de Mihael Gunzek, che se te interessa te dirò chi che iera.

    Parti “Die Neue Bora”, co’ la solita rullada de quasi tute le marcie austriache. El picio tira su la testa. Bati la grancassa e taca la banda, come prescritto. E picio resta un attimo teso, pensavo che el se meteva a pianzer pel casin ma el fa un sospiro, el poza la testa su la spalla e dopo pochi secondi el ronfava.

    Ripetù l’esperimento e funzionava sempre. Anche senza musica, se ghe cantavo staierze o marcie austriache el se indormenzava.

    Praticamente ghe piaseva tutta la musica folk che sonavo mi in giro per le fraje, che sonava mio pare in banda, el fradel de mio nono capobanda soto l’Austria e mio nono stesso che de vecio l’impizava Radio Koper alle 6 de mattina per scoltar stajerze e Oberkrainer.

    Altra musica no el gaveva pel cul, le gavevo provade tutte meno che techno e rap.

    Pecà che no te ga visto coi tuoi oci e scoltà co le tue orecie, te gavessi podù dirghe al muleto che el iera “reazionario”.

  33. Avatar aldo

    @29 Tergestin

    Capisso che te son saltà su, ma no se gavemo capì e alora zerco de spiegarme sperando che no ghe sia altri fraintendimenti: mi no son indipendentista, ma da libertario penso che eserlo xe un dirito e xe perfetamente legitimo e no me sognasi mai de dir che xe una posizion reazionaria e tantomeno de dirghe a un che xe reazionario perchè xe indipendentista perchè tra le due robe no ghe xe nissuna relazion, ma penso anche che xe modo e modo de motivarlo…

    …motivarlo su basi economiche (tipo “Trieste xe un porto e col TLT podesi sviluparse”) o culturali (tipo “Trieste xe multiculturale e col TLT podesi eser un ponte tra le nazioni”) xe una roba, ma…

    …motivazioni basade su avi, cognomi, origini tradide, su chi xe un “vero” triestin, porta su una bruta china (come anche identificar l’ideologia de sangue e suolo con i popoli germanici o slavi) perchè questi xe i discorsi che tuta l’estrema destra europea ga sempre fatto e fa ancora ogi e contestar un nazionalista su ste basi xe farghe un favor perchè se casca nela sua stesa logica identitaria e pasatista. Per esempio: za ogi xe pien de serbi vegnudi a Trieste per lavor (come al’inizio del secolo iera pien de “regnicoli”)e un domani ghe ne sarà ancora de più. No i sarà veri triestini solo perchè i xe emigradi qua in certe circostanze storiche o i sta diventando anche lori parte dela nostra identità? L’identità de Trieste cambierà anche in funzion de l’emigrazion serba perchè l’identità de un logo no xe fissada in un punto X del passato, ma xe in continua evoluzion.

    Spero de eserme spiegà.

  34. Avatar Sandi Stark

    Te se ga spiegà na no del tutto. Fin che i serbi se comporterà da triestini come ga sempre fatto quasi tutti i immigrati, ben vegni. Nel momento che i serbi (o i cinesi o i senegalesi..) cominciassi a dir che Trieste xe serba o cinese, le robe za non andassi più ben.

    Metti caso che i serbi aumenti, che TS gabbi autonomia, che el Comun a maggioranza serba assumi impiegati serbi senza cittadinanza, che i ghe cambi i cognomi alla gente serbizzandola. A un certo punto i serbi diventa maggioranza. Dopo un poco, la Serbia invadi Trieste, perchè no? Se ghe xe rivài i italiani pol farghela anche lori. Bon, metti caso che i riscrivi la storia, che i ne cambi i cognomi, che i ne metti i uni contro i altri, che i ne porti odio etnico.

    Metti caso che i mandi a remengo l’economia della città (dificle più de cussì ma xe un esempio), metti caso che i fazi danni mai visti, che i fazei de cotte e de crude. Serbi, o cinesi, o mongoli… xe tanto per far un esempio.

    Bon, disemo che TS xe mongola da 94 anni, che gente come mi o altri, ghe disi. “No còcoli, no ne la cazzè. Le robe no xe come le contè, gavè fato questo e sto altro, se stava meio prima e non ne piasi niente de quel che fè e che gavè fato.”

    E che lori ne rispondi: “Qua xe Mongolia. Se no te piasi te pol anche andar via”.

    A quel punto, mi ghe disessi: “Cari Mongoli, la mia famiglia iera qua almeno dal 1620. Se qualchidun ga de andar via, ve toca prima a voi.”

    E per questo fussimo reazionari?

    Tra i indipendentiti del TLT ghe iera anche gente de sinistra, e che sinistra.

    Tra i indipendentisti del 1900 ghe iera gente de sinsitra, e che sinistra.

    Epur no i voleva l’Italia.

    Bon, ti te disi de esser de sinistra e libertario.

    Ma no sarà che te son anche nazionalista italiàn?

    No saria nissuna novità, anche Pertini grande libertario, el ghe sparava al fradel de mio nonno a Tolmin, e forsi iera lui stesso l’assassin. In casa de altri, no ciamà e no volù.

    E quando i compagni triestini del 1919 domandava l’indipendenza come Danzica, per un bel esperimento internazionalista e multietnico, Pertini o i altri socialisti italiani ghe gaveva mandà solidarietà? A mi no me risulta.

    El stesso Turati diseva nel dicembre del 1917 che bisognava “liberar” le “terre irredente”. Ma senza domandarghe ai compagni triestini se i iera d’accordo.

    E anche Napolitano, xe nazionalista forte. Pensa che al ga dito ai sudtirolesi: “Voi siete italiani”.

    El ga anche dito che le foibe iera “Pulizia etnica”. E sulle foibe ga dito cazzade Violante, Fassino e tanti altri de sinistra, che sembrava de scoltàr i fassisti.

    Perciò no me stupirìa, saver che te son de sinistra e libertario, ma nazionalista italiàn.

  35. Avatar aldo

    Grazie per el paragon con el grande Sandro Pertini: no merito tanto!

  36. Avatar Fiora

    @TERGESTIN e ALDO
    Stavo leggendo con l’interesse de una che gabi le proprie idee ma con l’umiltà de chi le confronti per meio inquadrarle e sopratuto per imparar…quando me son imbatuda nel post 24 ‘ndove Tergestin da del troll A ALDOOO! a uno dei coutenti più eclettici, equilibradi, documentadi e no a papagal, schiettamente umoristi, senza mai travalicar i limiti.
    Beh se quel “troll” xè un vitz no diverti, se xè dito con serietà, lo contesto se rivolto ad Aldo al pari del pregresso spreco del termine “razzista” da un poco sparì dalle righe anche le più inviperide…forsi per acquisido tardivo senso dela misura e del ridicolo…
    Bon volevo solo manifestar a Aldo la mia stima e simpatia,motivada dalle ragioni succitade…
    esortando i altri amici, almeno qua a ripor l’ipotetica “scopa di Maroni”, che i dopra ognivolta che qualchedun li contraddissi.
    Tra parai fora e volontariamente ritiradi, el blog ris’cia de trasformarse in un monocorde centro de yes people! 🙁

  37. Avatar bonalama

    basta coi comuni s’cenze! accorpar tuto. leghisti fora dale bale!

  38. Avatar Tergestin

    Manifesta quel che te vol Fiora, con Aldo go za’ chiarido che per quanto mi gabi sbaia’ modi (no vegno dai colegi svizeri e purtropo se nota) lo go fato per via de certe frasi e certi contesti. No go assolutamente niente contro de lui e presumo sia stado un malinteso generico che in rete pol capitar. Mi no invoco ne go mai invocado “scope alla Maroni” gnanca per l’ ultimo illustre bannado su ‘sto blog. El quale per farse capir ga esasperado i limiti comunque molto elastici dela redazion e ofeso e provocado diversi utenti, fregandosene sempre davanti a ogni richiamo al bon gusto. No go mai chiesto el suo ban ma nel caso specifico lo trovo assolutamente comprensibile. E no c’ entra niente con l’ esser “yes man” , un tanto per chiarir ‘sta storia…

  39. Avatar Sandi Stark

    A chi ghe pol interessar, el discorso de Pupo xe assai più complicato de come sembra legendo qua una o due frasi incollade. Se ben me ricordo iera un intero capitolo de un suo libro, dove el spiegava le differenze del nazionalismo italian e quel sloven.

    El diseva tra l’altro che per tradiziòn, el nazionalismo italian xe nelle città, che vedi el “territorio” come un’estension cittadina. E pertanto podeva esser delle città etnicamente avulse dal territorio. El citava anche l’epoca dei Comuni itlaiani del medioevo, per spiegar sto concetto.

    Mentre i sloveni e i slavi xe l’inverso, cioè le città vien sentide come frutto del territorio, e per lori xe inconcepibile che una città no gabbi la stessa nazionalità del territorio. E che anche da questo, derivava le rivendicazioni territoriali de Tito.

    E no iera nissuna critica o giudizio, el tentava solo de spiegar le differenze e come mai le parti no se rivava a capir, perchè le vedi le stesse robe con oci assai diversi.

    Questo per quanto me ricordo, ma i libri bisogna legerli, no se pol copiar libri o intieri capitoli de tot. pagine qua sui forum.

  40. Avatar Fiora

    @38 Tergestin,basti la portata del tuo risentimento anche alla mia osservazion per darme la conferma che in fondo tropo capelà no go, nel scriver quel che go scrito.
    Gnanca mi no go fato scole svizere e per restastr …tergestina anca mi, te dirò ‘lora, che modus est in rebus.
    Lungi de mi farte colpe personali de alontanamenti che xè sempre a insindacabile giudizio dela Redazion che ne ospita.
    Me limitavo a dir che se volemo un coro senza vosi che se ne discosti,el dialogo diventa ‘ssai meno stimolante.

  41. Avatar Tergestin

    Nissun risentimento. Evidentemente me spiego mal mi.

  42. Avatar hobo

    mah, io non ho letto il libro di pupo, ma mi pare che gia’ solo parlare di *un* nazionalismo italiano sia piuttosto riduttivo. il nazionalismo di mazzini era diverso da quello di timeus, tanto per dire.

    (a me non piace nemmeno mazzini, con la sua idea che dio avesse assegnato ad ogni popolo dei confini “naturali”. sara’ pure un nazionalismo basato sullo spirito e non sul sangue, ma sempre di popoli o nazioni visti come entita’ metastoriche si tratta.)

    per come la so io, l’ idea stessa di nazione e’ figlia dell’ era moderna, dell’ invenzione della stampa, dell’ ascesa della borghesia. la proiezione nel passato, remoto o addirittura mitologico, delle radici della nazione, fa parte della costruzione culturale sette/ottocentesca del concetto di nazione.

    per come la vedo io, l’ espressione “prendere coscienza di essere una nazione” e’ molto criticabile. questa espressione presuppone che una certa popolazione su un certo territorio fosse gia’ una nazione, pur senza averne coscienza. invece, sempre per come la vedo io, una popolazione su un certo territorio diventa una nazione solo nel momento in cui comincia ad autorappresentarsi come tale.

    va da se’ che poi bisognerebbe specificare di quale parte della popolazione si sta parlando. perche’ ad esempio il nazionalismo francese e’ soprattutto un nazionalismo genuinamente borghese (ma in francia esiste anche un nazionalismo arcaicizzante, vandeano). nell’ europa centro-orientale e nei balcani il nazionalismo e’ nato soprattutto come tendenza da parte delle dinastie regnanti di rilegittimarsi su basi differenti nel post- rivoluzione francese.

    (in ogni caso, i vari tipi di nazionalismo non sono conseguenza di presunti caratteri ancestrali delle nazioni, ma del contesto storico in cui si sono sviluppati)

    cosi’ almeno la pensa benedict anderson.

    http://en.wikipedia.org/wiki/Benedict_Anderson

  43. Avatar hobo

    (va anche detto che la legge sulla cittadinanza basata sullo jus sanguinis invece che sullo jus soli pone l’ italia in una posizione vicina alle prassi di uno stato nazionale definito su basi etniche piuttosto che su basi civiche)

  44. Avatar hobo

    @alessandro#21

    a proposito di quel che dice pupo su una presunta “concezione volontarista, culturalista, inclusiva” dell’ idea di nazione nella cultura italiana, ti riporto le parole con cui giovanni pascoli conclude il suo famoso scritto “la grande proletaria s’e’ mossa”, in cui celebra la conquista della libia nel 1911:

    “Benedetti, o morti per la Patria! Voi non sapete che cosa siete per noi e per la Storia! Non sapete che cosa vi debba l’Italia! L’Italia, cinquant’anni or sono, era fatta. Nel sacro cinquantennario voi avete provato, ciò che era voto de’ nostri grandi che non speravano si avesse da avverare in così breve tempo, voi avete provato che sono fatti anche gl’italiani.”

    qui c’e’ l’ idea di una nazione che completa la propria presa di coscienza nazionale attraverso una guerra di conquista.

  45. Avatar hobo

    ma in italia nel 1911 c’era chi la pensava in modo completamente diverso:

    http://www.umanitanova.org/n-11-anno-91/guerra-di-libia-1911-masetti-colpisce-giusto

  46. Avatar Tergestin

    Mi son dell’ idea che i stati nazionali xe destinai ad andar per le sue. No sara’ doman ne dopodoman, ma prima o dopo i cambiamenti sociai ed economici dara’ el suo peso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.