1 marzo 2018

Voleria far l’ator: me piasi, parteciperò, no ghe penso propio

el sunto Terzo appuntamento con la rubrica dedicata al mondo del teatro. Oggi si parla della promozione, dai tempi antichi ad oggi

Esser spetator xe magico. Col solo bilieto te entri in un picio mondo ricreà. Le luci se studa, le ciacole se zitisi, el tempo de sospirar e se verzi el sipario. El sipario xe una metafora perfeta, quela tenda co se verzi la te fa veder de una finestra un mondo “altro”. El bel del teatro xe che quel che succedi te sucedi davanti, ‘desso, qua.

Ma disemoselo, xe una ciolta pel… fioco. El teatro per viver devi esser organizà. Nei teatri più grandi xe muci de persone che lavora per ‘ndar in scena. Co te parli de lavoratori del spetacolo se pensa ai atori, ma per fortuna no xe solo lori. I tecnici e le diverse maestranze, che popola el drio le quinte dei teatri, rendi materialmente possibile el spetacolo (ma de lori se riservemo de parlar in un altro articoleto, i xe tropo spesso sotovalutai).

Chi rendi possibile l’apertura de quela bela tenda rossa de veludo xe l’organizator, un ruolo che pol esser de un solo o de intieri ufici. Za i greghi del quinto secolo prima de Cristo, ad Atene, se gaveva ‘corto che per far teatro ghe vol ‘sai organizazion. Lori se gaveva inventà una figura che pozava la pila e che fazeva reclam al spetacolo, i lo ciamava “corego” e fazeva parte dei pileri ateniesi. El corego che organizava, durante le festività religiose (come presempio le Grandi Dionisie), el spetacolo più bel iera considerà un figon in cità (per capirse come quel che ga più FOLOUER de tuti). ‘Sti qua se ‘sai impegnava a far saver ala gente giorno, ora e dove iera el spetacolo fazendo anca anunci publici. A Roma in epoca imperial, per farse conosser, i se ga inventà le locandine.

Si, la reclam ne osesiona. Xe necessità. El publico ga de saver. Se no savè ve digo mi, senza de lori no se fa spetacolo. ‘Desso xe conferenze stampa, ufici intieri che se ocupa de questo nei teatri.

E po xe FEISBUC.

E come diria Totò FEISBUC xe una livela (no gavemo trovà una de Cechelin che tachi), tuti pol far un evento. Anca i giovani che se vol far conoser, anca noi co organizemo qualche spetacolo fato de noi (savemo che no ghe credè, ma ne piasi scriver).

Te fa l’evento, te ghe meti la foto, te partorissi una descrizion (el verbo no xe messo a caso, ghe vol anca nove mesi per meterse d’acordo su cossa scriver) e po te inviti tutta la lista de amizi. Senza discriminazion te inviti el compagno de l’asilo, quel conossu una sera in osmiza, tu cugina in America e te speti.

Te speti el primo comento, el primo parteciperò. La matina te se svei e te va a controlar, te pranzi e te va controlar, te zeni e te va a controlar. I vien in sei:

mi, ti, l’altro ator, el tecnico, mama Consuelo e Noemi (ela vien sempre).

Passa le ore, i giorni… nissun scrivi, no ghe piasi a nisun! Cossa femo? ‘Desso ghe mando a tuti l’evento come mesagio privato, no i oserà ignorarme.

Cossa volè noi atori femo el possibile. Taza anime, ma mai arenderse.

Se rivedemo fra quindise giorni, intanto staremo a spetar incocalidi davanti del computer el vostro primo comento.

Tag: , .

2 commenti a Voleria far l’ator: me piasi, parteciperò, no ghe penso propio

  1. Fiora

    ecola! Con gran partecipazion e un bicc de tenereza x tuto el retroscena.
    Ma anche cussì co’ l’incognita, l’aspetativa, la delusion e le sodisfazioni, magari rare, magari efimere, mi me par che co’ Thalia e Melpomene ciama ,dir presente! sia per voi atori un imperativo categorico…come pei preti!

  2. giorgio (no events)

    …che a proposito de preti, ve dirò che mi, quando vado in teatro, me par come de andar a una funzion religiosa: con i sui riti, i sui altarini e tuto.
    E più de una volta me xe vignù de pensar che sul palco, in realtà, xe un specio. Un specio tanto potente che ne mostra tuto quel che gavemo dentro: miserie e pregi, scovaze e diamanti.
    Per no parlar che quando un (o una) sul palco te parla, te varda nei oci, se movi, sospira, ziga, me par che me parli a mi, me varda a mi…
    …per questo, anche se xe posto e rivo a pagarlo, no me meto mai in prima fila.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *