12 Gennaio 2010

La storia friulana di Carlino e Maria La Longa

Oggi el Quel dela Quela ospita per la prima volta Federico Manna, autore del Club Cinematografico Triestino, che ci mostrerà come i paesi del Friuli nascondano nei loro nomi una storia d’amore da far invidia a Romeo e Giulietta…
“Era risaputo che Maria La Longa era un gran Ampezzo di Fagagna e che Carlino aveva spesso voglia di Gemona…o di qualsiasi Porto Buso che gli andasse a Grado…”

Tag: , .

6 commenti a La storia friulana di Carlino e Maria La Longa

  1. ah-ah! attenzione!!!!!!!!!!!!

    è praticamente lo stesso monologo di Luciano Bronzi che credo stia nella cassetta “el tranvier”…

  2. si, ghe xe incerteza sula paternità del testo.
    anche dario zampa (che xe furlan) ga un toco ssai simile:

  3. quel de bronzi xè degli anni ’80…

  4. Ciau muli,
    ve confermo che el testo originario xe stado scrito dal compianto Luciano Bronzi. Diversi altri in seguito lo ga doprado e a volte fazendo qualche picola modifica, resta comunqe el fato che l’autor xe ZIO LUCIANO.
    Se ve interessa qua
    http://www.tuttotrieste.net/prsng/bronzi.htm
    podè trovar el testo originale de “carlino e maria la longa” e le mitiche “marisa” e “che putela!”
    Ciau

  5. Thanks Massimo 😉
    Quindi i titoli de coda saria:
    Rielaborazione del testo di Lodovico Zabotto da un’idea originale di Luciano Bronzi.

  6. Avatar adolfo melilli

    questo e’ il testo, diffuso attraverso il nodo della rete Fidonet “Fatal Error” (Fido Pordenone), nel 1984…

    TO: tutti

    FROM: Adolfo Melilli

    SUBJECT: avventura di sesso in Friuli

    premessa: i nomi scritti in MAIUSCOLO sono nomi ci citta’ e paesi
    friulani….

    un giorno, a CARLINO venne una voglia FRATTA DI GEMONA, e disse a MARIA LA
    LONGA che era un gran AMPEZZO DI FAGAGNA: “Vieni, andiamo un ATTIMIS nella mia VILLA SANTINA che ti faccio provare un bel TRAMONTI DI SOPRA”

    MARIA LA LONGA, che era timida e appena uscita dall’ILLEGIO, rispose dolcemente: “si, che vengo nella tua CASARSA, ma solamente per un AZZANO DECIMO di secondo!”.

    E cosi’ presero un TOLMEZZO, attraversarono un FIUMICELLO su un ponte di BARCIS, poi una COLLINA e infine arrivarono al PALAZZOLO.

    A questo punto MARIA LA LONGA prese dolcemente CARLINO per PRADAMANO, gli diede un bel BARCIS sulla bocca e lo condusse sul BORDANO di un PRATO CARNICO e, accarezzandogli il BICINICCO mentre si titillava il SIGILLETTO gli sussurro’: “bel MORUZZO, sono tutta BAGNARIA ARSA di desiderio, SOCCHIEVEmi la TAIPANA e lasciami sorbire il tuo RIGOLATO”.

    CARLINO le rispose: “io saro’ anche un MANIAGO, ma tu sei proprio una bella PORCIA!!!”

    Le tocco’ dapprima il PORPETTO, poi le TOLMEZZO’ le mutande, estrasse l’ERTO CASSO e lo inseri’ di prepotenza nella STREGNA TORVISCOSA gridando: “sei CHIUSAFORTE, ma ora ti VERZEGNIS ben io!”

    Intanto MARIA LA LONGA strillava come un’AQUILEIA: “ce l’hai TREPPO GRANDE! sei troppo ROVEREDO! FLAIBANO che c’e’ piu’ gusto!”

    e CARLINO a lei: “ora te lo metto nel SEDEGLIANO” –

    “NIMIS” urlo’ sconcertata lei, “questo e’ OSOPPO!, GIAIS! mi fai MALBORGHETTO!, MAIANO
    che non sei altro, MORTEGLIANO te e tutti i tuoi parenti!!!”

    “MUZZANA, BUDOIA!” rispose urlando CARLINO, e poi penso’, con LESTIZZA: “ora ho il CAVAZZO MOGGIO e l’AMARO in bocca….
    ——–
    nom ci sono tutti i comuni del Friuli .. alla prossima release..
    Ciao e auguri !!!!

    — Via OpXpress V1.07á “Silver” Adolfo Melilli – Iv3BYA – SysOp 333/1
    * Origin: Opus_PN [La Principessa sul Pisello] 0434/32020 2:333/1.0
    SEEN-BY: 333/1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.