2 Novembre 2021

‘A livella in triestino

el sunto 'A livella, poesia drammatica in italiano e napoletano, scritta da Totò nel 1964, diventa in triestino La bola, di Flavio Furian

Pubblichiamo la versione di ‘A livella, poesia drammatica in italiano e napoletano, scritta da Totò nel 1964. ‘A livella è stata rivista in triestino da Flavio Furian: La bola.

La bola (‘A livella)

Ogni ano el 2 de novembre xe l’usanza
per i defunti de ‘ndar in cimitero
saria de gaverla tuti sta creanza
saria de gaverlo tuti sto pensiero.

Ogni ano puntualmente xe sto giorno
de questo trieste e mesto aniversario
anche mi vado e con i fiori adorno
el loculo marmoreo de zio Mario.

Sto ano me xe tocado un fato grosso
propio mentre fazevo el triste omagio
Madona, robe che me cago ‘doss
po me son fato un poco de coragio

El caso xe sto qua steme a sentir
se avicina l’ora de chiusura
mi zito zito stavo per uscir
butando l’ocio a qualche sepoltura.

“Qui dorme in pace il nobile marchese
Signore di Rovigo e di Belluno,
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l’11 maggio del ’31.”

El stema e una Corona sora a tuto
soto una crose fata de lucete
mazi de rose lista e nomi in luto
3 cerini 6 lumini e candelete.

Tacà de tomba de sto rico sior
ghe iera n’altra tomba cicineta
abandonada senza gnanca un fior
per segno solamente una croseta:

e sora de sta crose se legeva…
di Ulcigrai Gualtiero Scovazin
vardandola che pena che fazeva
sto morto senza el resto de un lumin.

Varda la vista, in testa mia pensavo,
chi ga gavù tanto e chi no ga gavù niente
sto povero de un Cristo se spetava
de anche nel’altro mondo esser pezente!

Con sto condoto in testa… ma per vero!
Ormai la mezanote iera ‘ndada
e son rimasto chiuso in cimitero
tra i loculi a far notolada

eco de colpo vedo de lontan
do ombre che se ciacola là in zona
Pensavo… go bevù tropo teran?
Son sveio, dormo… o son diventà mona?

Altro che fantasia iera el marchese
capel de pila e tuto imbatarà
vicin un scovazin bobaborghese
con scova scovazera e spetinà.

E chi te vol che sia, ma xe Gualtiero,
quel morto senza pila e con la piomba
sta roba e mi confuso vedo nero
xe morti e i xe scampadi dala tomba?

Adesso li gavevo visavì
con modi de cagon el signoroto
ghe disi con quel tiro “chi son mi”
a Uolter “Senta caro giovanotto

Da voi vorrei sapere vile carogna
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir per mia vergogna
accanto a me che sono blasonato!

La casta è casta e va, sì, rispettata,
ma voi perdeste il senso e la misura
la vostra salma andava sì inumata
Ma seppellita nella spazzatura.

Ancora oltre sopportar non posso
la vostra vicinanza puzzolente
fa d’uopo, quindi, che cerchiate un fosso
fra i vostri pari, tra la vostra gente”

“Signor Marchese, cossa posso far
mi no te gaveria mai fato sto gran torto
xe sta la vecia mia a farse ciapar
cossa podevo dir, se iero morto

se fussi vivo ve faria contento
ciolessi i mii osseti e con sto muso
ciapassi tuto e propio in sto momento
me racapiteria in un altro buso”

“E cosa aspetti, o turpe malcreato,
che l’ira mia raggiunga l’eccedenza?
se io non fossi stato un titolato,
avrei già dato piglio alla violena!”

“Fame veder dei, daghe de violenza
caro Marhese coss’te zerchi longhi
vara che ga una fine la pazienza
son morto, ma con ti mi sono i bonghi.

Ma chi te son? Dio? Goldrake? L’omo ragno?
qua dentro xe finide ste cagade
ciò ‘ndemo vanti e smonta de quel scagno
morti xe morti, el resto xe monade”.

“Lurido porco! Come ti permetti
paragonarti a me ch’ebbi natali
illustri, nobilissimi e perfetti
da fare invidia a principi e reali?”

“Sì sì, nadal, San Nicolò e l’epifania,
scoltime a mi cagheta… el colpo mola
mio nono murador me lo diseva
sa cossa xe la morte? Xe una bola!

Co riva un avocato un omo in pila
co riva qua te fazo un bel riassunto
finissi de esser el primo dela fila
te passi quel cancel, te meti el punto.

Perciò scoltime mi, no sta fa’l divo
che qua no xe caroze che te porti
lassa ste paiazade a chi xe vivo
noi semo seri, apartegnimo ai morti!”

Flavio Furian
(Da ‘A livella di Totò)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.